Quercus alba

Quercus alba

La quercia bianca (Quercus alba L.) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Fagaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Fagales,
Famiglia Fagaceae,
Genere Quercus,
Specie Q. alba.
Sono sinonimi i termini:
– Quercus candida Steud.;
– Quercus nigrescens Raf.;
– Quercus ramosa Dippel;
– Quercus repanda Michx.;
– Quercus retusa Raf..

Etimologia –
Il termine Quercus viene da quercus, nome latino della quercia, pianta sacra a Giove.
L’epiteto specifico alba viene dal latino albus, a, um, riferito ai fiori, alle foglie, alla corteccia o altre parti della pianta.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La quercia bianca è una pianta originaria del Nord America orientale e centrale e che si trova in un areale che va dal Minnesota, all’Ontario, al Quebec e dal Maine meridionale fino alla Florida settentrionale e al Texas orientale.
Il suo habitat è quello dei boschi aridi dell’America nord-orientale dove cresce in aree ghiaiose, pianure sabbiose, di solito su argille più profonde e ben drenate, anche su suoli sottili su pendii montani asciutti, a volte su terreni aridi; ad altitudini fino a 1.600 m.

Descrizione –
La Quercus alba è un albero che può raggiungere i 35 metri d’altezza.
Ha una corteccia di colore grigio chiaro, con un aspetto squamoso; col progredire dell’età della pianta questa diventa progressivamente più fessurata.
Le foglie sono lunghe circa 20 cm e larghe circa 10, più strette alla base, profondamente incise e con diversi lobi, inizialmente hanno una colorazione rosata e con una peluria biancastra, poi divengono col tempo di colore verde intenso e lucide sulla pagina superiore e verde-bluastro su quella inferiore. La specie è decidua e in autunno le foglie assumono una colorazione rossa molto intensa prima di cadere.
I fiori maschili sono amenti giallo-verdi, quelli femminili sono poco vistosi e separati. Appaiono verso la fine della primavera.
I frutti sono ghiande lunghe circa 2,5 cm e sono racchiusi all’interno della capsula squamosa per circa un quarto della loro lunghezza.

Coltivazione –
La quercia bianca è una pianta abbastanza tollerante nei confronti di una varietà di habitat e può essere trovata sia sulle vette che nelle valli, sia in habitat asciutti che umidi e in suoli moderatamente acidi e alcalini. Tuttavia è principalmente un albero di pianura, ma raggiunge altitudini di 1.600 m sui monti Appalachi. I frequenti incendi nella regione delle pianure centrali degli Stati Uniti hanno impedito alle foreste di querce, inclusa Q. alba, di espandersi nel Midwest. Tuttavia, una diminuzione della frequenza di questi incendi naturali dopo l’insediamento europeo ha causato una rapida espansione delle foreste di querce nelle Grandi Pianure, influenzando negativamente la vegetazione naturale della prateria.
Questa pianta è coltivata come albero ornamentale un po’ di rado a causa della sua crescita lenta e, in definitiva, delle enormi dimensioni. Non tollera l’inquinamento urbano e la salsedine e, a causa del suo grande fittone, non è adatta per un albero stradale o isole di parcheggio.
La propagazione avviene per seme anche se questo perde rapidamente vitalità se viene lasciato asciugare. Può essere conservato umido e fresco durante l’inverno, ma è meglio seminare non appena è maturo in un semenzaio all’aperto, anche se deve essere protetto da topi, scoiattoli ecc. Piccole quantità di semi possono essere seminate in vasi profondi in un semenzaio non riscaldato.
Le piante producono un fittone profondo e devono essere trapiantate il prima possibile, infatti le piante seminate nelle posizioni definitive produrranno gli alberi migliori.

Usi e Tradizioni –
La Quercus alba è una pianta che allo stato naturale può raggiungere un’altezza ragguardevole con una vasta chioma ed ampi rami.
Le ghiande, che sono meno amare di altre querce, possono essere mangiate dall’uomo ma sono soprattutto un prezioso alimento per la fauna selvatica, in particolare per tacchini, anatre, fagiani, grackles, ghiandaie, picchi, tordi, conigli, scoiattoli e cervi. La quercia bianca è l’unica pianta alimentare di cui si nutrono i bruchi Bucculatrix luteella e Bucculatrix ochrisuffusa.
Le foglie di questa quercia essiccate vengono occasionalmente mangiate anche da alcune specie di cervi e da altri animali.
Le ghiande contengono circa il 6% di proteine e il 65% di carboidrati. Sono a basso contenuto di tannino e necessitano di poca o nessuna lisciviazione. Possono essere tostate e poi mangiate, il loro sapore è qualcosa di simile a un incrocio tra semi di girasole e popcorn.
Le ghiande vengono solitamente cotte prima di essere mangiato, anche se possono essere consumate crude. Possono essere consumate intere, anche se sono più comunemente essiccate, quindi macinate in polvere e usate come addensanti in stufati, ecc. o mescolate con cereali per fare il pane.
I tannini sono solubili in acqua e quindi il modo più semplice per rimuovere o ridurre i livelli di tannino è immergerli in acqua.
Le ghiande tostate sono succedanee del caffè e prive di caffeina.
La Quercus alba ha trovato impiego nei secoli anche in campo medicinale.
Era spesso usata in medicina da diverse tribù native degli indiani del Nord America, che la apprezzavano soprattutto per le sue proprietà antisettiche e astringenti e la usavano nel trattamento di molti disturbi. È invece poco, se non del tutto, usata nell’erboristeria moderna.
La corteccia interna contiene il 6 – 11% di tannino, ha potenti proprietà antisettiche e astringenti ed è anche espettorante e tonico.
Per quanto riguarda il contenuto biochimico della Quercus alba questa contiene i seguenti principi attivi:
– Grandinina/roburina E, castalagina/vescalagina, acido gallico, glucosio monogalloile (glucogallina) e acido valoneico dilattone, glucosio monogalloile, glucosio digalloile, glucosio trigalloile, ramnosio dell’acido ellagico, quercitrina e acido ellagico.
La corteccia viene bollita e il liquido bevuto nel trattamento di emorroidi e diarrea, febbri intermittenti, tosse e raffreddore, tisi, asma, perdita di voce, ecc..
La corteccia è stata masticata per curare le ulcere della bocca.
Per via esterna viene utilizzata come detergente per eruzioni cutanee, ustioni, lividi, ulcere ecc. e come lavaggi vaginali.
È stato anche usata come lavaggio per i dolori muscolari.
Gli oli ottenuti dalle ghiande pressate sono stati usati per alleviare il dolore alle articolazioni.
Eventuali galle prodotte sull’albero sono ricche di tannini e quindi fortemente astringenti. Possono essere usate nel trattamento di varie condizioni tra cui emorragie, diarrea cronica, dissenteria, come lavante su tagli e ferite, come collutorio per curare mal di denti o problemi gengivali, ecc.
Tra gli altri usi si ricordano quelli agroforestali.
La quercia bianca è potenzialmente preziosa per l’uso in progetti di riforestazione e sembra avere un potenziale per l’uso su altri tipi di siti disturbati.
È stato piantata su terreni degradati in Ohio, Indiana e Illinois e ha mostrato una buona crescita e sopravvivenza sul suolo graduato e su rosticci di miniera.
Si adatta bene a detriti argillosi e argillosi con un pH compreso tra 5,5 e 8,0.
Inoltre siccome le foglie della maggior parte delle specie di questo genere sono più o meno ricche di tannini, un pacciame di queste può essere posizionato intorno alle piante vulnerabili per respingere lumache, lumache, larve, ecc. Le foglie fresche dovrebbero essere usate con cautela, poiché possono utilizzare parte dell’azoto nel terreno e questo inibisce la crescita delle piante.
Inoltre sia dalla corteccia che dalle galle si ottiene un colorante bruno che non necessita di mordente. Se si utilizzano mordenti si possono ottenere colori giallo, cromo e oro.
Il legno di questo albero è forte, molto pesante, duro, tenace, resistente e a grana fine, durevole.
Il legno si incolla bene, si lavora molto bene e accetta una varietà di finiture. È uno dei legni più importanti del Nord America; viene utilizzato per ebanisteria, mobili, pannellature, pavimenti, edilizia, puntelli per miniere, attrezzi agricoli, ecc.
È inoltre molto apprezzato per la fabbricazione delle doghe delle botti per la conservazione del vino e dei liquori.
La legna è anche un buon combustibile che produce molto calore.
Da sottolineare, tra gli altri usi, che questa quercia è ampiamente utilizzata nelle arti marziali giapponesi per alcune armi, come il bokken e il jo. È apprezzato per la sua densità, forza, resilienza e possibilità relativamente basse di scheggiarsi se rotta dall’impatto, rispetto alla quercia rossa sostanzialmente più economica.
Con questo legno si costruiscono anche strumenti musicali
Inoltre questa pianta è stato l’albero ufficiale dello stato dell’Illinois dopo essere stata selezionata da un voto di bambini in età scolare.

Modalità di Preparazione –
La quercia bianca è una pianta che oltre a trovare impiego in campo alimentare con l’uso delle sue ghiande trova un interessante uso nel settore medicinale.
Per questi fini si utilizza la corteccia che deve essere raccolta in primavera per avere le caratteristiche migliori.
Per quanto riguarda invece l’uso delle ghiande, per poterle consumare ai fini alimentari queste vanno trattate, preferibilmente, in vari modi.
Tra i vari metodi se ne riportano alcuni:
– Un metodo tradizionale per preparare le ghiande era quello di seppellirle in un terreno paludoso durante l’inverno e consentire al terreno umido di lisciviare gradualmente i tannini.
– Un altro metodo consisteva nell’avvolgere le ghiande in un sacchetto di stoffa e metterle in un ruscello per diverse settimane.
– Oppure si asciugano per ridurle in polvere prima dell’ammollo, cosa che accelera il processo. Il metodo più veloce è usare l’acqua calda, cuocendo la polvere e cambiando l’acqua più volte fino a quando l’acqua di cottura non è più amara. In alternativa si può usare acqua fredda (che si dice produca farina della migliore qualità). In questo caso si devono immergere le ghiande in polvere in acqua fredda per 12 – 24 ore, quindi scartare l’acqua. Questo processo va ripetuto per un certo numero di volte fino a quando l’acqua di ammollo non è più amara.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.
Fonte foto:
https://herbarium.butler.edu/plant/quercus-alba/

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.