Sitta europaea

Sitta europaea

Il picchio muratore (Sitta europaea Linnaeus, 1758) è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei Sittidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Animalia,
Phylum Chordata,
Classe Aves,
Sottoclasse Neornithes,
Superordine Neognathae,
Ordine Passeriformes,
Sottordine Oscines,
Infraordine Passerida,
Superfamiglia Certhioidea,
Famiglia Sittidae,
Genere Sitta,
Specie S. europaea.
Sono sinonimi i termini:
– Sitta caesia Mayer
– Sitta europaea subsp. hassica Kleinschmidt, 1917.
All’interno di questa specie si riconoscono le seguenti sottospecie con differenti distribuzioni areali.
– Sitta europaea subsp. albifrons Taczanowski, 1882;
– Sitta europaea subsp. amurensis Swinhoe, 1871;
– Sitta europaea subsp. arctica;
– Sitta europaea subsp. asiatica Gould, 1835;
– Sitta europaea subsp. atlas;
– Sitta europaea subsp. baicalensis Taczanowski, 1882;
– Sitta europaea subsp. bedfordi Ogilvie-Grant, 1909;
– Sitta europaea subsp. caesia Wolf, 1810;
– Sitta europaea subsp. caucasica Reichenow, 1901;
– Sitta europaea subsp. cisalpina Sachtleben, 1919;
– Sitta europaea subsp. clara Stejneger, 1887;
– Sitta europaea subsp. europaea Linnaeus, 1758;
– Sitta europaea subsp. formosana Buturlin, 1911;
– Sitta europaea subsp. hispaniensis Witherby, 1913;
– Sitta europaea subsp. hondoensis Buturlin, 1916;
– Sitta europaea subsp. levantina Hartert, 1905;
– Sitta europaea subsp. persica Witherby, 1903;
– Sitta europaea subsp. roseilia Bonaparte, 1850;
– Sitta europaea subsp. rubiginosa Tschusi & Zarudny, 1905;
– Sitta europaea subsp. sakhalinensis Buturlin, 1916;
– Sitta europaea subsp. seorsa Portenko, 1955;
– Sitta europaea subsp. sinensis J.Verreaux, 1870;
– Sitta europaea subsp. takatsukasai Momiyama, 1931.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il picchio muratore è un uccello che, con le sue differenti sottospecie, è diffuso in quasi tutta l’Europa centro-occidentale e meridionale, e in alcune zone del Nordafrica e del Medio-oriente.
Il suo areale riproduttivo si estende attraverso l’Eurasia temperata dalla Gran Bretagna (ma non l’Irlanda) al Giappone.Si trova tra le isoterme di luglio 16–20 °C da nord a circa 64 ° di latitudine N nella Russia occidentale e 69 ° N in Siberia.
Nidifica a sud del Mediterraneo in Europa, sebbene sia assente dalle isole, a parte la Sicilia, e nella maggior parte della Russia il confine meridionale è di circa 54–55°N. A est, l’areale comprende la maggior parte della Cina e Taiwan e gran parte della Corea. È presente come di passaggio in Libano e nelle Isole del Canale e a nord alcune volte in Finlandia.
In Italia è diffuso ovunque, tranne che in Sardegna.
Il suo habitat è quello dei boschi di latifoglie (più difficilmente nei boschi di conifere), ma è possibile incontrarlo nei parchi, giardini e frutteti in prossimità dei centri abitati.

Descrizione –
La Sitta europaea è un uccello con una lunghezza di circa 14 cm ed un peso di 22-25 g ed un’apertura alare di 25-27 cm.
Presenta un piumaggio vivace, di colore grigio-blu sul capo, sul dorso, le ali e la coda, mentre l’addome è color arancio. Le guance e la gola sono bianche; una striscia nera attraversa gli occhi fino ad arrivare al becco anch’esso nero, lungo, appuntito e molto robusto. La coda e le zampe sono relativamente corte.
Il volo non è rapido ma piuttosto leggero. La particolarità di questo uccello consiste nell’arrampicarsi (anche a testa ingiù) sui tronchi degli alberi con rapide corse a spirale, aiutandosi con la coda.
Inoltre è un uccello dal canto molto frequente e vivace simile a un tui-tui-tui.

Biologia –
Il picchio muratore inizia la sua fase di riproduzione in aprile.
È una specie monogama e una coppia occupa un territorio riproduttivo in cui trascorre anche l’inverno. Le dimensioni del territorio variano da 2 a10 ettari in Europa a una media di 30,2 ettari nelle foreste di conifere sub-ottimali della Siberia.
Il maschio canta per difendere il suo territorio e attirare la compagna. Entrambi i sessi hanno un’esibizione di corteggiamento con un volo fluttuante e tremante, e il maschio fa anche voli circolari con la coda allargata e la testa sollevata. Inoltre nutre la femmina mentre la corteggia.
Nonostante l’accoppiamento permanente, in Germania la ricerca genetica ha mostrato che almeno il 10% dei giovani nell’area di studio era generato da un altro maschio, di solito da un territorio adiacente.
Il nido viene costruito nelle cavità resistenti di alberi o muri, dove sono presenti cavità accoglienti. Se il foro d’ingresso risulta essere troppo grande, questa specie lo riduce di dimensioni, applicando un impasto di fango e saliva che una volta secco risulta essere molto resistente.
Qui la femmina depone un numero variabile di uova da 5 a 10 (di colore bianche macchiate di rosso) anche se a volte vengono deposte fino a 13 uova, e la cova dura circa due settimane. Sia il maschio che la femmina si occupano di allevare i piccoli, che dopo circa 24 giorni dalla nascita sono in grado di cavarsela da soli.

Ruolo Ecologico –
La maggior parte delle popolazioni della Sitta europaea è stanziale, a parte qualche dispersione post-riproduttiva di giovani uccelli, e c’è una riluttanza ad attraversare anche brevi tratti di mare aperto.
Il loro habitat preferito sono i boschi maturi con alberi grandi e secolari, che forniscono una crescita estensiva per il foraggiamento e le tane per la nidificazione. In Europa sono predilette le foreste decidue o miste, in particolare quando contengono querce. Parchi, vecchi frutteti e altri habitat boschivi possono essere occupati purché abbiano almeno un blocco di alberi adatti di 1 Ha. Particolarmente in montagna, vengono utilizzati vecchi abeti rossi e foreste di pini e anche il pino è favorito a Taiwan. Nella maggior parte della Russia, le conifere vengono utilizzate per la nidificazione, ma la densità di popolazione è relativamente bassa. Gli uccelli marocchini nidificano nella quercia, nel cedro dell’Atlante e nell’abete. Habitat insoliti includono il ginepro nano in Mongolia e il terreno roccioso in una parte limitata della Siberia meridionale.
Nel nord del suo areale è principalmente un uccello di pianura, ma raggiunge il limite del bosco in Svizzera, a 1.200 m o più, e si riproduce occasionalmente a 1.800–2.100 m in Austria . Si riproduce a livelli simili nelle montagne della Turchia, del Medio Oriente e dell’Asia centrale. È principalmente un uccello di montagna nel Giappone meridionale, 760–2.100 m e Taiwan, 800–3.300 m, ma nella Cina meridionale vive sugli altipiani.
La natura sedentaria di questa specie significa che i giovani possono acquisire un territorio solo trovando un’area libera o sostituendo un adulto morto. In Europa, i giovani uccelli si spostano quasi sempre in habitat non occupati, ma nei territori più ampi della Siberia la maggior parte vive all’interno dell’area riproduttiva di una coppia adulta.
Il tasso di sopravvivenza annuale degli adulti nella maggior parte del suo areale è di circa il 51%, e un piccolo studio belga ha rilevato un tasso di sopravvivenza locale del 25% per i giovani. La durata della vita tipica è di due anni e l’età massima conosciuta per un uccello selvatico è di 12 anni e 11 mesi nel Regno Unito.
Per quanto riguarda l’alimentazione, durante la bella stagione si ciba di insetti mentre nel resto dell’anno va alla ricerca di semi, frutti, ghiande e noci, che apre con piccoli ma decisi colpi del becco una volta posizionate tra i buchi della corteccia (da cui il nome di picchio).
Nel dettaglio gli insetti di cui si alimenta sono costituiti da bruchi e coleotteri. In autunno e in inverno, la dieta è integrata con noci e semi, preferendo le nocciole e l’albero di faggio. I piccoli si nutrono principalmente degli insetti prediletti dai genitori, con alcuni semi. Gli alimenti si trovano principalmente su tronchi d’albero e rami grandi, ma possono essere studiati anche rami più piccoli e il cibo può essere prelevato da terra, specialmente al di fuori della stagione riproduttiva. I picchi muratori possono cercare cibo quando scendono gli alberi a capofitto, così come quando si arrampicano. Alcune prede vengono catturate in volo e un picchio muratore rimuoverà la corteccia o il legno marcio per raggiungere gli insetti, sebbene non possa scalpellare nel legno sano come un picchio. Una coppia può temporaneamente unirsi a un gregge di foraggiamento di specie miste mentre passa vicino al loro territorio. Il picchio muratore eurasiatico visita prontamente le tavole degli uccelli e le mangiatoie per uccelli in inverno, mangiando alimenti prodotti dall’uomo come grasso, formaggio, burro e pane. È stato persino registrata l’assunzione di frattaglie da macello. Alimenti duri di grandi dimensioni come noci o grandi insetti sono incastrati nelle fessure della corteccia degli alberi e frantumati con il becco forte.
Il cibo vegetale viene conservato tutto l’anno, ma principalmente in autunno. I singoli semi sono nascosti nelle fessure della corteccia, occasionalmente nei muri o nel terreno. L’alimento è solitamente nascosto con licheni, muschio o piccoli pezzi di corteccia. Il cibo viene poi recuperato quando fa freddo. Gli uccelli siberiani immagazzinano i semi del pino domestico siberiano, a volte accumulando abbastanza per durare un anno intero. Il cibo conservato a volte può essere costituito da materiale non vegetale come pezzi di pane, bruchi e larve, poiché le larve sono inabili a causa delle percosse. L’accumulo è una strategia a lungo termine, gli alimenti conservati vengono consumati solo quando è difficile trovare cibo fresco, a volte fino a tre mesi.
Per quanto riguarda i suoi nemici e predatori la Sitta europaea è soggetta soprattutto allo sparviero.
Uno studio svedese ha mostrato che il 6,2% dei nidi di S. europaea nella loro area di studio sono stati saccheggiati dai predatori.
Inoltre sono presenti alcuni parassiti come acari del genere Ptilonyssus, come P. sittae, che sono stati trovati nelle loro cavità nasali.
I vermi intestinali includono i nematodi Tridentocapillaria parusi e Pterothominx longifilla. Piccoli studi in Slovacchia e Spagna non hanno trovato parassiti nel sangue, ma un’indagine spagnola più ampia ha trovato alcune prove dell’infezione da Plasmodium.
In riferimento al suo stato di salute sull’intero areale, la Sitta europaea, secondo la IUCN Red List è, al momento, a minima preoccupazione.
La popolazione europea è stata stimata in 22,5–57 milioni di uccelli, suggerendo un totale globale di 45,9–228 milioni di individui. Cina, Taiwan, Corea, Giappone e Russia hanno ciascuna tra 10.000 e 100.000 coppie riproduttive. L’area riproduttiva conosciuta è di circa 23,3 milioni di km2 che è una grande percentuale del potenziale habitat su cui può vivere.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– GBIF, the Global Biodiversity Information Facility.
– C.Battisti, D. Taffon, F. Giucca, 2008. Atlante degli uccelli nidificanti, Gangemi Editore, Roma.
– L. Svensson, K.Mullarney, D. Zetterstrom, 1999. Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente, Harper Collins Editore, Regno Unito.
Fonte foto:
https://inaturalist-open-data.s3.amazonaws.com/photos/174804203/original.jpg




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.