Il Carotene

Il Carotene

Il carotene è una provitamina terpenica che in natura è contenuta nelle carote e in numerosi vegetali, conferendo ad essi una colorazione rossa o arancio. Dal metabolismo del carotene si producono due molecole di vitamina A. questa molecola è costituita da 8 unità isopreniche ciclizzate agli estremi e lo troviamo nelle due forme chiamate: alfa e beta. In natura la forma più diffusa di carotene è quella beta.
Il carotene riveste un ruolo molto importante nell’alimentazione umana perché è la fonte principale di vitamina A, soprattutto per i vegetariani. Nei casi di necessità il beta carotene viene metabolizzato dall’organismo e trasformato in vitamina A (o retinolo), che è la vitamina essenziale per molte funzioni biologiche importanti (per esempio nella sintesi delle glicoproteine). Le altre proprietà sono quelle antiossidanti, contrastando l’insorgere dei radicali liberi.

 

Il carotene viene inoltre convertito in vitamina A (indispensabile per la visione), che a sua volta viene convertita in acido retinoico, molecola indispensabile per la crescita ed il differenziamento delle cellule. La mancanza di vitamina A provoca la conseguente crescita anomala delle ossa, secchezza della cornea oculare (xeroftalemia) e disturbi della riproduzione. Un altro ruolo ancora in via di conferma per via delle dovute conferme scientifiche è quello della sua potenziale utilità contro la comparsa del cancro e malattie a carico dell’apparato cardiovascolare.
Per l’organismo l’assunzione di beta-carotene è migliore rispetto alla assunzione di retinolo; infatti mentre il corpo assume la quantità di beta-carotene che gli serve, espellendo quella in eccesso, la stessa cosa non può avvenire col retinolo che, in eccesso, può andare a danneggiare alcuni organi ed il fegato. Comunque sia è bene sapere che il metabolismo che trasforma il carotene in vitamina A è lento; per questo motivo quantità in eccesso di carotene possono originare la carotenosi: patologia in cui la cute (ma non le sclere) assume un colorito giallo intenso, soprattutto a livello della palma delle mani e della pianta dei piedi.

Avvertenza: le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *