Come coltivare la Pleiospilos

Come coltivare la Pleiospilos

Le Pleiospilos (Pleiospilos N.E.Br., 1925) sono un genere di piante succulente appartenente della famiglia delle Aizoaceae, originarie del Sudafrica.
Queste piante si riconoscono per avere due foglie carnose opposte che crescono al centro di altre due foglie le quali poi avvizziscono e seccano; al centro delle due foglie nascono i loro fiori.
La loro forma ricorda dei sassi di granito, tanto da confondersi nel terreno come una forma di difesa e di mimetizzazione. Per questo motivo le Pleiospilos sono dette anche “pietre viventi”.
A questo genere appartengono le seguenti specie:
– Pleiospilos bolusii (Hook. f.) N.E. Br.;
– Pleiospilos compactus Schwantes;
– Pleiospilos compactus subsp. canus H.E.K. Hartmann & Liede;
– Pleiospilos compactus subsp. fergusoniae H.E.K. Hartmann & Liede;
– Pleiospilos compactus subsp. minor H.E.K. Hartmann & Liede;
– Pleiospilos compactus subsp. sororius H.E.K. Hartmann & Liede;
– Pleiospilos nelii Schwantes;
– Pleiospilos simulans N.E. Br..
In questa scheda vedremo come coltivare la Pleiospilos secondo le necessità pedologiche e climatiche di questo genere.

La prima attenzione va fatta subito alla scelta del substrato in cui coltivare la Pleiospilos; queste piante hanno bisogno di terreni molto drenanti composti da terra concimata e da sabbia molto grossolana al fine di scongiurare l’accumulo di umidità e di acque di ristagno.
Una volta scelto il substrato adatto bisogna porre queste piante in pieno sole ed assicurando alle Pleiospilos delle innaffiature moderate; gli apporti idrici dovranno essere dati quando le due foglie vecchie saranno seccate e nel periodo che va da marzo a settembre. Giunti al mese di settembre e per tutto l’autunno e l’inverno le annaffiature dovranno essere completamente sospese per essere poi riprese in marzo.
Bisogna ricordarsi che queste piante se coltivate all’aperto le temperature invernali non dovranno scendere sotto i 5 o 7 °C; motivo per cui, nei climi freddi queste piante possono essere coltivate solo in ambiente protetto e riscaldato.
Per quanto riguarda la moltiplicazione le Pleiospilos si possono riprodurre per divisione della pianta usando per il trapianto vasi profondi in modo da poter ospitare le loro radici lunghe.
Le Pleiospilos si possono comunque riprodurre anche per seme; in questo caso la semina va fatta dal mese di marzo in sabbia finissima, avendo cura di non interrare i semi che sono piccolissimi, mantenendo costantemente umida la sabbia e tenendo i contenitori in posizione ombreggiata e ad una temperatura intorno ai 21 °C.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.