Mammea americana

Mammea americana

La Mammea americana (Mammea americana L.) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Clusiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Theales,
Famiglia Clusiaceae,
Genere Mammea,
Specie M. americana.

Etimologia –
Il termine Mammea è di provenienza latina e quindi spagnola, mamey, mammee.
L’epiteto specifico americana è in riferimento alle sue origini delle Americhe, americano.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Mammea americana è una pianta originaria dei Caraibi, dove l’albero è ampiamente coltivato anche nei tropici e nell’America centrale.
Questa specie è stata poi introdotta in varie regioni del Vecchio Mondo: Africa occidentale, in particolare Sierra Leone, Zanzibar, Sud-est asiatico e Hawaii. Negli Stati Uniti, la specie si trova unicamente nelle Hawaii e in Florida.
L’habitat di questa pianta è limitato ai climi tropicali o subtropicali. In America centrale, la specie cresce fino a un’altitudine di 1.000 m. Prospera meglio in terreni ricchi, profondi e ben drenati, ma è molto adattabile; cresce anche su calcare in Giamaica, nel calcare oolitico delle Bahamas e su antiche rocce coralline delle Barbados, nonché su banchi corallini al largo della costa della Florida.

Descrizione –
La Mammea americana è un albero sempreverde alto 18-21 m, simile nell’aspetto alla Magnolia grandiflora).
Il tronco è corto e raggiunge 1,9-2,2 m di diametro.
I rami eretti dell’albero formano una testa ovale.
Ha un fogliame verde scuro, piuttosto denso, con foglie opposte, coriacee, ellittiche. Le foglie possono raggiungere i 10 cm di larghezza e il doppio della lunghezza.
Il fiore è fragrante, ha quattro o sei petali bianchi e raggiunge i 2,5–4,0 cm di larghezza quando è completamente sbocciato. I fiori sono portati singolarmente o in gruppi di due o tre, su brevi steli. Un singolo fiore può avere pistilli, stami o entrambi, quindi i fiori possono essere maschili, femminili o ermafroditi su un albero.
Il frutto è una bacca, anche se spesso viene erroneamente interpretata come una drupa. Si presenta tondo o leggermente irregolare, con crosta di colore bruno o grigio-bruno dello spessore di 3 mm. Infatti la scorza è costituita dall’esocarpo e dal mesocarpo del frutto, mentre la polpa è formata dall’endocarpo. Il gambo è grosso e corto. Il frutto presenta all’apice un residuo floreale più o meno visibile.
Il suo diametro va da 10 a 20 cm. Quando è acerbo è duro e pesante, ma la sua polpa si ammorbidisce leggermente a piena maturazione. Sotto la pelle c’è una membrana bianca e secca, il cui sapore è astringente e aderisce alla carne. La polpa è arancione o gialla, non fibrosa e può avere varie consistenze (croccante o succosa, soda o tenera). In genere l’odore della polpa è gradevole e appetitoso.
I frutti piccoli contengono un solo seme, mentre quelli più grandi possono averne fino a quattro. I semi sono marroni, ruvidi e ovali e lunghi circa 6 cm. Il succo del seme lascia una macchia indelebile.

Coltivazione –
La Mammea americana è una pianta che può crescere limitatamente nei climi tropicali o sub tropicali da umidi a umidi. Questa pianta cresce meglio nelle pianure, ma può avere successo ad altitudini fino a 1.000 metri.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 24 e 30 °C, ma può tollerare 12 – 35 °C.
In condizioni di dormienza la pianta può sopravvivere a temperature fino a circa -2 °C, ma la crescita delle giovani piantine può essere gravemente danneggiata a 0 °C.
Dal punto di vista pluviometrico predilige una piovosità media annua nell’intervallo 1.200 – 1.800 mm, ma tollera 800 – 2.600 mm.
Preferisce una posizione in pieno sole o in ombra leggera e si adatta meglio su suoli sabbiosi profondi, ricchi e ben drenati, con un pH nell’intervallo 6 – 6,5, tollerando 5,5 – 8.
Gli alberi possono produrre il loro primo raccolto dopo 6 – 10 anni dalla semina.
I buoni alberi possono produrre 300-400 frutti all’anno ed, inoltre esistono diverse varietà.
La propagazione può essere effettuata per seme. La germinazione avviene da 60 a 260 giorni. L’innesto è il metodo preferito di propagazione.

Usi e Tradizioni –
La Mammea americana è un albero ampiamente coltivato, soprattutto nei cortili, ai tropici per i suoi frutti commestibili. Con le sue foglie lucide e verde scuro e il fogliame denso, fa un bellissimo albero ornamentale e quindi viene spesso piantato per fare ombra intorno a case, parchi e lungo le strade.
Si ricorda che i semi, dal sapore amaro, sono velenosi per i pesci, i pulcini e alcuni insetti.
Il frutti di questa pianta sono commestibili e possono essere mangiati sia crudi che cotti. La polpa è soda e densa ed ha un sapore aromatico simile all’albicocca. Questi frutti dal sapore delizioso, vengono utilizzati come dessert e possono essere trasformati anche in marmellate, salse, crostate, torte, ecc..
Sebbene commestibile, questo frutto ha ricevuto poca attenzione in tutto il mondo. La polpa cruda può essere servita nelle macedonie, oppure con vino, zucchero o panna, soprattutto in Giamaica. Alle Bahamas la polpa viene prima messa in acqua salata per toglierne l’amaro, prima di cuocerla con molto zucchero per fare una sorta di marmellata. La polpa può essere consumata anche stufata.
Il frutto è ricco di pectina e quindi si ottengono buone conserve, queste hanno un sapore notevolmente simile alle confetture di albicocche.
Il frutto verde acerbo è più ricco di pectina e può essere aggiunto ai frutti a basso contenuto di pectina quando si preparano gelatine, marmellate, ecc..
Dai fiori profumati si ottiene un liquore per distillazione.
Dalla linfa dell’albero viene fatta fermentare una bevanda alcolica.
La Mammea americana trova impiego anche come pianta medicinale. Negli usi della medicina popolare viene utilizzata nel trattamento di infezioni del cuoio capelluto, diarrea, problemi digestivi e agli occhi.
I semi in polvere sono impiegati nel trattamento delle malattie parassitarie della pelle.
Un’infusione dei semi macinati, meno l’embrione che è considerato convulsivo, è impiegata come antielmintico solo per gli adulti.
Il lattice gommoso della corteccia è stato usato come insetticida, per estrarre pulci e insetti dalla pelle e per uccidere zecche e altri parassiti di cani e altri animali domestici.
La pianta contiene cumarine, in particolare mammeina.
I frutti acerbi, come detto, sono ricchi di pectina e la corteccia degli alberi è ricca di tannino.
Varie parti dell’albero contengono sostanze insetticide, in particolare il nocciolo del seme. A Porto Rico, le foglie delle mammee sono avvolte intorno alle giovani piante di pomodoro per tenere lontani grilli talpa e vermi. In modo simile, la gomma di corteccia viene sciolta con grasso in Giamaica e in Messico, quindi applicata ai piedi per respingere pulci o pulci sugli animali. Lo stesso effetto si ottiene anche da infusi di frutti semimaturi.
Nelle Isole Vergini, il tannino della corteccia viene utilizzato per conciare la pelle. Il legname di questa pianta è pesante e duro, ma facile da lavorare; ha ricevuto, tuttavia, solo un interesse commerciale limitato.
Di seguito si riporta il valore nutrizionale medio per 100 g:
– Energia 213 kJ (51 kcal);
– Carboidrati 12,5 g;
– Fibra alimentare 3 g;
– Grassi 0,5 g;
– Proteine 0,5 g.
Inoltre contiene molte vitamine:
– Vitamina A equiv. 2%,12 μg;
– Tiamina (B1) 2%, 0.02 mg;
– Riboflavina (B2) 3%, 0.04 mg;
– Niacina (B3) 3%, 0,4 mg;
– Acido pantotenico (B5) 2%, 0.103 mg;
– Vitamina B6 8%, 0,1 mg;
– Folato (B9) 4%, 14 μg;
– Vitamina C 17%, 14 mg.
Tra i minerali si hanno:
– Calcio 1%, 11 mg;
– Ferro 5%, 0,7 mg;
– Magnesio 5%, 16 mg;
– Fosforo 2%, 11 mg;
– Potassio 1%, 47 mg;
– Sodio 1%, 15 mg;
– Zinco 1%, 0.1 mg.
Tra gli altri usi di questa pianta si ricordano quelli agroforestali: le grandi radici laterali prevengono l’erosione del suolo.
Inoltre quando vengono attorcigliate a forma di cono, le foglie vengono utilizzate come vasi per piantare piantine di tabacco e proteggono le giovani piante dagli insetti che distruggono le radici.
La corteccia contiene un lattice giallo pallido che trasuda dai punti danneggiati. È stato usato come insetticida.
Il durame è di colore rossastro o bruno-porpora; l’alburno di colore molto più chiaro. La consistenza è media; la grana è intrecciata e irregolare; la superficie di questo legno attraente spesso è punteggiato di essudazioni piccole, scure, oleose. Il legno è duro; pesante, forte, abbastanza resistente alla decomposizione ma molto suscettibile alle termiti. La stagionatura all’aria è moderata ma molto difficile e la quantità di degradazione è considerevole. È facile da lavorare; ha una grana attraente e lucida bene; piallatura, tornitura, foratura e mortasatura sono buone; ottima la formatura e la resistenza allo sfregamento della vite e la levigatura è scarsa. Il legno è utile in ebanisteria, è apprezzato per pilastri, travicelli, elementi decorativi di case, rivestimenti interni, torneria e pali.
Il legno viene usato anche come combustibile.

Modalità di Preparazione –
La Mammea americana è una pianta i cui frutti sono ottimi commestibili e mangiati sia cotti che crudi e lavorati per ottenere marmellate, crostate, conserve, ecc..
Dalla linfa dell’albero viene fatta fermentare una bevanda alcolica.
Dai fiori viene distillato un liquore aromatico chiamato Eau de Creole o Crème de Creole, che si dice agisca come tonico o digestivo.
Dalle foglie fresche o secche si somministra un infuso in caso di febbre intermittente.
Nella medicina tradizionale di Trinidad e Tobago, i semi grattugiati vengono mescolati con rum o olio di cocco per curare i pidocchi e le pulci.
Tutte le parti della pianta hanno proprietà insetticide; gli infusi dei semi in polvere e della gomma della corteccia e della buccia dei frutti verdi sono usati come insetticidi per uccidere zecche, pulci e altri insetti.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *