Phyllanthus emblica

Phyllanthus emblica

L’ Amalaki o uva spina indiana (Phyllanthus emblica L.) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Euphorbiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Euphorbiales,
Famiglia Euphorbiaceae,
Sottofamiglia Phyllanthoideae,
Genere Phyllanthus,
Specie P. emblica.
Sono sinonimi i termini:
– Cicca emblica (L.) Kurz;
– Diasperus emblica (L.) Kuntze;
– Dichelactina nodicaulis Hance;
– Emblica arborea Raf.;
– Emblica officinalis Gaertn.;
– Phyllanthus glomeratus Roxb. ex Benth.;
– Phyllanthus mairei H.Lév.;
– Phyllanthus mimosifolius Salisb.;
– Phyllanthus taxifolius D.Don.

Etimologia –
Il termine Phyllanthus proviene dal greco φύλλον phýllon foglia e da ἄνϑοϛ ánthos fiore: per i fiori che spuntano alla base delle foglie.
L’epiteto specifico emblica deriva da amblaki, nome vernacolare di questo arbusto nelle Molucche; il nome è pressappoco lo stesso in arabo (êmlidj) e in sanscrito (amalaki).

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Phyllanthus emblica è una pianta originaria di un’area che comprende l’Asia dell’est, Cina, subcontinente indiano, Myanmar, Thailandia, Cambogia, Laos, Vietnam, Malesia e Indonesia.
Il suo habitat naturale è quello delle foreste miste, più secche in aree con boschi radi o arbusti, boschetti ad altitudini tra 200 e 2.300 metri nel sud della Cina.

Descrizione –
Il Phyllanthus emblica è un albero di piccole e medie dimensioni, che può raggiungere circa 1-8 m di altezza e che è parzialmente decidua.
I ramoscelli non sono glabri o finemente pubescenti, lunghi 10-20 cm, generalmente decidui.
Le foglie sono semplici, subsessili e fittamente disposte lungo ramoscelli, di colore verde chiaro, simili a foglie pennate.
I fiori sono di colore giallo-verdastri.
Il frutto è pressoché sferico, di colore giallo verdastro chiaro, di aspetto abbastanza liscio e duro, con sei striature o solchi verticali, che matura in autunno; ha una colorazione gialla ed un diametro fino a 25 mm. I frutti delle piante selvatiche pesano circa 5,5 g, i frutti coltivati in media 28 – 50.

Coltivazione –
Il Phyllanthus emblica Informazioni generali
È una pianta comunemente coltivata nei giardini domestici, soprattutto in India, per i suoi frutti commestibili e come pianta medicinale ed i suoi frutti si trovano spesso nei mercati locali.
La pianta viene anche coltivata come specie ornamentale ed è piantata come specie pioniera in progetti di riforestazione in Thailandia.
È una pianta da coltivare, nelle aree di origine, principalmente nelle pianure calde e tropicali, riuscendo sia in zone umide che semi-aride.
Può anche essere trovata ad altitudini fino a 2.300 metri nel sud della Cina. Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 20 e 29 °C, ma può tollerare 14 – 35 °C.
Predilige una piovosità media annua nell’intervallo 1.500 – 2.500 mm, ma tollera 700 – 4.200 mm.
In generale è una pianta molto facile da coltivare, che si dice prosperi in regioni troppo secche e su terreni troppo poveri per la maggior parte delle altre colture frutticole.
Richiede una posizione in pieno sole o a mezz’ombra, ma non è esigente per quanto riguarda i requisiti del suolo purché sia ben drenato.
Cresce bene anche su terreni alcalini, anche se in un terreno altamente alcalino (pH 8,0) si manifestano carenze nutrizionali.
Per una produttività ottimale, l’albero richiede un terreno profondo che va dal sabbioso all’argilloso, leggero o pesante, e da leggermente acido a leggermente alcalino, con un pH nell’intervallo 6 – 8, tollerando 5 – 8.
Le piante sembrano crescere ugualmente bene sia in condizioni aride che umide.
L’albero ha una crescita piuttosto lenta e di solito dà frutti solo tra i 6 e gli 8 anni.
La pianta produce fiori per una durata compresa tra 12 e 13,5 ore.
Le rese annuali di frutta possono essere di circa 15 – 25 chili per albero. I frutti maturano in autunno e le bacche vengono raccolte a mano dopo essersi arrampicati sui rami superiori che portano i frutti; hanno un sapore aspro, amaro e astringente, e sono piuttosto fibrose.
Le piante in piena maturità possono produrre 200 chili di frutta all’anno.
L’albero può essere governato a ceduo e i germogli cedui crescono particolarmente vigorosi e la ceduazione è considerata il sistema più adatto per la produzione e la raccolta di frutti su scala commerciale.
Di solito le piantagioni hanno bisogno di molto diserbo perché le chiome sottili non formano una chioma chiusa.
Una particolarità di questa pianta è che è resistente al fuoco ed è uno dei primi alberi a riprendersi dopo un incendio.
Le piante sono generalmente monoiche, ma si trovano occasionali forme dioiche.
La propagazione avviene per seme che non si conserva bene e quindi è meglio effettuare la semina non appena questo è maturo.
Il seme viene prelevato da frutti troppo maturi, che vengono essiccati al sole per facilitare la rimozione del nocciolo, oppure vengono tagliati a metà proprio attraverso il nocciolo. I semi estratti vengono sottoposti al test di galleggiamento e il 100% di quelli che affondano germineranno. In 4 mesi, le piantine avranno un diametro dello stelo di 8 mm e potranno essere piantate o innestate con alcune cultivar presenti, se necessario.
La propagazione può avvenire per talee semilegnose, raccolte dalle porzioni intermedie di vigorosi germogli di alberi giovani e messe a dimora in aiuole ad una temperatura di circa 33 °C; queste hanno un’elevata percentuale di radicazione, fino all’84%.
Si possono preparare talee di legno verde.

Usi e Tradizioni –
Il Phyllanthus emblica è una pianta conosciuta con vari nomi, tra cui emblic, emblic myrobalan, myrobalan, uva spina indiana, albero di Malacca, amla (dal sanscrito amalaki).
Nella tradizione buddista, mezzo frutto di amalaki era l’ultimo dono al sangha buddista del grande imperatore indiano Ashoka. Ciò è illustrato nell’Asokavadana nei seguenti versi: “Un grande donatore, il signore degli uomini, l’eminente Maurya Ashoka, è passato dall’essere il signore di Jambudvipa (il continente) ad essere il signore di mezzo mirabolano”.
Nel Buddismo Theravada, si dice che questa pianta sia stata usata come albero per raggiungere l’illuminazione, o Bodhi, dal ventunesimo Buddha, chiamato Phussa Buddha.
Per questo motivo molti indù considerano questa pianta sacra e la religione indù prescrive che i frutti maturi vengano mangiati per 40 giorni dopo un digiuno per ripristinare la salute e la vitalità. È pratica comune per le casalinghe indiane cucinare i frutti con zucchero e zafferano e darne uno o due a un bambino ogni mattina.
Di questa pianta se ne fa un uso sia alimentare che medicinale.
I frutti vengono consumati sia crudi che cotti. Hanno un sapore acido, piuttosto astringente, non si consumano spesso crudi se non accompagnati da zucchero, sale o peperoncino per moderarli.
Il sapore astringente può essere rimosso lasciando i frutti in salamoia per alcuni giorni.
I frutti sono più comunemente usati per fare marmellate, gelatine, crostate, chutney, ecc.
Il frutto è spesso usato come spuntino lungo la strada per dissetarsi.
È ricco di pectina, si dice che il frutto sia una delle fonti naturali più ricche di vitamina C, ed è anche una buona fonte di carboidrati e minerali. Il frutto maturo contiene dall’1 all’1,8% di vitamina C.
Si possono consumare anche le foglie ed hanno un sapore amaro.
I semi producono circa il 16% di un olio giallo brunastro con acido linoleico (44%), acido oleico (28,4%), acido linolenico (8,8%), acido stearico (2,2%), acido palmitico (3,0%) e acido miristico (1,0 %) ed è utilizzato nella produzione di sale nero.
Per quanto riguarda l’uso medicinale questa pianta è di grande importanza nella medicina tradizionale asiatica, non solo come antiscorbutico, ma anche nel trattamento di diversi disturbi, specialmente quelli associati agli organi digestivi. In Thailandia i frutti giovani sono tradizionalmente usati come espettorante, antipiretico, diuretico, antidiarroico e antiscorbutico.
Molti di questi usi tradizionali sono stati confermati dalla ricerca sui principi attivi nelle piante e sulle loro proprietà.
I frutti, la corteccia e le foglie sono ricchi di tannino.
La polpa essiccata dei frutti acerbi contiene il 18 – 35% di tannino; il contenuto nei frutti maturi è molto più basso. La corteccia secca dello stelo contiene dall’8 al 20% di tannino. La corteccia dei ramoscelli è solitamente più ricca, contenendo il 12 – 24% di tannino a secco. Le foglie possono produrre dal 22 al 28% di tannino.
I tannini del frutto appartengono al gruppo dei gallotannini e degli ellagitannini, che danno per idrolisi grandi quantità di acido gallico, piccole quantità di acido ellagico e glucosio.
Il tannino della corteccia appartiene al gruppo delle proantocianidine, che danno (+)leucodelfinidina per idrolisi.
Il frutto è una fonte estremamente ricca di acido ascorbico; 100 g di succo contiene 600 – 1.300 mg ed a volte anche di più.
Il tannino del frutto previene o ritarda l’ossidazione della vitamina, così che i frutti possono essere conservati in soluzione salina o come polvere secca pur mantenendo il loro valore antiscorbutico.
I principi tannoidi sono potenti inibitori dell’aldoso reduttasi e possono essere efficaci nella gestione delle complicanze diabetiche, inclusa la cataratta.
I frutti sono una ricca fonte di pectina.
Molte delle applicazioni medicinali dei frutti possono essere attribuite alla presenza di acido ascorbico e all’azione astringente dei tannini, ma i frutti contengono anche altri composti attivi. Gli estratti di frutta hanno mostrato attività antiossidanti e antitumorali nei test in vitro e sugli animali. Hanno anche mostrato proprietà ipocolesterolemizzanti, antitosse, antiulcerative ed epatoprotettive e hanno mostrato una potente attività inibitoria sulla trascrittasi inversa dell’HIV; per quest’ultima attività la putranjivaina A era il composto isolato più attivo.
Dai frutti è stata isolata la fillemblina che potenzia l’azione dell’adrenalina, ha una blanda azione depressiva sul sistema nervoso centrale ed ha proprietà spasmolitiche.
Gli estratti di foglie hanno mostrato attività inibitoria sui leucociti umani e sulle piastrine, il che conferma almeno in parte le loro proprietà antinfiammatorie e antipiretiche.
I frutti hanno attività diuretiche, lassative e purgative e mostrano anche proprietà molluschicide e antimicrobiche. Sono un ingrediente principale di varie formule toniche ayurvediche; il frutto è dato per placare gli effetti dell’invecchiamento e per risanare gli organi.
I frutti acidi sono uno degli ingredienti di ‘triphala’, un tonico ayurvedico ringiovanente e lassativo basato su questa specie con aggiunta dei frutti di Terminalia bellirica e Terminalia chebula.
Il succo del frutto viene somministrato anche per rafforzare il pancreas dei diabetici, nonché nel trattamento di problemi agli occhi, dolori articolari, diarrea e dissenteria.
Tra gli altri sui si ricordano i seguenti.
I rami vengono potati e usati per il sovescio; si dice che correggano i terreni eccessivamente alcalini.
L’albero è piantato come specie pioniera nel nord della Thailandia in progetti di riforestazione per ripristinare i boschi nativi – è piantato in boschi degradati e aree aperte in un mix con varie altre specie che hanno tutte la capacità di crescere rapidamente; produce corone dense e che sopprimono le erbacce, attirando la fauna selvatica che disperde i semi, in particolare uccelli e pipistrelli.
La corteccia, così come le radici, le foglie e i frutti immaturi, sono molto apprezzati come fonte di tannini.
La corteccia dei germogli di diametro inferiore a 5 cm viene utilizzata per ottenere un buon tannino. La corteccia essiccata rapidamente contiene molto più tannino rispetto alla corteccia essiccata lentamente. Pertanto è stato consigliato di essiccare rapidamente la corteccia al sole.
Le foglie vengono utilizzate per tingere stuoie, vimini di bambù, seta e lana in colori marroni. I colori grigio e nero si ottengono quando si utilizzano sali di ferro come mordenti.
Le stuoie possono essere tinte di colori scuri con un decotto di corteccia.
I frutti sono usati per preparare un inchiostro nero e una tintura per capelli.
Rami e trucioli di legno vengono gettati in ruscelli fangosi per pulire l’acqua e conferire un gradevole sapore.
Le foglie essiccate vengono talvolta utilizzate come ripieno nei cuscini.
Si dice che i frutti secchi abbiano proprietà detergenti e siano usati per lavare la testa in alcune parti del Nepal.
Un olio fisso derivato dalla frutta agisce efficacemente come restauratore di capelli ed è utilizzato negli shampoo in India.
Un’usanza molto curiosa è la fabbricazione di vasi di ceramica simulati da una pasta di frutta bollita, che hanno la superficie decorata con semi colorati e impressi.
Il legno del Phyllanthus emblica è di colore rosso e a grana fitta, abbastanza pesante, duro ma flessibile, anche se molto soggetto a deformazioni e spaccature. Viene utilizzato per costruzioni minori, mobili, attrezzi, calci per armi, narghilè e tubi ordinari. È molto resistente quando sommerso e ritenuto utile per chiarificare l’acqua; è utilizzato per realizzare acquedotti grezzi e controventi interni per pozzi.
Il legno è usato come combustibile e come fonte di carbone dagli abitanti del villaggio; produce un carbone di buona qualità.

Modalità di Preparazione –
I frutti maturi del Phyllanthus emblica possono essere conservati per diversi mesi sull’albero senza una significativa perdita di qualità. Per questo motivo, è disponibile un lungo periodo per la raccolta dei frutti per il consumo.
I frutti vengono consumati crudi o cotti in vari piatti, come nel amle ka murabbah, un piatto dolce ottenuto immergendo le bacche nello sciroppo di zucchero fino a quando non vengono candite.
I frutti si conservano spesso spaccando, togliendo il nocciolo, mettendo gli spicchi in una soluzione di 42% di glicerolo, 42% di saccarosio, acqua e conservanti, quindi scaldando a 90°C per 3 minuti. I frutti vengono lasciati equilibrare nella soluzione per due giorni a 2 °C, quindi scolati e confezionati in contenitori. I frutti così conservati rimangono accettabili per circa 2 mesi a temperatura ambiente, e molto più a lungo se raffreddati, ma il contenuto di acido ascorbico diminuisce lentamente.
Possono essere conservati anche sottaceto.
Nella zona Batak di Sumatra, in Indonesia, la corteccia interna viene utilizzata per conferire un sapore astringente e amaro al brodo di una zuppa di pesce tradizionale nota come holat.
Nella medicina tradizionale indiana vengono utilizzati frutti secchi e freschi della pianta. Tutte le parti della pianta sono utilizzate in varie preparazioni erboristiche della medicina ayurvedica, inclusi il frutto, il seme, le foglie, la radice, la corteccia e i fiori.
Secondo l’Ayurveda, il frutto di è acido (amla) e astringente (kashaya) in gusto (rasa), con gusti secondari dolce (madhura), amaro (tikta) e piccante (katu) (anurasas). Le sue qualità (guna) sono leggere (laghu) e secche (ruksha), l’effetto postdigestivo (vipaka) è dolce (madhura) e la sua energia (virya) è rinfrescante (shita).
Nelle formulazioni polierbe ayurvediche, il frutto è un costituente comune e, in particolare, è l’ingrediente principale di un antico rasayana a base di erbe chiamato Chyawanprash.
Tra gli altri usi, come detto, è omunemente utilizzato negli inchiostri, negli shampoo e negli oli per capelli, l’alto contenuto di tannino del frutto funge da mordente per fissare i coloranti nei tessuti.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




2 pensieri riguardo “Phyllanthus emblica

  • 2 Maggio 2022 in 16:52
    Permalink

    esiste una coltivazione europea di questa pianta? Ci sono Aziende in Europa che non importano l’Emblica dall’Asia ma la coltivalo direttamente loro?

    Rispondi
    • 2 Maggio 2022 in 17:43
      Permalink

      Riteniamo che questa pianta non sia coltivata in Europa (o almeno non ci sono dati in tal senso); questa pianta ha infatti particolari necessità di caldo umido ed idriche. Tuttavia potrebbe essere coltivata in microclimi particolari del sud europa (soprattutto isole) ma in condizioni che mantengano bene l’umidità dell’aria (microvalli, ecc).

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *