Mappa geografica del Regno Unito

Mappa geografica del Regno Unito

Il Regno Unito è uno Stato insulare dell’Europa occidentale composto da quattro nazioni costitutive che sono: Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.
Il Regno Unito è una monarchia parlamentare e la regina Elisabetta II è anche il capo di Stato di altri 14 paesi membri del Commonwealth delle nazioni (cui il Regno Unito aderisce dal 1931), detti reami del Commonwealth, dei quali il Canada, l’Australia, la Nuova Zelanda, la Papua Nuova Guinea e la Giamaica sono i più popolosi.
Il Regno Unito ha una popolazione di 68.168.033 abitanti (dato al 17-04-2021). La capitale è Londra con una popolazione di 8.615.246 (dato al 2015).

Geografia –
Il Regno Unito è situato al largo delle coste occidentali dell’Europa settentrionale ed è circondato a est dal mare del Nord, a sud dal Canale della Manica e ad ovest dall’oceano Atlantico e dal mare d’Irlanda, le Isole del Canale e l’Isola di Man sono dipendenze della Corona britannica, ma non fanno parte del Regno Unito.
La Gran Bretagna è l’isola comprendente la maggior parte del territorio dell’Inghilterra, del Galles e della Scozia. Le isole britanniche invece sono l’arcipelago comprendente la Gran Bretagna, l’Irlanda, l’Isola di Man, l’Isola di Wight, le isole Orcadi, le isole Ebridi, le isole Shetland, le Isole del Canale e altre isole minori.
Si compone anche di quattordici territori d’oltremare che costituiscono i resti dell’Impero britannico, quali Anguilla, Bermuda, il Territorio Antartico Britannico, il Territorio britannico dell’Oceano Indiano, le Isole Vergini britanniche, le Isole Cayman, le Isole Falkland, Gibilterra, Montserrat, le Isole Pitcairn, Sant’Elena, Ascensione e Tristan da Cunha, Georgia del Sud e Isole Sandwich Meridionali, Akrotiri e Dhekelia e Turks e Caicos.
Dal punto di vista geografico la maggior parte del territorio d’Inghilterra è caratterizzato da colline e pianure divise da est a ovest da alcune catene collinari. I fiumi principali sono il Tamigi, il Severn, il Trent, l’Humber e il Tyne. Città principali sono Londra, Birmingham, Manchester, Sheffield, Liverpool, Nottingham, Leeds, Bristol e Newcastle upon Tyne.
Il Galles è principalmente montuoso, a nord-ovest si elevano i monti di Snowdonia che raggiungono la massima altezza del Galles con il monte Snowdon. Nella regione centrale si elevano i monti Cambrici ed sud-est quelli del Brecon Beacons. A nord del Galles si trova l’isola di Anglesey. Capoluogo e città principale è Cardiff situata nella parte meridionale della regione.
Il territorio della Scozia è contraddistinto da pianure nelle parti meridionale e orientale e da montagne, tra le quali il Ben Nevis, e altopiani nelle parti settentrionali e occidentali. Vi sono numerosi laghi e profondi fiordi. La Scozia comprende un vasto numero di isole situate al largo delle coste occidentali e settentrionali: le Ebridi, le Orcadi e le Shetland. Il capoluogo scozzese è Edimburgo ma la più grande città è Glasgow.
L’Irlanda del Nord, situata nella parte nord-orientale dell’isola irlandese, è principalmente collinare. Il suo capoluogo è Belfast.

Clima –
Il clima della Gran Bretagna, influenzato dall’Oceano Atlantico, è temperato e umido, con scarti di temperatura relativamente contenuti tra l’inverno e l’estate. Il tempo è però variabile, con frequenti cambiamenti da un giorno all’altro o anche nell’arco della stessa giornata.
Le temperature medie in pianura sono sempre superiori allo zero anche in gennaio, quando oscillano intorno ai 4/5 ºC nelle città principali, e arrivano a 6 gradi nella punta sudoccidentale del Paese; in luglio oscillano tra i 12 gradi del nord della Scozia e i 18,5 °C nella regione di Londra.
Le precipitazioni sono ovunque frequenti, ma sono ancor più frequenti e abbondanti al nord e sui versanti occidentali. Ad esempio in Scozia occidentale si raggiungono i 1.500 millimetri, con circa 200 giorni all’anno di pioggia (più di un giorno su due!), mentre a Manchester, nell’Inghilterra occidentale, cadono 800 mm di pioggia in 141 giorni; a Plymouth, sulla costa sudoccidentale, cadono 1.000 mm di pioggia in 142 giorni. Il sud-est è meno piovoso: a Londra cadono appena 600 mm di pioggia l’anno, distribuiti comunque in 109 giorni.

Flora-
In passato, il territorio della Gran Bretagna era ricoperto di foreste. L’espansione degli insediamenti umani e lo sviluppo dell’agricoltura sono tra le cause del diboscamento.
In epoca preistorica, infatti, la natura selvaggia della Gran Bretagna era una fitta foresta di tigli, querce, betulle e faggi. I locali consideravano molte piante sacre, specialmente le querce. Ciò era dovuto alle loro antiche credenze. Tuttavia, i secoli sono passati e molto è cambiato.
Entro la fine del ventesimo secolo, le foreste della Gran Bretagna furono in gran parte distrutte a causa delle attività umane. La gente ha abbattuto alberi possenti, paludi prosciugate, che hanno portato a gravi cambiamenti nella composizione delle specie della flora e della fauna. Alberi esotici che prima non c’erano (abete, abete rosso, larice) furono portati nel paese e piantati.
Attualmente, le foreste del paese occupano solo il 10% della superficie totale. La maggior parte di loro è sopravvissuta sui pendii della montagna, nelle valli fluviali e nel sud della regione. Attualmente, le piante caratteristiche del Regno Unito – faggio, frassino, carpino, olmo, quercia. Ma nelle montagne grampiane crescono foreste di abeti e pini con boschi di querce.
Nonostante il fatto che nel paese di grandi aree forestali non esista più, sembra ancora che questo sia un vantaggio ecologico. La Gran Bretagna, la cui natura è stata gravemente danneggiata dalle mani dell’uomo, è impegnata in piantagioni artificiali di cinture forestali tra i campi, proteggendo recinti dai venti freddi, riserve di forme.
Oltre alle foreste, il paese è ricco di lande, senza le quali questa descrizione della natura non sarebbe completa. La Gran Bretagna è anche ricca di terre erbose erbose, che sono state preservate su terre selvagge che non sono state sviluppate dalle persone.
Le foreste di carici sono circondate da paludi di sfagno, che occupano i posti più umidi. Qui ci sono boschetti di salici.
Separatamente, si dovrebbe menzionare la bella erba della parte centrale del paese. Narcisi selvatici bianchi e gialli, primule, gigli, piccoli, ecc. Crescono qui su prati e campi naturali.
Comunque è la brughiera la formazione vegetale che più caratterizza il paesaggio inglese. In Gran Bretagna le lande poste su territori collinari si chiamano moorland: le specie più frequenti sono le eriche e il brugo. Questi ambienti, noti come luoghi misteriosi e selvaggi, si trovano al centro di diversi romanzi e leggende; per esempio Il mastino dei Baskerville, Cime tempestose, Orgoglio e pregiudizio, Il giardino segreto e Jane Eyre.
La brughiera cresce su suoli poco fertili dove i forti venti consentono solo la crescita di una vegetazione arbustiva.
L’opera di bonifica di ampie aree paludose, quali i “Fens” (aree umide, paludose, con suoli ricchi di minerali) nell’Anglia orientale e nel Somerset, ha trasformato queste terre in pascoli e arativi.

Fauna –
Il Regno Unito è ancora un paese ricco di fauna selvatica.
Nel sud della Gran Bretagna, sono comuni cervi, lepri, volpi, conigli, procioni, lontre, ermellini, donnole e volpi. E dai roditori ci sono scoiattoli, topi, topi. I rettili qui sono rappresentati da sole tre specie di serpenti e sono completamente assenti nell’Irlanda del Nord.
Anche ora ci sono caprioli, daini, martore, conigli nelle foreste del paese. E fiumi e laghi vantano salmoni e trote. Le acque costiere che lambiscono la costa sono saturi di merluzzo, aringa e eglefino.
La Gran Bretagna è diventata la casa di molti uccelli, ce ne sono più di duecento. Circa la metà di loro rimane nel paese, arrivando da altre regioni. L’attività umana ha avuto un impatto sugli uccelli. Il numero di alcune specie è diminuito a tal punto che è sull’orlo dell’estinzione, mentre le popolazioni di altri, al contrario, sono aumentate.
Purtroppo dopo un massiccio drenaggio delle zone umide, il numero di uccelli acquatici è diminuito. E lo sviluppo della terra ha portato alla distruzione di alcune specie di piante, che a loro volta hanno colpito gli uccelli. Ma piccioni e passeri si stabilirono notevolmente nelle grandi città, aumentando la loro popolazione ogni anno.
Per ripristinare il numero di specie minacciate di estinzione nello Stato, sono state istituite numerose aree protette al fine di instaurare un regime di conservazione.
Numerosi sono per esempio i cigni ed altre specie di volatili che effettuano la migrazione nel periodo primaverile estivo.
Purtroppo molte specie di animali hanno subito le conseguenze dell’espansione dell’agricoltura e dell’urbanizzazione, e alcune si trovano ormai solo in aree protette.
L’alce, che vive nelle Highlands scozzesi e nell’Exmoor, e il cervo rosso, nei boschi scozzesi e nell’Inghilterra meridionale, sono i soli grandi mammiferi che rappresentano la fauna endemica, oltre ai pony selvatici dell’Exmoor e del New Forest.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.