Finnica

Finnica

La razza ovina Finnica è una pecora (Ovis aries Linnaeus, 1758) originaria della Finlandia con attitudine principale alla produzione di carne.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Animalia,
Phylum Chordata,
Classe Mammalia,
Ordine Artiodactyla,
Sottordine Ruminantia,
Famiglia Bovidae,
Sottofamiglia Caprinae,
Genere Ovis,
Specie O. aries,
Razza Finnica.

Distribuzione Geografica ed Areale –
La razza ovina Finnica è una pecora originaria della Finlandia ed allevata in questo paese ed esportata in altri come in Nord America ed Australia.
Viene allevata anche in Danimarca, Norvegia e Svezia.
Tra gli altri paesi viene allevata anche in Italia ma non sempre si adatta bene alle diverse condizioni ambientali.

Origini e Storia –
La Finnica è una razza ovina, originaria della Finlandia che, secondo alcuni studiosi è una razza antichissima discendente dal muflone; secondo altri è parente stretta di altre razze di pecore dell’area scandinava a coda corta.
È una delle numerose razze di pecore a coda corta del Nord Europa, che comprende anche Shetland, Islandese, Romanov, Spaelsau e molte altre razze, ed è nota per la sua alta incidenza di nascite multiple: è comune che una pecora abbia tre, quattro o anche cinque agnelli contemporaneamente.
Questa razza fu portata per la prima volta in Nord America nel 1966 dall’Università di Manitoba, in California. Alcuni anni dopo fu diffusa negli Stati Uniti da appassionati che speravano di migliorare le qualità materne nei greggi commerciali. Nel 1971 si era costituita la Finnsheep Breeders Association, che forniva ai pastori uno standard di documentazione per mantenere e migliorare l’integrità della razza.
Negli Stati Uniti, attualmente, ci sono due registri riconosciuti negli Stati Uniti per Finnsheep: l’FBA (Finnsheep Breeders Association) e l’IFR (International Finnsheep Registry).
Successivamente la razza è stata portata in Australia con due importazioni principali: dall’Università del NSW nel 1981 e dall’Australian Texel Corporation nel 1993. Da allora sono stati intrapresi notevoli sforzi di allevamento per sviluppare il ceppo in modo che fosse più adatto al clima australiano. Le dimensioni degli agnelli e i tassi di sopravvivenza sono aumentati. Le dimensioni tipiche della cucciolata sono tre o quattro agnelli. L’ulteriore miglioramento della maternità, della produzione di latte e della robustezza begli allevamenti nei paddock sono gli obiettivi primari del programma di allevamento.
La razza è stata, inoltre, ampiamente utilizzata per incroci per produrre pecore con varie caratteristiche desiderabili, ma in particolare magrezza, migliore produzione di lana e migliore fertilità e fecondità (più agnelli) ed eccellente capacità di produzione.

Morfologia –
La razza ovina Finnica si caratterizza per una variabilità di colori del vello simile a quella delle pecore Shetland e islandesi.
Il colore bianco è geneticamente dominante ed è il colore più comune. Anche le pecore pezzate (maculate) nere e nere sono abbastanza comuni, mentre le pecore finlandesi marroni, grigie e fulve sono molto rare negli Stati Uniti.
Sono anche comuni le parti terminali bianche delle zampe, della punta della coda, la corona bianca o segni facciali, incluso il motivo a forma di panda, nelle pecore colorate.
La Finnica australiana è universalmente bianca; la lana ha lunghezza superiore, morbidezza, miglior raggio di curvatura. In Australia, la qualità e la lunghezza della lana sono notevolmente migliorate al punto che ora ci sono pecore che possono essere tosate due volte all’anno e le cui caratteristiche vantaggiose della lana sono state ampiamente incorporate nei Merinos.
Per quanto riagurda le caratteristiche morfologiche gli arieti raggiungono la maturità sessuale a 4-5 mesi, mentre le femmine sono pronte a partorire a un anno di vita.
Il peso medio degli adulti è di 75-90 Kg nei maschi e di 65-85 Kg nelle femmine.

Attitudine produttiva –
La razza ovina Finnica è una pecora per la produzione di carne ma migliorata in alcuni paesi anche per la produzione di lana.
Sebbene non sia una pecora di grandi dimensioni, la Finnica produce una carne magra e succulenta con un sapore delicato e delicato, anche da adulta.
È una razza con un’ottima attitudine materna e abbondante produzione di latte.
È una razza molto precoce. Molto apprezzata per la sua elevatissima prolificità; sono infatti molto frequenti i parti tri e quadrigemini. Sebbene questi parti siano più comuni ci sono state cucciolate nate con un massimo di sette agnelli vitali.
Viene spesso inserita nei programmi selettivi con la finalità di elevare il tasso di prolificità.
Una caratteristica importante di questa razza è la loro pelle sottile e senza rughe e la culatta nuda. Le loro pelli producono lana di qualità migliore.
La razza australiana (e in particolare gli incroci) sono straordinariamente magri e hanno contribuito notevolmente a migliorare la magrezza degli agnelli di primo e secondo incrocio. Sono anche più resistenti ai parassiti intestinali rispetto a molte altre razze e a una serie di altri problemi come la tossiemia durante la gravidanza (“malattia dell’agnello gemello”), la coccidiosi e l’eczema facciale.
In Australia è, inoltre, comune, l’incrocio tra la Finnica e la Merinos; altri incroci numericamente importanti sono la Finnica-Dorsets e Finnica-Texels.
Questa razza ha contribuito in Australia ad un significativo miglioramento della produttività media degli allevamenti.
Alla nascita gli agnelli sono spesso piccoli, ma sono vigorosi alla nascita e crescono bene. Maturano comunque presto e possono essere accoppiati a sei mesi di età. Le pecore si riproducono comunemente fuori stagione e alcune possono partorire due volte in un anno.
Le pecore finlandesi maturano presto e sono note per la loro fertilità. Gli arieti possono essere allevati tra i quattro e gli otto mesi di età e ci si aspetta che le pecore agnellino a dodici mesi con più agnelli.

Guido Bissanti

Fonti-
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Daniele Bigi, Alessio Zanon , 2010. Atlante delle razze autoctone. Bovini, equini, ovicaprini, suini allevati in Italia, Edagricole-New Business Media, Bologna.
Fonte foto:
http://www.finnsheep.com/



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.