Bambusa spp.

Bambusa spp.

Il bambù è (Bambuseae Kunth ex Dumort., 1829) è una grande tribù di piante spermatofite monocotiledoni appartenente alla famiglia delle Poacee.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Magnoliophyta, Classe Liliopsida, Sottoclasse Commelinidae, Ordine Cyperales, Famiglia Poaceae, Sottofamiglie Bambusoideae ed alla Tribù Bambuseae.
Fanno parte le seguenti Sottotribù:
– Arthrostylidiinae;
– Bambusinae;
– Chusqueinae;
– Dinochloinae;
– Greslaniinae;
– Guaduinae;
– Hickeliinae;
– Holttumochloinae;
– Melocanninae;
– Racemobambosinae;
– Temburongiinae.
Sono sinonimi i termini:
– Arundarbor Kuntze;
– Bambos Retz.;
– Bambus JF Gmel.;
– Dendrocalamopsis (LCChia e HLFung) QHDai e XLTao;
– Dendrocalamopsis QHDai e XLTao;
– Ischurochloa Büse;
– Leleba Nakai;
– Lingnania McClure;
– Tetragonocalamus Nakai;
– Neosinocalamus Keng f.;
– Pseudobambusa TQNguyen.
All’interno di queste tribù troviamo ben 148 specie di bambù, che di seguito si riportano, con le relative distribuzioni geografiche prevalenti.
1. Bambusa affinis Munro – Laos, Myanmar
2. Bambusa albolineata LCChia – Fujian, Guangdong, Jiangxi, Taiwan, Zhejiang
3. Bambusa alemtemshii HBNaithani – Nagaland
4. Bambusa amplexicaulis WTLin & ZMWu – Guangdong
5. Bambusa angustiaurita WTLin – Guangdong
6. Bambusa angustissima LCChia & HLFung – Guangdong
7. Bambusa arnhemica F.Muell. – Territorio del Nord dell’Australia
8. Bambusa assamica Barooah & Borthakur – Assam
9. Bambusa aurinuda McClure – Guangxi, Vietnam
10. Bambusa australis LCChia & HLFung – Vietnam
11. Bambusa balcooa Roxb. – India, Nepal, Assam, Bangladesh, Indo-Cina ; naturalizzato in Sudafrica e nelle isole del Golfo di Guinea
12. Bambusa bambos (L.) Voss – India, Bangladesh, Sri Lanka, Assam, Indocina; naturalizzato in Seychelles, America Centrale, Antille, Giava, Malesia, Maluku, Filippine
13. Bambusa barpatharica Borthakur & Barooah – Arunachal Pradesh, Assam
14. Bambusa basihirsuta McClure – Guangdong, Zhejiang
15. Bambusa basihirsutoides NHXia – Guangdong
16. Bambusa Baseolida WTLin – Guangdong
17. Bambusa beecheyana Munro – Taiwan, Myanmar, Vietnam, Guangdong, Guangxi, Hainan; naturalizzato in Colombia, Brasile
18. Bambusa bicicatricata (WTLin) LCChia & HLFung – Hainan
19. Bambusa binghamii Gamble – Myanmar
20. Bambusa Blumeana Schult. & Schult. – Asia tropicale
21. Boniopsis di Bambusa McClure – Hainan
22. Bambusa brevispicula Holttum – Nuova Guinea
23. Bambusa brunneoaciculia GAFu – Hainan
24. Bambusa burmanica Gamble – Bangladesh, Yunnan, Myanmar, Tailandia, Laos, Malesia peninsulare
25. Bambusa cacharensis RBMajumdar – Bangladesh, Assam
26. Bambusa cerosissima McClure – Guangdong. Guangxi, Vietnam
27. Bambusa chungii McClure – Vietnam, Fujian, Guangdong, Guangxi, Hunan, Yunnan
28. Bambusa chunii LCChia & HLFung – Laos; coltivato a Hong Kong
29. Bambusa clavata Stapleton – Bhutan
30. Bambusa comillensis Alam – Bangladesh
31. Bambusa concava WTLin – Hainan
32. Bambusa contracta LCChia & HLFung – Guangdong, Guangxi
33. Bambusa copelandii Gamble – Myanmar
34. Bambusa corniculata LCChia & HLFung – Guangxi
35. Bambusa cornigera McClure – Guangxi
36. Bambusa crispiaurita WTLin & ZMWu – Guangdong
37. Bambusa dampaeana HBNaithani, Garbyal & NSBisht – Mizoram
38. Bambusa diaoluoshanensis LCChia & HLFung – Hainan
39. Dissimulatore Bambusa McClure – Guangdong, Vietnam; naturalizzato in Brasile, Porto Rico
40. Bambusa distegia (Keng & Keng f.) LCChia & HLFung – Sichuan
41. Bambusa dolichoclada Hayata – Fujian, Taiwan; naturalizzato nelle isole Ryukyu
42. Bambusa duriuscula WTLin – Hainan
43. Bambusa emeiensis LCChia & HLFung – Guizhou, Hunan, Sichuan, Yunnan
44. Bambusa eutuldoides McClure – Guangdong, Guangxi; naturalizzato in Colombia
45. Bambusa farinacea KMWong – Thailandia, Malesia peninsulare
46. Bambusa fimbriligulata McClure – Myanmar
47. Bambusa flexuosa Munro – Cambogia, Laos, Vietnam, Guangdong, Hainan
48. Bambusa fruticosa Holttum – Papua Nuova Guinea
49. Bambusa funghomii McClure – Henan, Guangdong, Guangxi
50. Bambusa garuchokua Barooah & Borthakur – Assam
51. Bambusa Gibba McClure – Vietnam, Fujian, Guangdong, Guangxi, Hainan, Jiangxi; naturalizzato in Ecuador
52. Bambusa gibboides WTLin – Guangdong
53. Bambusa glabrovagina GAFu – Hainan
54. Bambusa glaucophylla Widjaja – Java
55. Bambusa grandis (QHDai e XLTao) Ohrnb. – Guangxi
56. Bambusa griffithiana Munro – Manipur, Myanmar
57. Bambusa guangxiensis LCChia & HLFung – Guangxi
58. Bambusa hainanensis LCChia & HLFung – Hainan
59. Bambusa heterostachya (Munro) Holttum – Malesia peninsulare
60. Bambusa horsfieldii Munro – Java, Filippine
61. Bambusa indigena LCChia & HLFung – Guangdong
62. Bambusa insularis LCChia & HLFung – Hainan
63. Bambusa intermedia Hsueh f. & TPYi – Guizhou, Sichuan, Yunnan
64. Bambusa jacobsii Widjaja – Java
65. Bambusa jaintiana RBMajumdar – Nepal, Bhutan, Assam, Arunachal Pradesh, Myanmar
66. Bambusa khasiana Munro – Assam
67. Bambusa kingiana Gamble – Myanmar
68. Bambusa lako Widjaja – Timor
69. Bambusa lapidea McClure – Guangdong, Guangxi, Sichuan, Yunnan
70. Bambusa latideltata WTLin – Guangdong
71. Bambusa laxa KMWong – Malesia peninsulare
72. Bambusa lenta LCChia – Fujian
73. Bambusa longipalea WTLin – Guangdong
74. Bambusa longispiculata Gamble – Bangladesh, Myanmar; naturalizzato in Vietnam, Costa Rica, Honduras, Nicaragua, Colombia, Ecuador, Porto Rico
75. † Bambusa lugdunensis Saporta – Depositi neogene dell’Europa
76. Bambusa macrolemma Holttum – New Britain
77. Bambusa macrotis LCChia & HLFung – Guangdong
78. Bambusa maculata Widjaja – Maluku
79. Bambusa majumdarii P.Kumari & P.Singh – Meghalaya
80. Bambusa malingensis McClure – Hainan; naturalizzato a Cuba
81. Bambusa manipureana HBNaithani & NSBisht – Manipur
82. Bambusa marginata Munro – Myanmar
83. Bambusa merrillii Gamble – Luzon
84. Bambusa microcephala (Pilg.) Holttum – Nuova Guinea
85. Bambusa mizorameana HBNaithani – Mizoram
86. Bambusa mohanramii P.Kumari e P.Singh – Meghalaya
87. Bambusa mollis LCChia & HLFung – Guangxi
88. Bambusa multiplex (Lour.) Raeusch. ex Schult.f. – Nepal, Bhutan, Assam, Laos, Myanmar, Vietnam, Guangdong, Guangxi, Hainan, Hunan, Jiangxi, Sichuan, Taiwan, Yunnan; naturalizzato in Madagascar, Mauritius, Seychelles, Iraq, Arcipelago di Bismarck, Nuova Zelanda, Chiapas, America Centrale, Indie occidentali, Colombia, Ecuador, Brasile orientale, Florida, Georgia, Alabama
89. Bambusa mutabilis McClure – Hainan; naturalizzato a Puerto Rico
90. Bambusa nagalandiana HBNaithani – Nagaland
91. Bambusa nairiana P.Kumari & P.Singh – Meghalaya
92. Bambusa nepalensis Stapleton – Nepal
93. Bambusa nutans Wall. ex Munro – Himalaya dell’India orientale + settentrionale; Nepal, Bhutan, Bangladesh, Laos, Tailandia, Vietnam
94. Bambusa odashimae Hatus. ex DZLi & Stapleton – Taiwan; naturalizzato nelle isole Ryukyu
95. Bambusa oldhamii Munro – Fujian, Guangdong, Guangxi, Hainan, Taiwan, Zhejiang; naturalizzato a Taiwan, Isole Ryukyu, Nuova Zelanda, Chiapas, Honduras, Porto Rico, Colombia, Ecuador, Perù
96. Bambusa oliveriana Gamble – Myanmar
97. Bambusa ooh Widjaja & Astuti – Bali
98. Bambusa pachinensis Hayata – Fujian, Guangdong, Guangxi, Jiangxi, Taiwan, Zhejiang
99. Bambusa pallida Munro – Sikkim, Yunnan, Assam, Bangladesh, Arunachal Pradesh, Indocina
100. Bambusa papillata (QHDai) KMLan – Guangxi
101. Bambusa papillatoides QHDai & DYHuang – Guangxi
102. Bambusa pervariabilis McClure – Guangdong, Guangxi; naturalizzato a Puerto Rico
103. Bambusa pierreana EGCamus – Thailandia, Vietnam
104. Bambusa piscatorum McClure – Hainan
105. Bambusa polymorpha Munro – Bangladesh, Laos, Myanmar, Tailandia; naturalizzato in Assam, Sri Lanka, Giava, Cuba, Porto Rico, Ecuador
106. Bambusa procera A.Chev. & A.Camus – Vietnam, Cambogia
107. Bambusa prominens HLFung & CYSia – Sichuan
108. Bambusa ramispinosa LCChia & HLFung – Guangxi
109. Bambusa rangaensis Borthakur & Barooah – Arunachal Pradesh, Assam
110. Bambusa rectocuneata (WTLin) NHXia, RSLin & RHWang – Guangdong
111. Bambusa remotiflora (Kuntze) LCChia & HLFung – Guangdong, Guangxi, Vietnam
112. Bambusa riauensis Widjaja – Sumatra
113. Bambusa rigida Keng & Keng f. – Sichuan
114. Bambusa riparia Holttum – Papua Nuova Guinea
115. Bambusa rongchengensis (TPYi & CYSia) DZLi – Sichuan
116. Bambusa rugata (WTLin) Ohrnb. – Guangdong
117. Bambusa rutila McClure – Fujian, Guangdong, Guangxi, Sichuan
118. Bambusa salarkhanii Alam – Nepal, Bangladesh
119. Bambusa schizostachyoides Kurz ex Gamble – Myanmar, Vietnam, Isole Andamane
120. Bambusa semitecta WTLin & ZMWu – Guangdong
121. Bambusa sesquiflora (McClure) LCChia & HLFung – Thailandia, Vietnam
122. Bambusa sinospinosa McClure – Guangdong, Guangxi, Hainan
123. Bambusa solida Munro ex Becc. – Borneo
124. Bambusa solomonensis Holttum – Isole Salomone
125. Bambusa spinosa Roxb. – Indonesia, Filippine; naturalizzato nel sud della Cina, Isole Ryukyu, Indocina, Malesia, Portorico
126. Bambusa stenoaurita (WTLin) THWen – Guangdong
127. Bambusa subaequalis HLFung & CYSia – Sichuan
128. Bambusa subtruncata LCChia & HLFung – Guangdong
129. Bambusa surrecta (QHDai) QHDai – Guangxi
130. Bambusa tabacaria (Lour.) Steud. – Vietnam, Java, Maluku
131. Bambusa teres Munro – Tibet, Guangdong, Guangxi, Nepal, Bangladesh, Bhutan, Assam, Myanmar
132. Bambusa textilis McClure – Anhui, Guangdong, Guangxi, Vietnam; naturalizzato in Colombia, Porto Rico
133. Bambusa transvenula (WTLin & ZJFeng) NHXia – Guangdong
134. Bambusa truncata BMYang – Hunan
135. Bambusa tsangii McClure – Vietnam
136. Bambusa tulda Roxb – Tibet, Yunnan, Himalaya, Nepal, Bhutan, Assam, India, Bangladesh, Indocina settentrionale; naturalizzato in Iraq, Ecuador, Brasile, Colombia, Porto Rico
137. Bambusa tuldoides Munro – Guangdong, Guangxi, Indocina; naturalizzato nelle isole Ryukyu, Bangladesh, Chiapas, El Salvador, Cuba, Porto Rico, Hispaniola, Trinidad, Ecuador, Brasile, Colombia
138. Bambusa utilis WCLin – Taiwan
139. Bambusa valida (QHDai) WTLin – Guangxi
140. Bambusa variostriata (WTLin) LCChia & HLFung – Guangdong
141. Bambusa ventricosa McClure – Guangdong, Vietnam; naturalizzato in Brasile, Malesia
142. Bambusa villosula Kurz – Myanmar
143. Bambusa vinhphuensis TQNguyen – Vietnam
144. Bambusa viridis Widjaja – Nuova Guinea occidentale
145. Bambusa vulgaris Schrad. – Yunnan, Indocina; naturalizzato in alcune parti di Africa, Madagascar, Malesia, Indonesia, Nuova Guinea, Subcontinente indiano, America Latina, Indie occidentali, Stati Uniti (Hawaii, Porto Rico, Florida, Arizona, Carolina del Sud, Maryland, New Jersey)
146. Bambusa wenchouensis (THWen) Keng f. ex QFZheng, YMLin – Fujian, Zhejiang
147. Bambusa xiashanensis LCChia & HLFung – Guangdong
148. Bambusa xueana Ohrnb. – Yunnan

Etimologia –
Il nome della tribù deriva dal suo genere tipo, cioè Bambusa Schreb., 1789 il cui termine bambù deriva dalla voce vernacolare indiano-malese bamboo/ bambu.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
I bambù sono delle piante originare del sud-est asiatico, della Cina,Taiwan, Himalaya, Nuova Guinea, Melanesia e del Territorio dell’Australia del nord. Queste specie si sono anche naturalizzati in altre regioni, ad esempio Africa, America Latina e varie isole oceaniche.

Descrizione –
La maggior parte delle specie di Bambù sono di grandi dimensioni, con steli alti, con numerosi rami che emergono dai nodi. I bambù sono piante a portamento arbustivo, sempreverdi, molto vigorose, la loro altezza può variare da pochi centimetri fino a 40 metri ed il diametro può raggiungere i 30 cm. Variegata ed ampia è anche la gamma di forme e colori: si possono incontrare bambù di colore giallo, nero, a strisce, rampicanti e persino spinosi.
A livello strutturale i bambù sono composti essenzialmente da tre parti: il sistema sotterraneo di rizomi (radici), il culmo (canna), ed i rami, tutte formate secondo uno stesso sistema di serie alternate di nodi ed internodi.
Con la crescita della pianta gli internodi, dapprima avvolti l’uno sull’altro, si allungano come in un cannocchiale telescopico fino a raggiungere la massima estensione che manterranno per tutto il corso della loro vita.
Gli internodi della canna sono generalmente cavi e sono separati l’uno dall’altro da dei diaframmi all’altezza di ciascun nodo.
Le foglie sono formate da guaina, lamina e appendici. Nella maggior parte dei casi le foglie sono sottili, lunghe, lanceolate, simili a fili d’erba, erette o reclinate verso l’esterno, di colore verde più o meno intenso. Soprattutto le dimensioni, ovviamente, variano da specie a specie.
Sono presenti poi le infiorescenze, divise in principali e secondarie; le infiorescenze sono per lo più ramificate ed hanno la forma di una grande pannocchia aperta.
I frutti sono del tipo cariosside, ossia sono dei piccoli chicchi indeiscenti, affusolati con apice peloso o sferici, nei quali il pericarpo è formato da una parete che circonda il singolo seme. In particolare il pericarpo, carnoso e succulento, è fuso al seme ed è aderente. L’endocarpo non è indurito e l’ilo è lungo e lineare. L’embrione è provvisto di epiblasto. I margini embrionali della foglia si sovrappongono. La fessura scutellare è assente.

Coltivazione –
Tutte le specie e varietà di bambù si propagano attraverso le radici e i rizomi per via monopodiale o simpodiale. Nel primo caso, la propagazione avviene sotto terra in tempi più lunghi. Nel secondo, invece, la variabilità è alta e dipende dalle condizioni climatiche e alla composizione del suolo. Se trascurati, i ricacci di bambù possono diventare molto invasivi e colonizzare terreni adiacenti e aree anche molto estese.
Per quanto riguarda la semina e la messa a dimora delle giovani pianti avviene generalmente in primavera, preferibilmente dopo l’ultima gelata della stagione. Con le temperature miti e il terreno caldo, infatti, la pianta si svilupperà molto più in fretta ed eviterete shock termici all’apparato radicolare. Ricordate di distanziare semi o piantine almeno 1 metro e mezzo l’una dall’altra, sopratutto in caso vogliate coltivare bambù rampicante. Qualora optiate per il bambù a mazzo, la distanza da tenere è circa 30-40 cm.
I bambù sono piante che hanno bisogno di irrigazioni abbondanti, sopratutto durante le prime settimane di vita delle piantine, ma soffre gli eccessivi ristagni d’acqua. L’ausilio di pacciame organico può aiutare a proteggere la pianta dagli attacchi parassitari, dalle escursioni termiche e per tenere sotto controllo lo sviluppo.
Si ricorda che la prima cosa da imparare prima ancora di cominciare a coltivare bambù sono le tecniche di contenimento di questa pianta. Questa pianta è infatti invasiva e tra le più infestanti.
Esistono due metodi per prevenire la propagazione dei nuovi getti di bambù.
Il primo è la bordatura o rimozione di ogni rizoma che tenda a sfuggire dai confini dell’area destinata alla coltivazione.
Il secondo metodo è quello del contenimento delle piante con una barriera fisica, sistema che meglio si adatta alla coltivazione della varietà rampicante.
Infine si ricorda che, durante la crescita sarà necessario provvedere a regolari potature per sfoltire i rami più lunghi o quelli vecchi, una-due volte l’anno. I germogli freschi, inoltre, possono essere raccolti e consumati per arricchire le insalate. Il sapore ricorda vagamente quello della cipolla, ma è una buona fonte di fibre e di sali minerali.

Usi e Tradizioni –
Il bambù sono un genere di piante che presentano caratteristiche notevoli:
– elevato assorbimento di anidride carbonica: un bosco di bambù è in grado di catturare fino a 17 tonnellate di carbonio per ettaro all’anno grazie alla notevole e perenne superficie fogliare;
– forte capacità di contrastare l’inquinamento atmosferico e del suolo: con le sue radici il bambù trasforma gli inquinanti (compreso l’azoto) in biomassa;
– resistenza all’attacco di malattie solite per altre graminacee, perciò la pianta non necessita di particolari cure ed attenzioni;
– capacità di mantenere pulite le acque di fiumi e laghi: infatti i bambù rappresentano una strategia per la gestione dei rifiuti organici animali economicamente ed ecologicamente sostenibile;
– ideale per il consolidamento e il rimboschimento delle scarpate, prevengono frane e smottamenti grazie all’apparato radicale formato da rizomi e da radichette che non appesantisce il terreno con carichi concentrati.
– ottima capacità di trattenere l’acqua, grazie alla quale previene il dilavamento del terreno evitando così, in caso di forti piogge, pericolosi ingrossamenti di torrenti e fiumi. La suddetta capacità serve alla stessa pianta per resistere ad eventuali periodi di siccità più o meno lunghi;
– resistenza agli incendi: allo stato verde è difficilmente combustibile ed anche se si brucia la sua parte aerea e il suo carattere rizomatoso gli garantisce la capacità di rigenerare comunque canne nuove ogni anno;
– ottima barriera naturale contro le polveri, frangivento e antirumore;
– inoltre i germogli freschi, inoltre, possono essere raccolti e consumati per arricchire le insalate.
Grazie all’alto valore proteico le foglie del bambù possono essere un ottimo foraggio per animali, mentre l’elevato contenuto di silicio le rende un buon componente per la preparazione di concime. Le foglie si utilizzano anche per estrarne pigmenti o componenti per la realizzazione di medicinali e cosmetici, oppure è possibile trasformarle per farne Tè, infusi o bevande in generale.
A livello alimentare si ricorda che i cuori di bambù, oltre ad essere saporiti e light, sono ricchi di proprietà nutritive. L’elevato contenuto di fibre, oltre ad aiutarti nel prolungare il senso di sazietà, è un efficace rimedio contro la stipsi. Il consumo costante di germogli di bambù, con le sue proteine vegetali, aiuta a mantenere bassi i livelli di colesterolo cosiddetto “cattivo” (quello LDL) nel sangue. Inoltre, si tratta di vegetali ricchi di vitamine, soprattutto la B6 che è un’ottima amica della salute di vista e cervello. Molti altri sono i principi attivi presenti nel bambù, come il potassio, la colina e la betaina. Ma il vero segreto è nel silicio. Si tratta di un minerale metalloide naturalmente presente nelle tue ossa, cartilagini e tessuti connettivi. Il tuo organismo, però, tende ad eliminare molto del silicio in esso presente, a danno di una corretta idratazione della pelle. Attraverso il consumo regolare di bambù, anche a mezzo di integratori alimentari che ne contengono l’estratto, è possibile quindi contrastare questo processo per un super effetto anti-aging.

Modalità di Preparazione –
A livello alimentare, come accennato, il bambù viene utilizzato da secoli in vari Paesi del mondo.
Si utilizzano soprattutto i germogli di bambù, o cuori di bambù.
In Italia è ancora difficile reperire nei comuni supermarket i germogli di bambù. Nei negozi di alimentari asiatici, vendono il prodotto inscatolato e prebollito. Trovare i cuori di bambù freschi è proprio una rarità. Tuttavia, se si è fortunati o se si ha il pollice verde e potete coltivarli, bisogna fare attenzione ad alcuni accorgimenti.
Vanno selezionati solo i germogli dalle foglie integre e dalla base larga. Infatti, la tipica forma del cuore di bambù è leggermente conica. Bisogna scegliere radici che siano consistenti e non molli o secche. Se il prodotto non va consumato subito bisogna conservalo in frigo per 2 giorni al massimo, già privato delle foglie esterne e coperto da un panno o da pellicola trasparente.
Il maggiore consumo dei germogli è in Asia. Non solo i cinesi, infatti, ma la cucina asiatica in genere fa molto uso dei germogli di bambù in cucina. I cuori di bambù hanno un colore biancastro ed una consistenza croccante che tiene perfettamente anche lunghe cotture. Il sapore dei cuori di bambù è un mix tra quello degli asparagi e quello dei carciofi.
Prima di farne uso in cucina, i germogli di bambù vanno sbucciati, privandoli delle loro foglie esterne più dure, a cominciare dalla base e andando verso la punta. Bisogna privare la base anche della sua estremità più dura. Una volta tagliati i cuori di bambù della forma che più si ritiene idonea, vanno conservati in acqua fredda per evitare che si ossidino e si scuriscano, proprio come si fa per le patate. Per eliminare l’amaro, si consiglia di bollire i cuori di bambù per almeno 10 minuti prima di farne uso per le preparazioni. A questo punto, si possono saltare i cuori di bambù in padella o nella wok, mischiati ad altre verdure. Abbinamenti ben testati sono quelli con i funghi, con i piselli, con il riso basmati o nelle zuppe. Ma ci si può sbizzarrire con la fantasia e provare accostamenti diversi. Sono ottimi anche i germogli di bambù marinati nelle spezie e poi cotti a piacimento.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *