Eleutherococcus senticosus

Eleutherococcus senticosus

L’eleuterococco o Ginseng siberiano (Eleutherococcus senticosus (Rupr. & Maxim.) Maxim.) è una specie arbustiva appartenente alla famiglia delle Araliaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Apiales,
Famiglia Araliaceae,
Genere Eleutherococcus,
Specie E. senticosus.
È sinonimo il termine:
– Acanthopanax senticosus (Rupr. et Maxim) Harms.

Etimologia –
Il termine Eleutherococcus proviene dal greco e significa “a bacca libera”.
L’epiteto specifico senticosus viene da sentix, -icis rovo: coperto di spine, spinoso.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’eleuterococco è un arbusto originario di un areale compreso tra la Siberia e la Mongolia ed è presente nell’Asia dell’est, Cina, Giappone e Siberia.
Il suo habitat è quello delle foreste montane miste e di conifere, che formano piccoli sottoboschi o gruppi in boschetti e bordi. A volte si trova nei boschi di querce ai piedi delle scogliere, molto raramente nei boschi ripariali di alta foresta.

Descrizione –
L’Eleutherococcus senticosus è un arbusto deciduo che può crescere fino ad un’altezza di 2,00 metri ma che può raggiungere anche i 6 metri.
Presenta rami ricoperti di spine lunghe e fini, ispide, più o meno fitte a seconda della varietà.
Le foglie sono palmate, divise in cinque foglioline, lunghe 5-13 cm e 3-7 cm di larghezza, di forma ellittica, piuttosto acuminate, con un margine finemente seghettato, senza peli sulla superficie superiore ma con presenza sul nervo centrale del lato inferiore; queste sono portate da un lungo picciolo fino a 12 cm, talvolta ricoperto di spine.
I fiori sono piccoli e raggruppati in ombrelle terminali, semplici o composte, globose. I fiori femminili sono di colore giallastro, mentre quelli maschili sono violacei.
Il frutto è una bacca nera.

Coltivazione –
L’eleuterococco è una pianta che preferisce un terreno leggero, caldo, limoso, ricco di humus, e una posizione riparata dai venti del nord e dell’est. Il substrato deve essere ben drenato e cresce anche in luoghi urbani inquinati e ricchi di polveri.
Le piante resistono almeno a -15 °C se sono riparate dai venti freddi.
È una specie altamente polimorfica e viene coltivata come pianta medicinale in Russia e Cina.
La propagazione viene fatta tramite seme che va seminato non appena questo è maturo in autunno, in serra fredda.
Il seme può essere lento a germogliare. Il seme immagazzinato richiede 6 mesi di caldo seguito da 3 mesi di stratificazione fredda.
Dopo l’emergenza delle piantine si consiglia di diradarle e queste andranno trapiantate quando saranno abbastanza grandi da poterle maneggiare e farle crescere in un luogo ombreggiato o in serra per almeno il primo inverno. Va poi piantata nella sua posizione definitiva in tarda primavera o all’inizio dell’estate.
La propagazione può avvenire anche per talee di legno semimaturo, nel periodo di metà estate, in luogo coperto ed ombreggiato, prelevando porzioni di ramo di 15-30.
Questa pianta viene anche raccolta allo stato naturale per uso locale come alimento e per uso medicinale.

Usi e Tradizioni –
L’eleuterococco è un’erba tonica potente con una notevole quantità di benefici per la salute. A differenza di molte erbe con uso medicinale, risulta più utile per il mantenimento di un buon stato di salute che come effetto curativo.
La ricerca ha dimostrato che stimola la resistenza allo stress e quindi è ora ampiamente utilizzato come tonico nei periodi di stress e pressione. Questa pianta è un trattamento popolare comune molto usato in Cina e Russia dove viene utilizzata come sostituta del ginseng.
È un’erba di sapore agrodolce pungente che, nella sua azione, si dice sia più forte del ginseng.
Si dice che l’uso regolare ripristini vigore, migliori la memoria e aumenti la longevità.
La radice e la corteccia della radice sono adattogene, antinfiammatorie, ipoglicemiche, toniche e vasodilatatrici. Viene assunto internamente durante la convalescenza e nel trattamento dei problemi della menopausa, debolezza geriatrica, stress fisico e mentale, ecc..
In generale è un’erba che rafforza il sistema immunitario naturale del corpo.
È stato anche utilizzato per combattere malattie da radiazioni ed esposizione a sostanze chimiche tossiche.
In generale questa erba non è prescritta per i bambini e non deve essere utilizzata per più di 3 settimane contemporaneamente; inoltre non si dovrebbe assumere caffeina quando si usa questa erba.
La radice di Eleutherococcus senticosus viene usata in erboristeria in forma di gocce o compresse in quanto le vengono riconosciute proprietà toniche ed adattogene, in grado di ottimizzare la secrezione degli ormoni.
L’utilizzo della pianta viene indicata negli stati di stress e sovraffaticamento; come detto rinforza il sistema immunitario, aumentando il numero dei linfociti T e stimolando l’attività dei globuli bianchi, è utile nella astenia, convalescenza, nell’esaurimento psicofisico, nella stanchezza, nell’ipotensione, nella attività sportiva, previene l’insorgenza delle malattie, indicata nei periodi di ridotta capacità di rendimento, di concentrazione e di attenzione, stimola il metabolismo e aiuta nelle spasmofilie. Un recente studio giapponese ha evidenziato che aiuta a migliorare la resistenza al freddo e allo sforzo.
Inoltre, negli ultimi decenni, i ricercatori di tutto il mondo hanno condotto indagini sistematiche su questa erba, dalla chimica alla farmacologia, e un gran numero di componenti chimici sono stati caratterizzati per i loro significativi effetti farmacologici. Tuttavia, i rapporti sugli effetti antitumorali di questa pianta erano stati rari fino a tempi recenti, quando sono stati condotti considerevoli esperimenti farmacologici sia in vitro che in vivo per studiare gli effetti antitumorali di questa erba.
Tra le controindicazione si ricorda che, a dosi eccessive, potrebbe determinare cefalea, tensione e insonnia.
I principi attivi responsabili delle proprietà salutistiche dell’ Eleutherococcus senticosus sono concentrati nella radice e appartengono principalmente alla categoria dei glicosidi. Tali sostanze – conosciute anche come eleuterosidi e designate dalle lettere che vanno dalla A alla M – hanno natura chimica varia. Sono inoltre presenti composti saponinici (triterpeni e steroli), cumarine, flavonoidi e polisaccaridi (eleuterani).
In merito alla composizione chimica dell’ Eleutherococcus senticosus, non è stato possibile attribuire l’azione adattogena a un singolo composto; pertanto, come spesso accade nell’ambito fitoterapico, tale azione è di natura sinergica ed è attribuibile all’intero fitocomplesso.

Modalità di Preparazione –
Per l’utilizzo di questa pianta si adoperano le radici che vengono raccolte in autunno ed essiccate per un uso successivo.
Sono conosciuti, inoltre, anche impieghi commestibili; in questo caso si utilizzano sia foglie giovani e germogli cotti.
Le foglie essiccate sono usate poi come sostituto del tè.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *