Dioscorea composita

Dioscorea composita

Il Barbasco (Dioscorea composita Hemsl.) è una specie erbacea perenne rampicante appartenente alla famiglia delle Dioscoreaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Classe Liliopsida,
Ordine Liliales,
Famiglia Dioscoreaceae,
Genere Dioscorea,
Specie D. composita.
Sono sinonimi i termini:
– Dioscorea tepinapensis Uline ex R.Knuth.

Etimologia –
Il termine Dioscorea del genere è stato dedicato a Pedanio Dioscoride Anazarbeo (di Anazarbo Asia Minore), medico di cultura greca, botanico e farmacista, vissuto nel I secolo d.C..
L’epiteto specifico composita proviene dal lat. composĭtus, p. pass. di componĕre ‘comporre’ per via delle sue caratteristiche botaniche.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Dioscorea composita è una pianta con origini in Centro America,in un’area che comprende Costa Rica, El Salvador, Honduras, Guatemala, Belize e Messico.
Il suo habitat allo stato naturale non è conosciuto.

Descrizione –
La Dioscorea composita è una pianta erbacea perenne rampicante che produce fusti annuali che crescono a partire da una formazione tuberosa.
Gli steli si arrampicano sul terreno o si attorcigliano nelle piante vicine.
Le piante producono tuberi aerei che sono attaccati strettamente agli steli, vicino all’attaccatura delle foglie.
Le foglie sono lunghe picciolate, opposte (spesso con una sola foglia persistente); lame fino a 20 cm o più di lunghezza, strettamente a forma di cuore allungato.
È una specie dioica, con piante sia maschili che femminili.
I fiori sono piccoli, occasionali, maschili e femminili derivanti dalle ascelle delle foglie su piante separate.
Il frutto è una capsula.

Coltivazione –
Il Barbasco è una pianta tipica dei tropici umidi e subtropicali dove cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 25 e 30 °C, ma può tollerare temperature tra 15 e 38 °C. La pianta non sopporta temperature inferiori a 8 °C.
Inoltre preferisce una piovosità media annua compresa tra 1.200 e 1.500 mm, ma tollera tra 1.000 e 2.100 mm. Predilige una posizione in pieno sole, tollerando l’ombra leggera e si sviluppa bene in un terreno da leggero a medio di moderata fertilità dove preferisce un pH compreso tra 6 e 6,5, tollerando 5,8 – 7,3.
Una volta formati i tuberi questi impiegano 4-5 anni per raggiungere la loro dimensione massima.
La propagazione può avvenire per parti di tuberi o per seme.

Usi e Tradizioni –
La Dioscorea composita è una pianta originaria dell’America centrale e diffusa in tutto il Sudamerica.
I tuberi di questa pianta, prima di essere utilizzati industrialmente, sono stati utilizzati dai guaritori Chinantec nel nord di Oaxaca come abortivo e nelle cure per le articolazioni doloranti. Erano anche usati dai chinantec come veleno per la pesca nel fiume Papaloapan, e sono anche menzionati in un uso a questo scopo nel Popol Vuh, il libro sacro del K’iche Maya.
La Dioscorea composita è una pianta che si distingue per il suo ruolo nella produzione di diosgenina, che è un precursore per la sintesi di ormoni come il progesterone e il cortisone.
I tuberi hanno proprietà medicinali e talvolta vengono raccolti allo stato naturale per uso locale. La pianta è comunque talvolta coltivata.
Nella sua radice sono presenti particolari sostanze biologicamente attive, le saponine steroidee, che fanno parte del sistema difensivo della pianta.
La diosgenina è la saponina maggiormente rappresentata nella Dioscorea e presenta interessanti effetti come regolatore ormonale femminile, antispasmodico e antinfiammatorio, particolarmente utili per la menopausa e la sindrome premestruale.
Negli ultimi decenni sono stati confermati alcuni degli effetti farmacologici della Dioscorea che la tradizione aveva già individuato in passato.
La dioscorea mostra anche effetti antinfiammatori utili nella flogosi articolare.
Negli anni ’60 la diosgenina estratta dalla Dioscorea composita, è stata determinante nello sviluppo della pillola contraccettiva orale e anche per lo sviluppo di trattamenti a base di cortisone per l’ artrite . Gli studi sulla diosgenina indicano che ha un effetto sulla neuropatia diabetica.

Modalità di Preparazione –
La radice di Dioscorea composita ha trovato impiego, sin da tempi remoti, per scopi medicinali e questo per quanto oggi si conosce, cioè quasi certamente per il contenuto in diosgenina presente nelle radici, che, come detto, è un precursore di alcuni ormoni femminili e viene estratta per uso farmaceutico.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.