Corso di Economia circolare

Corso di Economia circolare

Nell’Economia Circolare i sistemi economici e sociali sono totalmente connessi con i sistemi ecologici.
L’Economia Circolare pertanto si muove in maniera sincrona e con gli stessi criteri delle leggi che regolano l’Economia della natura.
Nell’Economia Circolare gli aspetti da mettere a sistema sono essenzialmente 5:
1. Input circolari: modello di produzione e utilizzo basato su input rinnovabili o da precedenti cicli di vita (riuso e riciclo).
2. Prodotto come servizio: modello di business in cui il cliente acquista un servizio per un tempo limitato, mentre l’azienda mantiene la proprietà del prodotto, massimizzando il fattore di utilizzo e la vita utile.
3. Piattaforme di condivisione: sistemi di gestione comune tra più utilizzatori di prodotti, beni o competenze.
4. Estensione della vita utile: approccio alla progettazione e alla gestione di un asset o di un prodotto volto a estenderne la vita utile, ad esempio attraverso progettazione modulare, riparabilità facilitata, manutenzione predittiva.
5. Nuovi cicli di vita: ogni soluzione finalizzata a preservare il valore di un bene al termine di un ciclo di vita grazie a riuso, rigenerazione, upcycling o riciclo, in sinergia con gli altri pilastri.

Nel video un breve corso esplicativo

Per attuare quanto detto il punto di partenza è quello di un modello di produzione di materie prime e servizi che non alteri il Sistema Ecologico ma che, anzi, si muova in maniera sincrona e con gli stessi criteri.
Materie prime e modello progettuale rappresentano i primi ambiti di un ipotetico sistema ciclico che dovrà condurre ad una riorganizzazione dei sistemi di fabbricazione e di rifabbricazione.
A questo deve seguire necessariamente un sistema di distribuzione che sia a minimo impatto ambientale (corto raggio, consumo critico, ecc.) ed un modello di raccolta dei prodotti a fine ciclo che segua gli stessi criteri ed organizzazioni periferiche e puntuali.
Nell’Economia Circolare, ovviamente, una parte rilevante ma non esclusiva riveste la fase del riciclaggio di materi prime e manufatti da re immettere nel sistema.
Il risultato finale di questo nuovo modello Economico è che il rendimento energetico risulta notevolmente più elevato, gli sprechi ridotti al minimo.
L’ultimo aspetto dell’Economia Circolare è quello legato alla necessità di sistemi fiscali che ne incentivino l’attuazione e di modelli di mercati completamente diversi rispetto a quelli del sistema liberistico.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *