Nothotsuga longibracteata

Nothotsuga longibracteata

La cicuta conica (Nothotsuga longibracteata (W.C. Cheng) Hu ex C.N. Page) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Pinaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Pinophyta,
Classe Pinopsida,
Ordine Pinales,
Famiglia Pinaceae,
Genere Nothotsuga,
Specie N. longibracteata.
È basionimo il termine:
– Tsuga longibracteata W.C.Cheng.
Sono sinonimi i termini:
– Keteleeria longibracteata (W.C.Cheng) de Laub.;
– Nothotsuga longibracteata subsp. fanjingshenensis Silba;
– ×Tsugoketeleeria longibracteata (W.C.Cheng) Van Campo & Gaussen.

Etimologia –
Il termine Nothotsuga proviene dal greco antico νόθος, nóthos, “bastardo” e tsuga, nome vernacolare giapponese di queste piante, quindi tsuga bastarda.
L’epiteto specifico longibracteata viene da longus lungo e da bractea lamina sottile, brattea: fornito di brattee allungate.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Nothotsuga longibracteata è l’’unica specie del genere ed endemica della Cina dove è presente nelle regioni del NE del Guizhou, SO dello Hunan, N del Guangdong, NE del Guangxi e S del Fujian.
Nel suo habitat naturale forma piccoli popolamenti puri, o in foreste sempreverdi, di latifoglie, sclerofille (specie di Castanopsis, Lithocarpus e Quercus) o miste e mesofitiche (Fagus longipetiolata, Pinus kwangtungensis, Tetracentron sinensis, ecc.) su montagne ripide e soleggiate, pendii e creste su suoli acidi in zone con clima fresco, temperato, umido e abbondanti precipitazioni e nebbie.

Descrizione –
La Nothotsuga longibracteata è una conifera che cresce fino a circa 30 m di altezza e con un fusto di 100 cm di diametro.
La corteccia è di colore marrone scuro, fessurata longitudinalmente.
La corona inizialmente è conica, poi fitta e folta con apice piatto.
I rami sono sottili, di colore da marrone giallastro a marrone, glabri, con scanalature delicate, ramificati alquanto dimorfici con piccoli germogli laterali che si sviluppano su rami giovani. Questi non si estendono in modo significativo (0,5–1,5 cm di lunghezza) e terminano con un ciuffo di foglie e una gemma.
Le gemme vegetative non sono resinose.
Le foglie sono di colore verde scuro lucido, disposte a spirale e più o meno pettinate, di 1,1–2,4 × 0,1–0,25 cm, lineari, picciolate, con base leggermente contorta, apice acuto; gli stomi sono in due strisce separate dalla nervatura mediana insignificante.
Gli strobili maschili sono raggruppati e pendenti, terminali o subterminali su piccoli germogli laterali, peduncolati, lunghi 0,5–1 cm, giallo-marroni.
I coni femminili sono eretti, di forma da ovoidali a oblunghi, apice ottuso-troncato, (2) 2,5–5(–5,8) × 1,5–2,5(–3) cm, violacei o rossi, che diventano marrone scuro in seguito, peduncolati (il peduncolo è in realtà un germoglio frondoso); i coni rimangono attaccati all’albero per diversi anni prima di disintegrarsi o spezzarsi al peduncolo.
Le scaglie di semi al centro dei coni largamente rombiche o suborbicolari, 0,9-2,2 × 1,2-2,5 cm, base peltato-auriculata, apice troncato-arrotondato. Le brattee sottospatolate, di 0,7-1,8 cm, cuspide apicale acuta o acuminata.
I semi sono triangolari-ovoidali, 4-8 × 2,5-3 mm; ala ovato-oblunga, apice arrotondato. L’impollinazione è nel periodo di marzo-aprile e la maturità del seme a ottobre.

Coltivazione –
La Nothotsuga longibracteata è una conifera che cresce nel NE del Guizhou, SO dello Hunan, N del Guangdong, NE del Guangxi e S del Fujian.
Questa specie ha una resistenza al freddo tra -12,1 °C e -6,7 °C) e vegeta su zone di montagna da basse a medio alte, ad altitudini comprese tra 300 e 2.300 (-3.200) m s.l.m. Cresce sia su terra rossa che gialla.
Il clima è umido e da caldo-temperato a umido e fresco, con precipitazioni annuali comprese tra 1.000-2.000 mm.
La specie si trova in due formazioni forestali. Nella formazione forestale di latifoglie sempreverdi per lo più con latifoglie sclerofille come Castanopsis spp., Lithocarpus spp., Quercus spp., e con Fokienia hodginsii; nella foresta decidua mista mesofitica a quote più elevate con Fagus longipetiolata, Tetracentron sinensis, Nyssa sinensis, Acer angustilobium, Davidia involucrata, Sorbus spp., ecc. Nella formazione forestale di latifoglie sempreverdi sono presenti popolamenti di Nothotsuga longibracteata e Tsuga chinensis in purezza. Pinus massoniana o P.wangi s.l. dominano localmente la chioma generale delle latifoglie nei siti più poveri, dove è concentrato anche N. longibracteata. La nicchia ecologica di questa specie è considerata molto ristretta.

Usi e Tradizioni –
La Flora of China tratta questa specie come un membro del genere Tsuga. La ricerca filogenetica indica che la divergenza di sequenza percentuale tra N. longibracteata e le specie Tsuga più vicine è circa il doppio della divergenza tra le due specie Tsuga più distanti.
Nothotsuga differisce anche dalle specie Tsuga per le sue foglie a diffusione radiale con linee stomatiche su entrambe le superfici superiore e inferiore e i coni di semi verticali.
Le popolazioni sono altamente frammentate, con alcune costituite solo da pochi individui sparsi. Gli stand indisturbati sono rari. La ricerca genetica indica che le sottopopolazioni sono geneticamente ben differenziate, probabilmente a causa dell’isolamento topografico e che alcune hanno subito colli di bottiglia relativamente recenti.
La Nothotsuga longibracteata è un albero ideale per il rimboschimento nelle montagne sopra le quote medie nelle regioni subtropicali. Il legname viene utilizzato per l’edilizia e l’arredamento.
In Cina questa specie è considerata un albero forestale molto adatto all’imboschimento. Il suo utilizzo come albero da legno deve essere limitato a causa della sua rarità. In genere non è coltivato al di fuori della Cina ed è raro nelle collezioni botaniche. Alcune piante di questa specie sono coltivate al Royal Botanic Garden di Edimburgo e altrove, sebbene si sia rivelata a crescita molto lenta e piuttosto difficile da coltivare bene.
La Nothotsuga longibracteata è dichiarata come specie vulnerabile ed in via di estinzione; pochi alberi sopravvivono nella maggior parte delle popolazioni a causa del disboscamento su larga scala.
È stata introdotta in coltivazione come parte dell’International Conifer Conservation Program (ICCP) del Royal Botanic Garden di Edimburgo. Per questo progetto sono state ricevute due raccolte di semi. Il primo è stato un dono nel 1999, da parte del direttore dello Shenzen Botanical Garden, di semi raccolti dal personale dell’Orto sul lato Hunan delle montagne Nan Ling (P. Thomas, pers. comm. 2007), registrato con il numero TNL11. Una seconda introduzione per l’ICCP è arrivata dal Giardino Botanico di Nanchino tramite il National Germoplasm Repository degli Stati Uniti e Bedgebury. Da queste due fonti è germogliato un numero limitato di piantine.

Modalità di Preparazione –
La Nothotsuga longibracteata è una conifera che è stata ampiamente utilizzata per il suo legname e con ampi disboscamenti per cui è, oramai, una specie in pericolo di estinzione.
Non sono noti, inoltre, particolari impieghi in campo alimentare o medicinale.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– GBIF, the Global Biodiversity Information Facility.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.
Fonte foto:
https://powo.science.kew.org/taxon/urn:lsid:ipni.org:names:946480-1

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.