Boswellia serrata

Boswellia serrata

L’Incenso indiano (Boswellia serrata Triana e Planch.) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Burseraceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Sapindales, Famiglia Burseraceae e quindi al Genere Boswellia ed alla Specie B. serrata.

Etimologia –
Il termine Boswellia del genere è stato dedicato al briologo scozzese John Boswell (1710-1780), membro del Royal College of Physicians di Edimburgo.
L’epiteto specifico serrata significa seghettato, da serra sega: solitamente riferito al margine delle foglie.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Boswellia serrata è un albero originario di un’area compresa tra India, Africa e Arabia. In India è ampiamente distribuita su tutto il territorio, maggiormente concentrata negli Stati del Madhya Pradesh e del Rajastan, dove forma lembi di foresta quasi pura.
Il suo habitat è quello delle foreste decidue secche tropicali, foreste di teak molto secche o foreste decidue miste secche, ad altitudini fino a 1.150 metri dove la si ritrova spesso su pendii e creste, nonché su terreni pianeggianti, raggiungendo dimensioni maggiori su terreni fertili.

Descrizione –
La Boswellia serrata è un albero a foglie decidue di medie dimensioni con una corona leggera e sparsa e rami un po’ pendenti.
Di solito cresce da 9 a 15 metri di altezza, con un tronco generalmente corto, lungo 3-5 metri, ma a volte è più lungo se cresciuto in aree di foreste dense.
Le foglie sono composte, imparipennate, con 6-8 paia di foglioline sessili disposte in due file laterali, con margine crenato-ondulato.
I fiori sono piccoli (circa 8 mm di diametro), portati in infiorescenze racemose, con calice verde 5-dentato, corolla di 5 petali liberi bianchi, 10 stami e 1 pistillo.
Il frutto è una capsula obovoide (8–12 mm x 6–7 mm), con apice acuto, costituita da 3-5 valve ognuna contenente un seme.

Coltivazione –
L’Incenso indiano è una pianta a crescita lenta che vive allo stato spontaneo ma che può essere coltivato in particolari condizioni sia per fine industriali che ornamentali.
La propagazione può avvenire da seme che ha però una breve germinabilità ed è meglio seminarlo non appena è maturo.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 33 e 42 °C, ma può tollerare temperature tra 7 e 47 °C.
Le piante mature possono morire a temperature di -2 °C o inferiori, ma la nuova crescita può essere gravemente danneggiata a -1 °C.
Preferisce una piovosità media annua compresa tra 1.000 e 1.500 mm, ma tollera valori tra 500 e 2.000 mm, anche se le piante oramai affrancate sono molto resistenti alla siccità.
Richiede una posizione soleggiata e cresce bene su terreni neutri sopra gneiss, scisti, quarzite, calcare e arenaria e ha la capacità di prosperare nei terreni più poveri e poco profondi.
Preferisce valori di pH compresi nell’intervallo 5,5 – 6,5, tollerando 5 – 7,4.
L’albero produce polloni radicali ed è molto resistente ai danni da incendio.
Un albero maturo produce mediamente circa 1 – 1,5 kg di gomma all’anno.

Usi e Tradizioni –
La Boswellia serrata è una delle piante che produce l’incenso indiano e dalle quali si ottiene una gomma trasparente di colore giallo dorato che si indurisce lentamente.
La pianta ha una lunga storia come uso medicinale in India, soprattutto come utilizzo nell’Ayurveda. Esistono documenti che risalgono a oltre 2000 anni fa. L’albero viene raccolto allo stato selvatico, in particolare per la sua gomma e la corteccia, che vengono commercializzate a livello locale e internazionale. Viene anche utilizzato nei reimpianti per terreni poveri e talvolta viene coltivato come pianta ornamentale.
È una pianta particolarmente utile per le ripopolazioni di colline di arenaria secca che sono state private di vegetazione, dove il terreno è marcatamente ferruginoso e dove la protezione completa da fattori biotici non è sempre possibile. In tali circostanze, la sua capacità di resistere agli effetti avversi degli incendi boschivi, la sua immunità allo sfruttamento dei foraggi, il suo potere di resistere agli effetti dell’insolazione e della siccità e la sua capacità di riproduzione da sementi, polloni o altre forme vegetative è eccezionale.
La resina di incenso indiano contiene sostanze che possono ridurre stati infiammatori.
Dalla pianta si ottiene, inoltre, una gomma commestibile.
La ricerca moderna ha dimostrato la presenza di una gomma, una resina e un olio essenziale.
La Boswellia serrata contiene varie forme di acido boswellico tra cui acido β-boswellico, acido acetil-β-boswellico, acido 11-cheto-β-boswellico e acido acetil-11-cheto-β-boswellico.
È stato riferito che il fitosterolo contiene b-sistosterolo, mentre un estratto alcolico della radice ha mostrato attività anticancro contro il carcinoma epidermico umano del tratto rinofaringeo.
Gli estratti alcolici sia della radice che del frutto hanno mostrato attività depressiva del SNC.
Sia gli estratti dei frutti che dei gambi hanno mostrato attività ipoglicemizzante.
La fazione non fenolica della resina ha mostrato marcati effetti sedativi e analgesici.
La corteccia e la gomma da ottenute da questa pianta sono alterative, espettoranti, aromatiche, demulcenti, diuretiche, emmenagoghe e refrigeranti.
La resina viene utilizzata nel trattamento di malattie polmonari croniche, diarrea, dissenteria, malattie polmonari, menorrea, dismenorrea, gonorrea, affetto sifilitico, mucchi e disturbi epatici.
Una pasta a base di resina, combinata con olio di cocco o succo di limone, viene applicata su ulcere, gonfiori indolenti, carbonchi, bolle e tigna.
L’olio estratto dalla gomma viene prescritto con una bevanda demulcente nel trattamento della gonorrea.
Una fibra ottenuta dalla corteccia viene utilizzata per produrre cordami.
Il legno è di bassa qualità, a volte viene utilizzato per oggetti come mobili economici, scatole da tè, ciotole, piatti, ecc. e come fonte di pasta per la produzione di carta.
Il legno, inoltre, è recentemente diventato famoso come materia prima per la cellulosa e la carta da giornale. Gli esperimenti dimostrano che è possibile preparare carta resistente alla scrittura quando nel 25-40% si mescola polpa di bambù a fibre lunghe.
Il legno viene utilizzato, inoltre, come combustibile e per produrre carbone. Il carbone prodotto da esso è particolarmente indicato per la fusione con ferro.
L’incenso è usato soprattutto nella medicina popolare per la preparazione di unguenti contro le piaghe e le eruzioni della pelle.

Modalità di Preparazione –
Oltre che per l’ottenimento di gomme e resine gli estratti di Boswellia serrata vengono utilizzati in saponi, cosmetici, alimenti e bevande.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *