Parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia

Parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia

Il parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia, il cui Codice WDPA è: 369219, è un parco nazionale situato in Colorado, negli Stati Uniti d’America.
Il parco è stato originariamente designato Great Sand Dunes National Monument il 17 marzo 1932 dal presidente Herbert Hoover. I confini originali proteggevano un’area di 143,8 km2. Il 22 novembre 2000 è stato autorizzato un cambio di confine e una ridenominazione come parco e riserva nazionale, quindi istituito il 24 settembre 2004.[3] Il parco comprende 434,4 km2 mentre la riserva protegge altri 168,7 km2, per un totale di 603,1 km2.

Geografia –
Il parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia si trova nelle contee di Saguache e Alamosa, in Colorado, a circa 37,75° di latitudine nord e 105,5° di longitudine ovest. Il parco nazionale si trova nella San Luis Valley, mentre la riserva nazionale si trova a est in una sezione adiacente della catena del Sangre de Cristo delle Montagne Rocciose.
Le altitudini variano da 2.291 m, nella valle a ovest delle dune, a 4.146 m sulla sommità del Tijeras Peak nella parte settentrionale della riserva.
La città più vicina è Alamosa, che dista circa 48 km su strada a sud-ovest. Le città più vicine sono Crestone a nord, Mosca e Hooper a ovest, Blanca e Fort Garland a sud e Gardner a est. Colorado Springs e Denver si trovano a poche ore di macchina a nord-est.
Le strade principali attraverso la San Luis Valley sono la US Route 160 su un allineamento est-ovest che passa a sud del parco e la US Route 285 su un allineamento nord-sud che passa a ovest del parco e generalmente parallela alla Colorado State Highway 17, che è la più stretta delle due strade nord-sud.

Geologia –
Il parco contiene le dune di sabbia più alte del Nord America, che raggiungono un’altezza massima di 229 m dal fondo della San Luis Valley, alla base occidentale della catena del Sangre de Cristo. Le dune coprono un’area di circa 78 km2 e si stima contengano oltre 5 miliardi di metri cubi di sabbia.
La creazione della San Luis Valley iniziò quando la catena del Sangre de Cristo fu sollevata nella rotazione di una grande placca tettonica. Le montagne di San Juan a ovest della valle sono state create da un’attività vulcanica estesa e drammatica. La San Luis Valley comprende l’area compresa tra le due catene montuose ed ha all’incirca le dimensioni dello stato del Connecticut. I sedimenti di entrambe le catene montuose hanno riempito la profonda voragine della valle, insieme a enormi quantità di acqua dallo scioglimento dei ghiacciai e dalla pioggia. La presenza di rocce più grandi lungo il torrente Medano alla base delle dune, in altre parti del fondovalle, e in depositi sepolti indica che parte del sedimento è stato dilavato da inondazioni torrenziali.
Nel 2002, i geologi hanno scoperto depositi di fondale lacustre sulle colline nella parte meridionale della valle, confermando le teorie su un enorme lago che un tempo copriva gran parte del fondovalle di San Luis. Lo specchio d’acqua è stato chiamato Lago Alamosa dal nome della città più grande della valle. Il lago Alamosa si è improvvisamente ritirato dopo aver rotto i depositi vulcanici all’estremità meridionale della valle. L’acqua è poi defluita attraverso il Rio Grande, probabilmente formando la ripida gola del Rio Grande vicino a Taos, nel New Mexico. Laghi più piccoli coprivano ancora il fondovalle, inclusi due ampi laghi nel lato nord-orientale della valle. Grandi quantità di sedimenti dalle montagne vulcaniche di San Juan hanno continuato a riversarsi in questi laghi, insieme ad un po’ di sabbia della catena del Sangre de Cristo. Il cambiamento climatico in seguito ha ridotto significativamente questi laghi.
I resti di questi laghi esistono ancora sotto forma di zone umide di sabkha.
I venti soffiano dal fondovalle verso le montagne, ma durante le tempeste i venti tornano verso valle. Queste direzioni opposte del vento fanno sì che le dune crescano verticalmente. Anche due torrenti di montagna, Medano e Sand Creeks, catturano la sabbia dal lato della montagna del campo di dune e la trasportano intorno alle dune e tornano sul fondovalle. La combinazione di venti opposti, un’enorme quantità di sabbia dal fondovalle e l’azione di riciclaggio della sabbia dei torrenti, sono tutti fattori e cause per cui queste sono le dune più alte del Nord America.

Clima –
Il parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia si trova nel deserto d’alta quota della San Luis Valley a circa 2.345 m, appena a ovest della catena del Sangre de Cristo. Il tipo di classificazione climatica di Köppen è freddo semi-arido (BSk), mentre il tipo di clima della riserva montagnosa è continentale umido caldo-estate (Dfb), ad un’altitudine media di 3.344 m.
Le alte temperature estive sono moderate con una temperatura media alta leggermente superiore a 27 °C a luglio, che è il mese più caldo. L’ampia diffusione del parco tra alte e basse temperature, circa 14–17 °C, è tipica di un clima desertico elevato. Le basse temperature durante le notti invernali possono essere estremamente fredde, con temperature medie basse ben al di sotto di 0 °C e temperature basse record inferiori a -18 °C da novembre ad aprile.
Sulle dune le precipitazioni sono molto, con una media di soli 283 mm di pioggia all’anno. Un alto tasso di evaporazione sulle dune qualifica l’area come un deserto, anche se le precipitazioni superano i 250 mm.
Le condizioni primaverili variano notevolmente, da miti e soleggiate a fredde e nevose, con occasionali forti venti nel pomeriggio. Marzo è il mese più nevoso, anche se alcuni giorni sono sopra i 10 °C. In tarda primavera, quando Medano Creek ha solitamente il suo picco di flusso, sono ancora possibili neve e forti venti. In estate, le alte temperature diurne sono in media di 24–27 °C; tuttavia, le temperature della superficie della sabbia, nei pomeriggi soleggiati, possono salire fino a 66 °C. Le notti estive sono fresche: il parco si trova a 2.500 m sul livello del mare, con temperature notturne che spesso scendono sotto i 10 °C. I temporali pomeridiani sono comuni a luglio e agosto con venti freschi, forti piogge e fulmini. L’autunno è generalmente mite, con le giornate estive indiane in cui le temperature raggiungono o superano i 16 °C, ma le temperature notturne scendono sotto lo zero. Occasionali tempeste autunnali portano pioggia o neve ghiacciata. Le temperature fredde ben al di sotto dello zero sono tipiche in inverno, anche se il sole è generalmente abbondante e l’aria secca non è fredda come le zone più umide. Le alte temperature medie invernali sono appena sopra lo zero anche a gennaio, che è il mese più freddo.

Flora –
Il parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia è caratterizzato da una vegetazione ricca e variegata, dovuta in parte alle differenti condizioni altimetriche e morfologiche.
Ci sono centinaia di specie vegetali che si sono adattate ad ambienti diversi come la tundra alpina e le zone umide di acqua calda. Gli alberi includono pioppo tremulo, abete di Douglas, pino pinyon, pino ponderosa, ginepro delle montagne rocciose, sommacco a tre foglie, pino bristlecone, corniolo rosso di vimini e pioppi neri americani a foglie strette.
Tra le piante da fiore ci sono il flox alpino, il trifoglio nano, il nontiscordardime alpino, la primula fatata, l’aven alpino, il pennello indiano, lousewort, il penstemone blu-viola, la margherita del pioppo tremulo, il pennello occidentale, l’elefantina, i ranuncoli delle nevi, il pisello scuro, l’erba di riso indiana, erba soffiata, girasole della prateria, ape delle montagne rocciose, coniglio di gomma, erba di lancia, verbena della sabbia a fiore piccolo, yucca a foglia stretta, fico d’India, iris delle montagne rocciose e ranuncolo d’acqua bianca.
L’erba salata interna è il tipo principale di erba intorno alle zone umide di sabkha nel parco.

Fauna –
All’interno del parco vivono numerosi mammiferi; andando dalla tundra alpina alle praterie di bassa quota, dove troviamo pika, marmotta dal ventre giallo, pecora bighorn, orso nero, lepre con le racchette da neve, scoiattolo di Abert, volpi grigie e rosse, puma, coyote, cervo mulo, toporagno d’acqua, castoro, istrice, canguro topo, tasso, pronghorn e alce.
All’interno del parco, su un terreno privato, di proprietà di The Nature Conservancy, che è chiuso al pubblico, sono inoltre allevati più di 2000 bisonti.
Sempre all’interno del parco nazionale e riserva delle grandi dune di sabbia vivono più di 250 specie di uccelli che sono state documentate. Molte specie nidificano in montagna, foreste, praterie o zone umide durante l’estate. Dalle quote più alte a quelle più basse e, a seconda della stagione, alcune delle specie di uccelli includono il fringuello roseo dalla testa bruna, la pernice bianca, il picchio muratore dal petto rosso, il falco pellegrino, l’uccello azzurro di montagna, il gufo pigmeo settentrionale, il gallo cedrone, il colibrì (quattro specie), tanager occidentale, gufo scavatore, aquila calva, aquila reale, gru sandhill, avocetta americana e airone azzurro maggiore.
Nel parco vivono vari rettili, come la lucertola dalle corna corte, la lucertola da recinzione, lo scinco a molte linee, il serpente toro e il serpente giarrettiera.
I pesci che vivono nei ruscelli del parco includono la trota spietata del Rio Grande, la ventosa del Rio Grande (Catostomus plebeius) e il pesciolino grasso.
Tra gli anfibi troviamo la salamandra tigre, la rana del coro, la rana leopardo settentrionale, il rospo spadefoot, il rospo delle Grandi Pianure e il rospo di Woodhouse.
Infine il parco ospita diversi insetti endemici tra cui alcuni scarabei delle falene notturne e più di mille diversi tipi di artropodi.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.