Guilandina bonduc

Guilandina bonduc

Il Bonduc comune o nicker grigio (Guilandina bonduc L.) è una pianta lianosa appartenente alla famiglia delle Fabaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Fabales, Famiglia Fabaceae, Sottofamiglia Caesalpinioideae e quindi al Genere Guilandina ed alla Specie G. bonduc.
Sono sinonimi i termini:
– Caesalpinia bonduc (L.) Roxb.;
– Caesalpinia bonducella (L.) Fleming;
– Caesalpinia crista auct. Amer.;
– Guilandina bonducella L..

Etimologia –
Il termine Guilandina del genere è stato dedicato al medico e botanico tedesco Melchior Wieland (Melchiorre Guilandinus, 1519/20-1589) che studiò a Roma e Padova e durante un viaggio in Medio Oriente per raccogliere piante venne catturato da pirati saraceni. Riscattato dopo anni dall’amico Gabriele Falloppio, diventò prefetto dell’Orto Botanico di Padova e professore di Botanica nella locale Università.
L’epiteto specifico bonduc proviene da bunduq, termine vernacolare arabo per nocciola (ex Merriam-Webster).

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Guilandina bonduc è una pianta con distribuzione pantropicale ed originaria delle zone costiere dell’Africa tropicale.

Descrizione –
La Guilandina bonduc è una pianta lianosa con steli lunghi fino a 15 m, di solito muniti di robusti aculei.
Le foglie sono alterne, composte bipennate, con 6-11 coppie di pinne; stipole pennate o 3-5 lobate, lunghe fino a 20 mm; il picciolo e rachide sono lunghi 15–80 cm; foglioline opposte con 6-9 (–12) paia per pinna, oblunghi, 2-4 cm × 1–2 cm, base arrotondata, apice arrotondato ad acuto, poco peloso almeno sulla parte centrale e sui margini. L’infiorescenza è a racemo con asse sopra-ascellare o terminale lungo 30-60 cm, densamente fiorito.
I fiori sono bisessuali o funzionalmente unisessuali, zigomorfi, con sepali liberi, disuguali, di circa 5 mm × 2,5 mm, quello più basso a forma di cappuccio; senza petali, disuguale, di 6-7 mm × 2-3 mm, artigliato, giallo, quello superiore di forma e dimensioni diverse; possiede 10 stami di circa 5 mm di lunghezza, filamenti pelosi verso la base; ovario superiore e stile corto.
Il frutto è un baccello gonfio oblungo 5-8 cm × 3-4,5 cm, deiscente,coperto di spine rigide e lunghe e pelose, contenente 1-2 semi.
I semi sono di forma ovoidale di 1,5–2 cm di diametro, lisci, duri e di colore grigio chiaro.

Coltivazione –
Il Bonduc comune è una pianta che nei suoi luoghi di origine fiorisce e fruttifica tutto l’anno.
I semi di questa pianta galleggiano e mantengono la loro vitalità in acqua per lunghi periodi. Questo spiega la sua presenza nelle aree costiere in tutti i tropici.
La Guilandina bonduc è una pianta che si trova soprattutto nelle aree disturbate. Nell’Africa tropicale si è naturalizzato intorno ai villaggi dell’entroterra probabilmente a causa del trasporto di semi per uso medicinale e per l’uso caratteristico nei popolari giochi da tavolo.
La propagazione di questa pianta avviene comunque solo per seme e nella Guinea Equatoriale viene coltivata per il suo olio di semi.
I baccelli maturi di Guilandina bonduc possono essere raccolti dalla pianta o raccolti dopo che sono caduti. Altre parti di piante vengono raccolte ogni volta che è necessario.
I semi di Guilandina bonduc possono essere semplicemente essiccati e conservati per un uso successivo. Altre parti di piante sono probabilmente usate fresche.

Usi e Tradizioni –
La Guilandina bonduc viene utilizzata, in tutta l’area di distribuzione, per le sue foglie, la corteccia e le radici per curare la febbre, il mal di testa e il dolore toracico e come antielmintica.
Nell’Africa occidentale è usata come rubefacente e come tonica nel trattamento di ittero, diarrea ed eruzioni cutanee.
Sulla costa del Kenia vengono prelevati semi e usati decotti di foglie e radici per trattare l’asma e le complicazioni durante le mestruazioni, per evitare l’aborto e come colliri per trattare i coaguli di sangue interni negli occhi.
In Tanzania il nocciolo in polvere del seme viene preso con acqua per curare il diabete mellito.
In Somalia l’olio dei semi viene usato per trattare i reumatismi. Un estratto amaro dai semi è noto come “chinino dei poveri” ed è usato contro la malaria, ad esempio in India, ma il suo uso in Africa come cura per la malaria non è stato documentato.
In Asia tropicale e nelle isole dell’Oceano Pacifico la Guilandina bonduc è un’importante pianta medicinale, con usi in gran parte simili come in Africa.
In grandi dosi si ritiene però che sia velenosa.
In Sierra Leone ed Etiopia la Guilandina bonduc è piantata adoperata per la realizzazione di recinzioni vive.
Nella Guinea Equatoriale l’olio dei semi viene utilizzato per cucinare. I semi sono ampiamente usati come perline, come pesi e come contatori nei giochi da tavolo.
Il commercio locale dei semi di Guilandina bonduc, per uso medicinale, è alquanto comune nell’Africa tropicale.
I semi di Guilandina bonduc contengono la bonducellina, isoflavonoide e diversi diterpeni di cassane, tra cui la cesaldekarin A, la cesalpinina B, le bonducellpine A – D, α-, β-, γ- e δ-caesalpine e un bondenolide. Tra i composti isolati dalle radici citiamo: caesaldekarin C e caesalpin F.
Il contenuto fitochimico di altre parti della pianta non è stato ancora documentato.
Molti dei composti presenti nei semi, in particolare bonducellina e β-caesalpin, hanno confermato l’attività antiplasmodiale. I risultati contraddittori dei test sull’attività antiplasmodiale possono essere dovuti a un’identificazione errata dei campioni testati. Bondenolide ed estratti di semi hanno confermato l’attività antifungina e antibatterica. Gli effetti di un estratto di foglie sul metabolismo del calcio e sui recettori colinergici delle preparazioni dello strato muscolare esterno, isolato dell’utero del ratto in gravidanza, erano paragonabili a quelli ottenuti con acetilcolina.
Nei ratti normali, estratti acquosi e etanolici al 50% di Guilandina bonduc dei semi hanno mostrato attività ipoglicemizzante e nei ratti diabetici hanno prodotto un significativo effetto anti-iperglicemico.
L’estratto acquoso mostrava anche effetti anti ipercolesterolemici e anti ipertrigliceridemici nei ratti diabetici con streptozotocina.
È stato scoperto che un estratto acquoso di radici, steli e foglie ha attività antivirale e antitumorale.
I semi contengono, inoltre, circa il 20% di olio che è particolarmente ricco di acido linoleico (68%) e ha proprietà vescicanti.
Dal punto di vista ecologico la Guilandina bonduc è molto diffusa, non in pericolo di estinzione o erosione genetica ed è rara nelle raccolte di germoplasma.

Modalità di Preparazione –
Gli estratti di Caesalpinia bonduc mostrano interessanti effetti farmacologici, ad esempio la modulazione dei recettori colinergici e l’attività anti-iperglicemica, che meritano ulteriori ricerche.
Inoltre il suo olio di semi viene utilizzato sia per cucinare che per scopi farmaceutici.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *