Mappa geografica del Senegal

Mappa geografica del Senegal

Il Senegal è uno Stato dell’Africa occidentale.
Questo Paese ha una estensione di 196 722 km² e si trova nell’estrema parte occidentale dell’Africa sudanese, sulla sinistra idrografica del fiume omonimo e sui bacini idrografici di alcuni fiumi minori; ad ovest si affaccia sull’oceano Atlantico.
Ha una popolazione di 16.636.330 abitanti al 2018 e la capitale è Dakar, con una popolazione di 1.031.000 abitanti, al 2016.

Geografia –
Il territorio del Senegal è in gran parte pianeggiante, in piccola parte presenta rilievi montuosi di origine vulcanica che formano le isole di Capo Verde. I fiumi più importanti sono il Senegal, che segna il confine settentrionale, il Gambia e il Casamance; gli altri hanno carattere torrentizio. A nord le coste sono basse, a sud sono costellate di lagune.
Il Senegal si trova nella parte occidentale del continente africano. Si trova tra le latitudini 12° e 17° N e le longitudini 11° e 18° O.
È delimitato esternamente dall’Oceano Atlantico a ovest, dalla Mauritania a nord, dal Mali a est e dalla Guinea e Guinea-Bissau a sud; internamente circonda quasi completamente il Gambia, vale a dire a nord, est e sud, ad eccezione della breve costa atlantica del Gambia.
Il paesaggio senegalese è costituito principalmente dalle dolci pianure sabbiose del Sahel occidentale che salgono ai piedi del sud-est. Qui si trova anche il punto più alto del Senegal, la cresta Baunez situata a 2,7 km a sud-est di Nepen Diakha a 648 m. Il confine settentrionale è formato dal fiume Senegal; altri fiumi includono i fiumi Gambia e Casamance. La capitale Dakar si trova sulla penisola di Capo Verde, il punto più occidentale dell’Africa continentale.

Clima –
Il Senegal ha un clima equatoriale con una temperatura calda ma gradevole durante tutto l’anno, con stagioni asciutte e umide ben definite. La stagione secca (da dicembre ad aprile) è dominata dal vento caldo e secco, detto armattano. Le precipitazioni annuali di Dakar, intorno a circa 600 mm, si distribuiscono tra giugno e ottobre quando la temperatura massima è di 30 °C e minima di 24,2 °C; Le temperature massime da dicembre a febbraio sono in media di 25,7 °C e di minimo 18 °C.
Le temperature interne sono più alte rispetto alla costa (ad esempio, le temperature medie giornaliere di Kaolack e Tambacounda a maggio sono rispettivamente di 30 °C e 26,7 °C rispetto a 23,2 °C di Dakar) e le precipitazioni aumentano sensibilmente più a sud, superando i 1500 mm all’anno in alcune aree.
A Tambacounda, nell’estremo interno, in particolare al confine con il Mali, dove inizia il deserto, le temperature possono raggiungere anche i 47 °C. La parte più settentrionale del paese ha un clima desertico e caldo, la parte centrale ha un clima caldo semi-arido e la parte più meridionale ha un clima tropicale.

Flora-
Dal punto di vista ecologico il Senegal contiene quattro ecoregioni: il mosaico della foresta-savanna della Guinea, la savana dell’acacia del Sahel, la savana del Sudan occidentale e le mangrovie della Guinea.
Nel 2019 ha ottenuto un punteggio medio dell’indice di integrità del paesaggio forestale di 7,11/10, classificandosi al 56° posto a livello globale su 172 paesi.
Nella zona della savana gli alberi sono quelli tipici della regione saheliana e sudanese: il baobab, il néré, il karité, l’albero della cola e il kapok.
Nella parte meridionale del paese, più umida, si trovano invece le mangrovie, delle formazioni vegetali tipiche delle aree che si trovano tra la terra e il mare. Le mangrovie sono molto importanti per l’ambiente e la società senegalese, ma si stanno riducendo rapidamente. Per questo ci sono diversi progetti in corso per la loro tutela.
Tuttavia, l’aumento delle attività umane e i cambiamenti nei modelli meteorologici, che includono un aumento della carenza di precipitazioni, stanno avendo un notevole impatto, degradando gli habitat naturali. Ciò è particolarmente evidente per quanto riguarda le foreste, che nei cinque anni fino al 2010 sono andate perdute al ritmo di 40.000 ettari all’anno.
Per quanto riguarda flora, alla fine del 2018 in Senegal, erano state registrate circa 5.213 specie, sottospecie e varietà di piante vascolari, di cui 515 erano alberi o piante legnose.
Importante è il Parco Nazionale Niokolo-Koba, un sito del patrimonio mondiale e una vasta area naturale protetta nel sud-est del Senegal, vicino al confine con la Guinea-Bissau. Il parco è tipico della savana boschiva del paese. Qui si trovano una trentina di specie arboree, principalmente delle famiglie Fabaceae, Combretaceae e Anacardiaceae, e circa mille specie di piante vascolari. Le parti più secche sono dominate dall’albero del kino africano e dal Combretum glutinosum, mentre le foreste a galleria lungo fiumi e torrenti (molti dei quali si prosciugano stagionalmente) sono in gran parte formate da Erythrophleum guineense e Pseudospondias microcarpa, intervallate da palme e ciuffi di bambù. Le depressioni nel terreno si riempiono d’acqua nella stagione delle piogge e supportano un’ampia gamma di vegetazione acquatica. Nella zona costiera di Niayes, una striscia di terra costiera tra Dakar e Saint Louis dove una linea di laghi si estende dietro le dune di sabbia costiere, la vegetazione predominante è la palma da olio africana, insieme alla mesquite africana e al fico del Capo.

Fauna –
Per quanto riguarda la fauna, molti degli animali più grandi del Senegal, che avevano una distribuzione capillare, hanno subito la perdita dell’habitat, la persecuzione degli agricoltori e la caccia alla carne di animali selvatici e ora sono in gran parte limitati al parco nazionale. Il babbuino della Guinea è uno di questi, così come l’alcelafo del Senegal, l’alcelafo occidentale, l’orice scimitarra, l’antilope roana e diverse specie di gazzelle. Il degrado dell’habitat ha causato una forte diminuzione delle popolazioni di colobi rossi occidentali, elefanti, leoni e molte altre specie. La sottospecie occidentale dell’eland gigante è in pericolo di estinzione, l’unica popolazione conosciuta rimasta si trova nel Parco Nazionale di Niokolo-Koba; il rapido calo del numero di questa antilope è stato attribuito al bracconaggio.
Altri mammiferi trovati nel paese sono la scimmia verde, il gerbillo della Guinea e il topo erbivoro del Senegal.
Per quanto riguarda l’avifauna, nell’aprile 2019 in Senegal erano state registrate circa 674 specie di uccelli. Alcuni dei più spettacolari includono l’uccello tropicale dal becco rosso, l’otarda araba, il piviere egiziano, il succiacapre d’oro, il gruccione dalla gola rossa, lo storno dal ventre castano, l’uccello del grillo, l’allodola del Kordofan e il passero dorato del Sudan.
Il Santuario nazionale degli uccelli di Djoudj, sul lato sud del delta del fiume Senegal, è un sito importante per la migrazione e lo svernamento degli uccelli acquatici. Circa tre milioni di uccelli migratori trascorrono l’inverno qui. Gli uccelli che si riproducono nel delta includono il fenicottero minore, l’anatra marmorizzata e la gru coronata nera. Più a sud si trova il Saloum Delta National Park, che si trova sulla East Atlantic Flyway, lungo la quale migrano circa 90 milioni di uccelli ogni anno. Alcuni uccelli che si riproducono o svernano nel parco includono la sterna reale, il fenicottero maggiore, la spatola euroasiatica, il chiurlo piro piro, il voltapietre e il piccolo stint. Un’altra importante zona umida è il Niayes, importante centro di uccelli acquatici e rapaci; un gran numero di nibbi neri è stato registrato qui.
Importante è anche l’ittiofauna. Nell’aprile 2019 erano state registrate circa 244 specie di pesci marini al largo delle coste del Senegal. Alcune specie di pesci d’acqua dolce sono state colpite dalla creazione di dighe nel delta del fiume Senegal e dalla proliferazione di alcune piante come la tifa meridionale.
Così anche se il Senegal dispone di un grande patrimonio ittico, tuttavia questo è minacciato dalla pesca eccessiva che viene fatta dalle grandi barche provenienti dai paesi più ricchi del pianeta.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.