Magnolia champaca

Magnolia champaca

La Champaca (Magnolia champaca (L.) Baill. ex Pierre) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Magnoliaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Magnoliidae,
Ordine Magnoliales,
Famiglia Magnoliaceae,
Genere Magnolia,
Specie M. champaca.
Sono sinonimi i termini:
– Champaca michelia Noronha;
– Magnolia membranacea P.Parm.;
– Michelia aurantiaca Wall.;
– Michelia blumei Steud.;
– Michelia champaca L.;
– Michelia euonymoides Burm. f.;
– Michelia pubinervia Blume;
– Michelia rheedei Wight;
– Michelia rufinervis DC.;
– Michelia sericea Pers.;
– Michelia suaveolens Pers.;
– Sampacca euonymoides (Burm.f.) Kuntze;
– Sampacca suaveolens (Pers.) Kuntze

Etimologia –
Il termine Magnolia del genere è stato dedicato da Linneo a Pierre Magnol (1638-1715) medico e botanico francese a Montpellier.
L’epiteto specifico champaca deriva dalla parola sanscrita campaka.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Champaca è un grande albero originario della regione indomalese, in un areale che comprende: Maldive, Bangladesh, Cambogia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Myanmar, Nepal, Thailandia e Vietnam. In Cina è originario dello Xizang meridionale e delle province meridionali e sud-occidentali dello Yunnan.
Il suo habitat è quello delle ecoregioni delle foreste pluviali di latifoglie delle zone tropicali e subtropicali, ad altitudini di 200-1.600 metri.

Descrizione –
La Magnolia champaca è una pianta che nelle sue zone di origine cresce fino a 50 metri o più.
Il suo tronco è lungo e diritto e può avere un diametro fino a 1,9 metri e l’albero ha una stretta corona ombrelliforme con rami ascendenti.
Le foglie sono grandi e coriacee di forma ovoidale lanceolata con nervature evidenti.
I fiori sono fortemente profumati in varie tonalità dal crema al giallo-arancio che sbocciano da giugno a settembre. I carpelli sono obovoidi-ellissoidi producono 2-4 semi da settembre a ottobre.

Coltivazione –
La Magnolia champaca è una pianta che viene utilizzata sia a livello spontaneo che soggetta a coltivazione per vari usi.
Viene inoltre riprodotta da vivai specializzati come pianta ornamentale, per la sua forma di albero ornamentale, per creare fitte siepi e per i suoi fiori profumati.
È una pianta tipica dei tropici umidi e subtropicali, in grado di essere coltivata anche nella zona temperata calda.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 30 e 37 °C, ma può tollerare 10 – 47 °C.
Predilige una piovosità media annua nell’intervallo 3.000 – 4.000 mm, ma tollera 2.200 – 5.100 mm.
Per la coltivazione richiede una posizione soleggiata in un terreno umido ma ben drenato, profondo, fertile, da argilloso a sabbioso e con un pH compreso nell’intervallo 4,5 – 5,5, tollerando 4 – 6.
Gli alberi propagati dal seme impiegano 8 – 10 anni per fiorire, mentre gli alberi propagati per via vegetativa fioriscono in 2 – 3 anni.
Nella regione di Java l’incremento medio annuo di alberi di 10 – 27 anni è di 1 – 1,8 metri di altezza e 1,5 – 2 cm di diametro; inoltre si consiglia una rotazione di 50 anni per produrre legname segato.
L’albero risponde bene alla ceduazione ed è suscettibile al fuoco.
I fiori e i frutti dell’albero durante tutto l’anno e sulle radici sono state osservate micorrize azotofissatrici.

Usi e Tradizioni –
La Champaca è una pianta con un’ampia gamma di impieghi che in precedenza era classificata come Michelia champaca L.
Nella nativa India e nel sud-est asiatico, la Champaca viene tagliata per il suo prezioso legname. Ha un legno finemente strutturato, marrone scuro e color oliva, che viene utilizzato nella produzione di mobili, costruzioni e mobili.
Nel Buddismo Theravada, si dice che la Champaca sia stata usata come albero per raggiungere l’illuminazione, o Bodhi, dal diciassettesimo Buddha chiamato “Aththadassi – අත්ථදස්සි”. Secondo le credenze tibetane, il Buddha della prossima era troverà l’illuminazione sotto il baldacchino di fiori bianchi dell’albero di Champaca.
I fiori sono utilizzati nel sud-est asiatico per diversi scopi. Soprattutto in India, sono usati principalmente per il culto nei templi, sia in casa che fuori, e più generalmente indossati tra i capelli da ragazze e donne come mezzo di ornamento di bellezza e profumo naturale. I fiori vengono fatti galleggiare in ciotole d’acqua per profumare la stanza, come decorazione profumata per letti nuziali e per ghirlande.
L’albero era tradizionalmente usato per fare capelli profumati e oli da massaggio. Il famoso profumo di Jean Patou, “Joy”, il secondo profumo più venduto al mondo dopo Chanel n. 5, deriva in parte dagli oli essenziali dei fiori di champaca.
Attualmente viene utilizzato anche allo stato naturale come fonte di cibo, medicine ed altri prodotti. È particolarmente apprezzata per il suo olio essenziale e il legname, ed è talvolta coltivata per questi usi.
L’albero viene utilizzato anche in progetti di riforestazione ed è comunemente coltivato come pianta ornamentale e da orto in tutti i tropici, essendo apprezzato soprattutto per i suoi fiori profumati, che sono spesso usati nelle cerimonie religiose.
La corteccia aromatica e amara viene talvolta utilizzata per l’adulterazione della cannella e si dice che il frutto sia commestibile.
La corteccia è usata come febbrifugo.
Nei luoghi di origine dopo il parto viene somministrato un decotto di corteccia e foglie mentre i fiori sono usati per curare la lebbra.
Le foglie sono usate come trattamento contro le coliche.
I semi sono usati per trattare la pelle gravemente screpolata.
Gli oli grassi estratti dai semi mostrano attività antibatterica contro Bacillus pumilus, B. Subtilis, Salmonella typhosa, S. Paratyphi, Micrococcus pyogenes var. Albus e Staphylococcus aureus.
I fiori producono un olio essenziale noto come champa o olio di champaca che viene usato in profumeria.
Un altro olio essenziale, noto come olio di foglie di Michelia, viene estratto dalle foglie.
I fiori dolcemente profumati sono usati in India per l’ornamento dei capelli.
Dai fiori si ottiene una tintura gialla.
Le analisi dei semi hanno mostrato un contenuto di circa il 20%. Tuttavia, il contenuto di olio di ciascun nocciolo è piuttosto elevato, pari al 32,2%, il che gli conferisce un potenziale di sfruttamento commerciale per la produzione di olio per vari usi.
Per quanto riguarda il legno questo ha un durame di colore bruno oliva che vira al bruno scuro con una sfumatura verdastra all’esposizione, è nettamente differenziato dal bruno chiaro, largo fino a 8 cm alburno.
Il legno è morbido, leggero ed ha grana uniforme.
Il durame è forte, durevole e in grado di ricevere un’elevata lucidatura. Ha grana diritta o leggermente intrecciata, tessitura da fine a moderatamente fine e uniforme.
Il legno si lavora bene e viene utilizzato per mobili, ebanisteria, intagli, torneria e modellistica; è stato utilizzato anche per pannelli di lana di legno legati con cemento.
In India è stato consigliato di cingere gli alberi per circa 3 anni prima dell’abbattimento per evitare possibili deformazioni e controllo del legno.
La pianta viene usata anche come legna da ardere, il valore energetico lordo del durame è di circa 21.070 kJ/kg.
Per quanto riguarda gli usi agroforestali, l’albero viene utilizzato per rimboschire aree gravemente erose in Java. Il suolo sotto la copertura arborea mostra un aumento del valore di pH, del carbonio organico del suolo e del fosforo disponibile.
Questa specie è protetta dal disboscamento in alcuni stati dell’India, specialmente nella regione sud-occidentale, dove alcuni boschi sono considerati sacri da indù e buddisti.
Inoltre, dal punto di vista ecologico, i fiori profumati attirano farfalle e colibrì. I suoi semi ricoperti di arilli sono molto attraenti per gli uccelli.

Modalità di Preparazione –
Nella medicina ayurvedica tradizionale, un infuso di corteccia amara viene consumato per ridurre la febbre mentre le foglie vengono trasformate in tè per alleviare la tosse e la tonsillite. Si ritiene che i fiori e i boccioli abbiano proprietà antisettiche e vengono applicati esternamente su ferite o infiammazioni.
Come detto il legno è leggero e resistente e può essere utilizzato come legname per mobili, pannelli di porte, armadietti, oggetti sacri come catene di perline e anche bare.
I fiori possono essere essiccati e sono ricchi di olio essenziale e utilizzati per profumi e olio per capelli.
I fiori, inoltre, sono usati anche per offerte religiose indù e buddiste.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *