Myroxylon balsamum

Myroxylon balsamum

Il Balsamo del Tolù (Myroxylon balsamum (L.) Harms) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Fabacee.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Fabales,
Famiglia Fabaceae,
Sottofamiglia Faboideae,
Tribù Sophoreae,
Genere Myroxylon,
Specie M. balsamum.
Sono sinonimi i seguenti termini:
– Myrospermum balsamiferum Ruiz & Pavon apud Lopez;
– Myrospermum pereirae Royle;
– Myrospermum punctatum (Klotzsch) Walp.;
– Myrospermum sonsonatense Oerst.;
– Myrospermum toluifera (Kunth) DC.;
– Myroxylon balsamum var. balsamum;
– Myroxylon balsamum var. pereirae (Royle) Harms;
– Myroxylon balsamum var. punctatum (Klotzsch) Harms;
– Myroxylon hanburyanum Klotzsch;
– Myroxylon pereirae (Royle) Klotzsch;
– Myroxylon punctatum Klotzsch;
– Myroxylon toluifera Kunth;
– Myroxylon toluiferum A.Rich.;
– Toluifera balsamum L.;
– Toluifera balsamum Baill. var. balsamum;
– Toluifera balsamum var. pereirae (Royle) Baill.;
– Toluifera pereirae (Royle) Baill.;
– Toluifera balsamum var. punctata Baill.
All’interno di questa specie si riconoscono due sottospecie:
– Myroxylon balsamum subsp. balsamum;
– Myroxylon balsamum subsp. pereirae (Royle) Harms.

Etimologia –
Il termine Myroxylon è di origine etimologica incerta.
L’epiteto specifico balsamum proviene dal greco βάλσαμον bálsamon balsamo (derivato dall’ebraico basam, profumo, spezia) e collegato all’aramaico busma e all’arabo basham: che produce balsamo, sostanze balsamiche con forte odore aromatico.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Balsamo del Tolù è una pianta diffusa nelle zone tropicali e della Polinesia ma originaria delle foreste tropicali del Messico meridionale, attraverso le regioni amazzoniche del Perù e del Brasile.
Il suo habitat è quello delle foreste umide tropicali sempreverdi ad altitudini medio-basse da 100 a 690 metri.

Descrizione –
Il Myroxylon balsamum è un albero è grande a crescita lenta che può raggiungere i 45 metri di altezza.
Ha una chioma rotonda con fogliame denso e corteccia di colore giallastra con un odore pungente.
Le foglie sono alterne, picciolate, di 8-20 centimetri, compresi i piccioli; i piccioli sono lunghi 1-4 centimetri e il rachide 5-15 centimetri. Il rachide e i piccioli sono pubescenti. Le foglioline sono da acute ad acuminate all’apice, ottuse alla base, glabre, con margine intero e punti oleosi ghiandolari.
I fiori sono bianchi, pubescenti e hanno circa 10 stami.
Le piante piantata da seme fioriscono all’età di 5 anni nel periodo da febbraio a giugno.
Il frutto è un baccello alato piatto, obovato stretto di 8 centimetri di lunghezza e 1-2 centimetri di larghezza, di colore dal giallo al marrone quando essiccato; cade a terra tra novembre e gennaio.

Coltivazione –
Il Myroxylon balsamum è un albero a crescita lenta della foresta pluviale che può raggiungere un’altezza di 45 metri, anche se di solito si mantiene più piccolo.
È un albero multiuso, che produce una preziosa gomma-resina, un legno prezioso e una vasta gamma di usi medicinali e di altro tipo.
Si ritiene generalmente che la forma migliore della gomma provenga dalla subspecie Myroxylon balsamum pereirae.
Questa gomma ha una lunga storia di utilizzo da parte della popolazione locale come medicinale ed è anche ampiamente utilizzata nella moderna medicina erboristica, come incenso, profumo, ecc.
La pianta viene utilizzata normalmente allo stato naturale ma può essere coltivata anche a scopo ornamentale nei tropici, specialmente come albero da ombra lungo i lati delle strade.
La pianta cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 22 e 28 °C, ma può tollerare 16 – 32 °C.
Quando è dormiente, la pianta può sopravvivere a temperature fino a circa -1°C e predilige una piovosità media annua nell’intervallo 2.000 – 2.700 mm, ma tollera 1.350 – 4.000 mm.
Cresce meglio in una posizione soleggiata, tollerando un po’ d’ombra.
Dal punto di vista pedologico preferisce un terreno ben drenato, anche se poveri, e leggermente acido, con un pH compreso tra 5 e 8 anche se quello ottimale è 5,5 – 6,5.
Dopo l’impianto le piantine crescono fino a 2,5 metri di altezza nei primi due anni.
Gli alberi possono raggiungere un’altezza di 10 metri in 10 – 12 anni e 20 metri in 25 anni.
Gli alberi non sono una fonte redditizia di balsamo fino al loro 15° anno circa di età e con una corretta gestione, possono produrre gomma per 30 – 40 anni.
La raccolta della gomma inizia su alberi di 20 – 30 anni con un diametro minimo di 12 – 15 cm e le piante iniziano a fiorire quando hanno circa 5 anni.
In media alberi di vent’anni producono circa 3 kg di gomma all’anno.
Tuttavia sono ancora le popolazioni selvatiche a fornire le principali fonti di balsamo . La raccolta delle gomme è spesso drastica e può causare gravi lesioni o morte agli alberi.
La propagazione può avvenire per seme; si propaga principalmente attraverso la rigenerazione naturale, ma il seme può anche essere piantato con una miscela di argilla e materia organica a una profondità di 5 mm, coperto con terreno fine e annaffiato quotidianamente. I letti o i contenitori di germinazione dovrebbero essere parzialmente ombreggiati. I semi germinano in 15 – 30 giorni con una percentuale di successo superiore al 50%.
Le piantine sono pronte per la semina in 5 mesi.
Si precisa che la rigenerazione naturale è abbondante principalmente sotto la chioma degli alberi genitori, dove i semi raggiungono fino all’80% di germinazione. Poche di queste piantine raggiungono mai la maturità a causa dei bassi livelli di luce nella foresta.
I frutti devono essere messi a bagno in acqua corrente per 24 ore per ammorbidire il pericarpo e facilitare l’estrazione dei semi.
La presenza di alti livelli di cumarina nei cotiledoni e nell’asse embrionale sembra non avere alcun effetto sulla germinazione di questa specie, ma sembra agire come fattore allelopatico.

Usi e Tradizioni –
Dalla pianta del Myroxylon balsamum si ricava il balsamo del tolù, in riferimento alla cittadina colombiana di Tolù. Da tale balsamo fu estratto per la prima volta il toluene nel 1841.
Dalla pianta viene estratto un liquido giallognolo che viene utilizzato in medicina ed in aromaterapia.
Gli estratti di questa pianta sono utilizzati in medicina per il sistema immunitario, le malattie respiratorie, urinarie, del sistema nervoso centrale e della cute e nella cosmesi.
Il balsamo di Tolu e il balsamo del Perù sono i prodotti della resina della specie. Vengono estratti da diverse varietà in modi diversi. Questi vengono commercializzati per mezzo di una serie di intermediari ed esportatori; le sue destinazioni sono Germania, Stati Uniti d’America, Inghilterra e Spagna, dove viene utilizzato nella produzione di cosmetici e medicinali (per malattie della pelle, bronchi, polmoni e vie respiratorie, e nel trattamento di ustioni e ferite).
Questo albero è stato piantato per la produzione di balsamo in Africa occidentale, India e Sri Lanka.
Per quanto riguarda gli usi alimentari, le gomme aromatiche e leggermente amare ottenute da questa pianta vengono utilizzate come aroma in bibite, confetteria, gelati e gomme da masticare.
L’olio essenziale viene utilizzato per aromatizzare prodotti da forno.
Dal punto di vista medicinale il Myroxylon balsamum ha una lunga storia di utilizzo da parte della popolazione locale, che ha utilizzato le foglie e i frutti nel trattamento dell’asma, raffreddore e influenza, reumatismi e per uso esterno.
La linfa è stata usata per curare raffreddori e malattie polmonari, ascessi, asma, bronchite, catarro, cefalea, reumatismi, piaghe, distorsioni, tubercolosi, malattie veneree e ferite. Molti di questi usi tradizionali sono stati confermati dalla ricerca moderna.
Infatti è stato documentato che il balsamo di entrambe le varietà ha proprietà antisettiche, antiparassitarie e antibatteriche, nonché di promuovere la crescita delle cellule epiteliali.
Negli studi, è stato riportato che le piante inibiscono il Mycobacterium tuberculosis e il comune batterio che causa l’ulcera, H. Pylori (in studi in provetta).
L’olio essenziale contiene esteri dell’acido benzoico e cinnamico. Si ritiene che questi siano i principali costituenti attivi del balsamo.
L’erboristeria moderna valorizza il balsamo del Tolù, che si ottiene dalla sottospecie M. b. balsamum, come debole espettorante usato nelle miscele per la tosse e come inalante per catarro e bronchite.
Il balsamo del Tolù è stato incluso nella Farmacopea degli Stati Uniti nel 1820 ed è usato tanto quanto il balsamo del Perù.
Inoltre, è un soppressore della tosse e un aiuto respiratorio utilizzato in pastiglie e sciroppi per la tosse, per il mal di gola e come inalatore di vapore per disturbi respiratori.
Il balsamo oltre ad essere usato in profumeria e per scopi medicinali viene impiegato anche come adulterante per il più pregiato “balsamo del Perù” ottenuto da Myroxylon balsamum subsp. pereirae.
Il balsamo estratto dal tronco viene utilizzato come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come profumo.
L’olio essenziale estratto dal balsamo ottenuto dalla pianta viene utilizzato come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come profumo.
L’oleoresina estratta dal tronco viene utilizzata come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come filmogeno, agente mascherante e balsamo per capelli.
La gomma di balsamo contiene circa il 60% di cinnamina, un olio essenziale estratto per distillazione in corrente di vapore.
Questo viene usato come incenso nelle chiese e come set per capelli e agente addensante.
L’olio viene utilizzato anche nell’industria dei profumi, dei cosmetici e dei saponi di alta qualità; la sua fragranza è attribuita agli acidi vanillina, cumarina, cinnamico e benzoico.
Per quanto riguarda le controindicazioni, secondo alcuni studi clinici, pubblicati negli ultimi anni, questo balsamo può causare reazioni allergiche in soggetti sensibili. Le reazioni allergiche riportate sono generalmente eruzioni cutanee e dermatiti quando il balsamo viene a contatto con la pelle, anche in piccole quantità presenti in saponi, profumi e altri comuni prodotti per la cura del corpo. Queste reazioni allergiche sono attribuite agli acidi benzoici della gomma, a cui alcune persone sono molto sensibili.
Tra gli altri usi del Myroxylon balsamum ricordiamo quelli agroforestali.
Questa specie è infatti un buon albero da ombra e fissa anche l’azoto atmosferico ed a volte viene coltivato per fornire ombra nelle piantagioni di caffè.
Si ricorda che questa specie ha una relazione simbiotica con alcuni batteri del suolo, questi batteri formano noduli sulle radici e fissano l’azoto atmosferico. Parte di questo azoto viene utilizzato dalla pianta in crescita, ma può anche essere utilizzato da altre piante che crescono nelle vicinanze.
La corteccia in polvere viene utilizzata come deodorante per le ascelle.
Per quanto riguarda la parte legnosa, il durame è di colore bruno rossastro, che diventa rosso intenso o violaceo all’esposizione, e ha un profumo speziato; è nettamente demarcato dal colore giallo molto pallido del bianco dell’alburno. La tessitura è da media a fine; la grana è intrecciata; la lucentezza è media; non ha un gusto distinto ma un aroma leggermente caratteristico. Il legno è moderatamente difficile da lavorare, ma può essere rifinito senza problemi con un lucido naturale ed è molto resistente alla decomposizione fungina. Viene utilizzato per pavimenti, mobili, ebanisteria, torneria e traversine ferroviarie.

Modalità di Preparazione –
Dalla pianta del Myroxylon balsamum viene estratto un liquido giallognolo che viene utilizzato in medicina ed in aromaterapia.
Viene utilizzato per usi alimentari; le gomme aromatiche e leggermente amare ottenute da questa pianta vengono utilizzate come aroma in bibite, confetteria, gelati e gomme da masticare.
L’olio essenziale viene utilizzato per aromatizzare prodotti da forno.
Per quanto riguarda l’estrazione della gomma, esistono differenti modalità.
In un sistema nella corteccia vengono praticate numerose incisioni a forma di V, facendo attenzione a non cingere l’albero; in questo modo il balsamo scorre attraverso le incisioni, nei vasi.
Con un altro metodo una sezione di corteccia di 15 – 25 cm viene rimossa dall’albero a circa 30 cm dal suolo; la ferita viene coperta con un panno di cotone per assorbire il liquido. Quando il flusso naturale cessa, le scottature lo stimolano. Gli stracci impregnati vengono poi bolliti in acqua e pressati.
Un altro metodo è quello di bruciare gli alberi alla base. Strisce di corteccia vengono strappate, frantumate e poste in acqua calda per ammorbidire il balsamo e facilitarne lo scorrimento. Il balsamo raffreddato scende sul fondo e può essere separato.
Infine un quarto metodo utilizzato è quello in cui sezioni del tronco d’albero vengono battute con una mazza di legno e quindi vengono praticate incisioni verticali nella corteccia larghe 8 cm. Pochi giorni dopo le incisioni vengono riscaldate con il fuoco per stimolare il flusso gengivale, ma le incisioni non vengono bruciate. Gli stracci vengono posti sopra le incisioni e rimossi quando sono saturati. Le presse grezze vengono utilizzate per estrarre la gomma dagli stracci.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *