Riproduzione del Noce nero

Riproduzione del Noce nero

Il Noce nero (Juglans nigra L., 1753) è un albero della famiglia delle Juglandaceae, originario e diffuso in America Settentrionale.

Habitat idoneo di riproduzione –
Il Noce nero è una pianta originaria degli Stati Uniti orientali dove forma foreste miste, dalla pianura alla fascia montana inferiore.
Il suo areale di origine si estende in gran parte degli Stati Uniti orientali. È assente dalla pianura costiera a sud della Carolina del Nord e dalla valle del Mississippi e non si trova nella fascia settentrionale degli Stati Uniti orientali, dove la stagione senza gelo è troppo breve perché le noci si sviluppino. Il suo areale occidentale si estende fino alle Grandi Pianure orientali, dopodiché le condizioni climatiche diventano troppo secche per questa pianta.
Lo Juglans nigra fu introdotto in Europa intorno al 1629 ed è stato impiegato largamente nei parchi e giardini (in Germania è stato sperimentato come essenza forestale).

Propagazione –
Il Noce nero è una pianta coltivata negli Stati Uniti ed introdotto in Europa nel 1629 come pianta ornamentale o nel settore della forestazione.
Per la riproduzione di questa pianta bisogna tenere conto del fatto che gli alberi di Juglans nigra tendono ad essere monoici, cioè producono prima polline e poi fiori pistillati oppure producono fiori pistillati e poi polline.
Inoltre quando si coltivano alberi giovani, il controllo delle erbe infestanti è fondamentale per un sano insediamento degli alberi, senza il controllo delle erbe infestanti i giovani alberi vengono danneggiati in modo significativo nella loro crescita.
Queste piante hanno bisogno, inoltre di terreno profondo, fertile, ben drenato e clima temperato.
La propagazione può avvenire da seme, oppure più rapidamente, per talea.
Si ricorda che il noce nero produce lo juglone, un essudato delle radici, il quale per allelopatia, risulta tossico per altre specie di piante e non ne permette la crescita nei pressi dell’albero.

Ecologia –
Il Noce nero è uno degli alberi più abbondanti negli Stati Uniti orientali, in particolare nel nord-est, e il suo numero è in aumento a causa di epidemie che hanno colpito altre specie di alberi.
Inoltre il taglio molto diffuso delle querce a causa dei danni della falena zingara negli anni ’70 e ’80 ha aiutato in particolare la diffusione dell’albero. Hanno contribuito anche l’aggressiva strategia competitiva del noce nero come la sua rapida crescita, le sostanze chimiche allelopatiche e i semi dispersi di roditori.
Le noci sono cibo per molti roditori e costituiscono fino al 10% della dieta degli scoiattoli volpe orientali. Le noci vengono mangiate anche da specie di uccelli. Le foglie sono brucate dai cervi dalla coda bianca, anche se non sono un alimento preferito. Gli scoiattoli mangiano anche le noci.
Laddove l’areale del noce nero orientale si sovrappone a quello del noce nero del Texas (J. microcarpa), le due specie talvolta si incrociano, producendo popolazioni con caratteristiche intermedie tra le due specie. Anche J.nigra e J. cinerea crescono spesso nello stesso areale ma non si ibridano naturalmente.
Le radici dell’albero spesso formano relazioni endomicorriziche con i funghi del genere Glomus. Alcune relazioni endomicorriziche migliorano la crescita della pianta.
Nel suo areale le specie spesso associate a J. nigra sono: il pioppo giallo (Liriodendron tulipifera), il frassino bianco (Fraxinus americana), l’amarena (Prunus serotina), il tiglio (Tilia americana), il faggio americano (Fagus grandifolia), l’acero da zucchero (Acer saccharum), querce (Quercus spp.) e noce americano (Carya spp.). Vicino al confine occidentale del suo areale, il noce nero può essere limitato alle pianure alluvionali, dove cresce con l’olmo americano (Ulmus americana), il bagolaro comune (Celtis occidentalis), il frassino (Fraxinus pennsylvanica) e il bosso (Acer negundo) o con tiglio e quercia rossa (Quercus rubra) sui pendii più bassi e in altri siti favorevoli.
Fuori dagli Stati uniti la pianta ha trovato alcuni utilizzi, oltre che come forestale, come pianta ornamentale o per il suo legname.
In Italia, il legname di questo albero è commercialmente noto come noce nero, noce canaletto o noce americano e utilizzato per mobili e impiallacciature.
Inoltre in varie città dell’Europa centrale è molto usato per alberature stradali e per parchi e giardini.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.