Parco nazionale delle Channel Islands

Parco nazionale delle Channel Islands

Il parco nazionale delle Channel Islands, il cui Codice WDPA è: 1033, è un parco nazionale situato in California, negli Stati Uniti d’America.
Questo parco ha una superficie a terra di 1009.94 km² ed è stato istituito ufficialmente il 5 marzo 1980.
L’ente gestore del parco nazionale delle Channel Islands, come per gli altri parchi degli Stati Uniti, il National Park Service.
Il parco nazionale delle Channel Islands è uno dei quattro parchi nel sistema dei parchi nazionali, che comprende anche Isle Royale, Dry Tortugas e Isole Vergini, situati interamente sulle isole. Il parco nazionale delle Channel Islands è composto da 5 isole al largo della costa della California meridionale, le 4 settentrionali nel Canale di Santa Barbara. Le isole presentano coste rocciose, grotte marine, montagne, canyon e un paesaggio che ricorda la storica California. Le isole presentano numerosi siti archeologici, animali e 70 piante diverse endemiche delle isole.
Il parco nazionale delle Channel Islands è uno dei parchi meno visitati del Sistema dei parchi nazionali. Ciò è dovuto, ovviamente, alla difficoltà di raggiungere le isole. Tuttavia, al momento attuale il trasporto verso una qualsiasi delle Isole del parco può essere facilmente organizzato. I visitatori possono organizzare gite giornaliere o parziali, o pernottamenti di una o più notti.

Geografia –
Le quattro isole settentrionali del parco nazionale delle Channel Islands sono Anacapa, composta da tre isolotti di cui sono mostrate parti di seguito, Santa Cruz, Santa Rosa e San Miguel. Queste isole si trovano a quasi 18 Km dalla costa della California nelle vicinanze di Ventura, dove si trova il centro visitatori, e Oxnard. Più a sud si trova la piccola isola di Santa Barbara. Altre tre Isole del Canale, Santa Catalina, San Clemente e San Nicholas, tutte a sud, non fanno parte del Parco Nazionale delle Isole del Canale.
L’isola più grande, Santa Cruz, copre 155 Km2. Santa Rosa è quella più prossima e più grande con una superficie di 135 Km2, che si estende per circa 24 Km di lunghezza e 16 di larghezza. San Miguel, l’isola più occidentale, è 22,5 Km2, con quasi 13 Km di lunghezza e 6,4 di larghezza, situata a circa 42 Km dalla terraferma. Le tre parti dell’isola di Anacapa insieme sono circa 1,8 Km2 in totale. L’isola di Santa Barbara, a sud, è solo di circa 1,6 Km2.

Geologia –
Le Channel Islands sono state originariamente formate dall’attività vulcanica circa 14 milioni di anni fa e si sono spostate nella posizione e nella forma attuali per la tettonica a zolle e l’innalzamento e l’abbassamento del livello del mare. Anche se un tempo si credeva che le quattro Isole settentrionali: Anacapa orientale, centrale e occidentale, Santa Cruz, Santa Rosa e San Miguel, potessero essere collegate alla terraferma, ora si ritiene che questo non sia vero.
Tuttavia, 180.000 anni fa, quando il livello del mare era di circa 45 metri più basso rispetto ai tempi più recenti, queste isole erano apparentemente parte di una grande massa di terra insulare conosciuta come Santarosae che copriva circa 1165 Km2. Questa grande isola era separata dalla terraferma solo da poche miglia. Le isole hanno raggiunto le dimensioni e le forme attuali circa 2.000 anni fa.

Flora –
Il parco nazionale delle Channel Islands supporta una flora terrestre diversificata, tra cui molte specie rare, relitte ed endemiche, nonché molte specie non native. Numerose piante sono rare sulle isole ma hanno una distribuzione più ampia sulla terraferma. D’altra parte, a causa delle condizioni ambientali e dell’isolamento dalla terraferma, molte delle piante autoctone della terraferma californiana non crescono qui. Nel parco sono stati identificati un totale di circa 790 taxa di piante, tra specie, sottospecie, varietà e forme, di cui circa 578 sono autoctone e 205 non autoctone.
Ogni isola supporta un insieme unico di comunità vegetative, che differiscono per clima, microhabitat, topografia, geologia, suoli, storia della colonizzazione delle piante, isolamento e storia dell’uso del suolo. Molte delle comunità vegetative autoctone delle isole sono state notevolmente alterate dall’uomo e dall’introduzione di specie non autoctone e sono in varie fasi di recupero. I principali tipi di comunità vegetativa sulle isole includono dune costiere, scogliere costiere, macchia di salvia costiera, praterie, chaparral, boschi di querce insulari, boschi misti di latifoglie, pinete e vegetazioni ripariali. Attualmente, le comunità vegetali più estese delle isole sono le praterie e la macchia di salvia costiera con aree significative di chaparral sull’isola di Santa Cruz e, in misura minore, sull’isola di Santa Rosa. Varie fasi della macchia costiera di scogliera costituiscono la categoria successiva per grandezza. Boschi misti di latifoglie, boschi di querce e boschi di pini sono sparsi ovunque su pendii e canyon riparati o su creste esposte a frequenti nebbie umide. Le comunità vegetali più piccole ma non meno significative includono la duna costiera, la macchia di baccharis, la macchia di caliche e le zone umide.

Fauna –
Nel parco nazionale delle Channel Islands vivono una varietà di organismi, dai principali predatori come aquile calve e squali, ai residenti intertidali come stelle marine e cirripedi, ai più piccoli parassiti che vivono su altri animali e piante.
A causa del loro isolamento e della natura remota, le Channel Islands ospitano meno specie animali autoctone rispetto ad habitat simili sulla terraferma. Le specie che hanno raggiunto le isole erano aeree, come uccelli e pipistrelli, o trasportate attraverso l’acqua su detriti e altro materiale. Nel corso del tempo alcune specie di vertebrati si sono evolute in sottospecie distinte sulle isole. Ad esempio, il topo cervo e la volpe dell’isola sono riconosciuti come sottospecie distinte su ciascuna delle isole in cui vivono. Nel parco sono stati identificati un totale di 23 animali terrestri endemici, inclusi 11 uccelli terrestri, che sono sottospecie o razze.
La vita nelle acque intorno alle isole è molto ricca. Le correnti che scorrono intorno alle isole sono insolite e portano forme di vita che in genere esistono fino a 1600 Km a nord e a sud di questa zona. In effetti, la ricchezza e la varietà delle forme di vita in quest’area rivaleggiano con altre come le Galapagos, la Grande Barriera Corallina e i Caraibi.
Anche la fauna selvatica, tra cui un’ampia varietà di uccelli come il gabbiano, si trova in abbondanza sulle isole.
Purtroppo dalla fine del 1700 alla metà del 1800 la caccia alle isole marine nel canale fu intensa. Furono istituiti alcuni campi temporanei utilizzati dai cacciatori di foche.
Alla fine del 1800, le lontre marine e alcuni tipi di pinnipedi erano stati cacciati quasi fino all’estinzione.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *