Momordica charantia

Momordica charantia

La zucca amara o ampalaya (Momordica charantia L., 1753) è una specie erbacea rampicante appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Dilleniidae,
Ordine Violales,
Famiglia Cucurbitaceae,
Genere Momordica,
Specie M. charantia.
Sono sinonimi i termini:
– Cucumis argyi H.Lév.;
– Momordica chinensis Spreng.;
– Momordica elegans Salisb.;
– Momordica indica L.;
– Momordica operculata Vell.;
– Momordica sinensis Spreng.;
– Sicyos fauriei H.Lév..

Etimologia –
Il termine Momordica viene da momordi, passato del verbo mordeo mordere: per i semi a margine eroso come se fossero stati morsicati.
L’epiteto specifico charantia viene dall’antico nome italiano caranza in quanto è facile disporre questa pianta a pergolato; termine derivato dal greco χάραξ chárax palo di sostegno, canna.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La zucca amara è una pianta tropicale e subtropicale di origine incerta, sebbene è possibile che sia l’Africa o l’India; è particolarmente diffusa in Asia ed Africa per i suoi frutti e le foglie, che sono commestibili, ma è possibile trovarla anche in Australia e nelle isole del Pacifico.
Il suo habitat naturale è quello della savana ed è comune nei boschetti costieri, lungo torrenti e ruscelli e ai margini delle foreste di pianura.

Descrizione –
La Momordica charantia è una pianta erbacea, annuale, che può crescere fino ad una altezza di 5 metri.
Produce fusti molto ramificati che si propagano sul terreno o si arrampicano nella vegetazione circostante, sostenendosi per mezzo di viticci.
Le foglie sono semplici e alternate, diversamente lobate a seconda della varietà.
I fiori sono monoici di colore dal giallo pallido al giallo intenso, solitari all’ascella superiore delle foglie su steli lunghi 2-10 cm con una piccola brattea fogliare verso la base. I fiori maschili sono più grandi dei fiori femminili e hanno un sottile rigonfiamento basale che termina con cinque sepali smussati. Ci sono cinque petali gialli ovali lunghi 10-20 cm e cinque stami centrali.
I frutti sono di forma cilindrica, penduli e sono a forma di uovo e lunghi 2-10 cm (fino a 20 cm nelle varietà coltivate), e ricoperti da creste longitudinali e verruche. A maturità virano dall’arancione al giallo, e le punte si dividono in tre e tornano indietro per rivelare la polpa gialla e gli arilli rosso vivo che racchiudono i semi che aderiscono all’interno del frutto. Ciascuno dei semi legnosi appiattiti è lungo 5-9 mm e ha superfici finemente snocciolate.

Coltivazione –
La Momordica charantia è una pianta rampicante annuale molto vigorosa che è un importante ortaggio da mercato nell’Asia meridionale e orientale; è coltivata anche su piccola scala nell’America tropicale e nella parte meridionale degli Stati Uniti. La pianta viene coltivata anche per scopi medicinali.
La pianta si adatta meglio alle zone calde e umide dei tropici e subtropicali, sebbene possa essere coltivata in un’ampia varietà di climi fino alla zona temperata purché vi sia una stagione di crescita sufficiente; inoltre può essere coltivato ad altitudini fino a 1.000 metri ai tropici.
In generale cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 22 e 30 °C, ma può tollerare 15 – 38 °C.
La pianta in vegetazione può sopravvivere a temperature fino a circa 3 °C.
Predilige una piovosità media annua nell’intervallo 2.000 – 2.500 mm, ma tollera 1.000 – 4.000 mm.
Cresce meglio in una posizione soleggiata e richiede un terreno ricco di sostanza organica, se si vogliono ottenere rese ottimali, con un pH nell’intervallo 6 – 6,5, tollerando 4,5 – 8.
Le piante possono iniziare a fiorire in 30 – 35 giorni dalla germinazione e iniziare a produrre frutti circa 15 – 20 giorni dopo.
In climi più temperati il ciclo colturale può completarsi in 50-70 giorni, ma il periodo della raccolta può protrarsi per 70-85 giorni. La pianta necessita di sostegni per la crescita, analogamente ad altre Cucurbitaceae.
Sono state raggiunte rese fino a 15 tonnellate per ettaro, sebbene 8-10 tonnellate siano la resa più ordinaria.
Inoltre esistono diverse varietà.
La propagazione avviene con semina in situ e le piantine emergono 5 – 7 giorni dopo la semina, ma il seme fresco spesso mostra una dormienza che è molto difficile da superare e può durare per alcuni mesi.

Usi e Tradizioni –
La Momordica Charantia è una pianta commestibile che cresce principalmente in Asia e in Africa, ma è possibile trovarla anche in altre zone.
Viene raccolta prima che giunga a completa maturazione, poiché in tal modo si riduce il suo gusto molto amaro, tipico del frutto pienamente maturo. I frutti a metà tra la zucca e la zucchina, si consumano cotti in molte varianti.
La Momordica Charantia è famosa per le sue inestimabili proprietà e per la notevole quantità di micro e macro nutrienti che contiene e per i benefici che dona assumendola.
Il frutto, le foglie ed i semi sono molto nutrienti e contengono fosforo, ferro, calcio, vitamine A, B e C, beta carotene e potassio. È molto usata nella medicina Ayurvedica ed alcuni studi sostengono che, grazie ad una sostanza che contiene chiamata polipeptide-P, abbia effetti simili a quelli dell’insulina, regolando quindi i livelli di zucchero nel sangue nei diabetici.
I germogli e le foglie giovani sono cotti e usati come verdura.
Per questo motivo è un popolare ortaggio a foglia considerato molto salutare.
Dai frutti maturi si può estrarre un colorante alimentare rosso.
Dal punto di vista medicinale la Momordica Charantia è un’erba lassativa e diuretica che lenisce i tessuti irritati, abbassa la febbre, uccide i parassiti e purifica il sistema dalle tossine.
Probabilmente è anche uno stimolante uterino.
La pianta contiene sostanze chimiche antileucemiche, estrogeniche e ipoglicemizzanti.
Il seme contiene proteine abortive; lo steroide glucosidico charantine, che ha un’attività ipoglicemizzante insulino-simile.
I semi contengono glicoproteine con attività abortiva, immunosoppressiva e antitumorale.
Il frutto maturo è un tonico dello stomaco e induce le mestruazioni.
Il succo fresco del frutto viene prelevato internamente nel trattamento della colite e della dissenteria.
Il frutto acerbo contiene un peptide simile all’insulina che ha dimostrato di abbassare i livelli di zucchero nel sangue e nelle urine. È usato tradizionalmente per trattare i sintomi del diabete, in particolare il diabete tardivo.
Il frutto è usato per curare la lebbra e le ulcere maligne; per trattare vermi gastrici, febbre e catarro; ipertensione e dissenteria. Inoltre viene utilizzato esternamente nel trattamento di emorroidi, pelle screpolata e ustioni.
Le foglie sono antisettiche, purificatrici del sangue, febbrifughe e vermifughe.
La radice è abortiva e astringente.
La pianta è ancora poco conosciuta in Italia ma le virtù e i benefici della Momordica Charantia, come visto, sono veramente numerosi; questa pianta dai frutti amari infatti ha una potente azione antidiabetica, regolarizza l’intestino, elimina le tossine dall’organismo, ha un’azione antitumorale ed è estremamente ricca di vitamine, sali minerali, proteine, flavonoidi e molte altre sostanze importantissime per il benessere del nostro corpo.
Questo rimedio naturale è stato scoperto millenni fa e molti popoli, come i cinesi, gli indiani e gli africani lo usano da sempre per le sue proprietà curative.
Inoltre la Momordica Charantia può essere assunta come integratore per beneficiare di tutte le sue proprietà in tempi rapidi e con molta facilità di assunzione.
Inoltre secondo alcuni studi effettuati dall’università Mahidol di Bangkok, all’interno della Mormodica Charantia sono presenti anche alcune proteine (MRK29) in grado di inibire la replicazione del virus della poliomelite e dell’HIV.

Modalità di Preparazione –
Il frutto della Momordica Charantia viene raccolto quando non è ancora maturo e utilizzato fresco come polpa o succo.
Il frutto immaturo viene messo a bagno in acqua salata per togliere il sapore amaro, e poi cotto come una verdura.
Possono essere utilizzati anche in curry e sottaceti.
Le forme con frutti non amari si mangiano in insalata, allo stesso modo dei cetrioli.
I semi dei frutti più maturi devono essere rimossi.
Le foglie possono essere raccolte durante la stagione di crescita e possono essere utilizzate fresche o essiccate per un uso successivo.
Un tè alla zucca amara, ottenuto da pezzi di frutta secca, è una bevanda salutare popolare in Giappone e in altri paesi asiatici.
Un’infusione viene utilizzata nel trattamento di vermi intestinali, ittero, malaria e altre febbri.
Un decotto di foglie e steli viene usato per curare il diabete, l’ipertensione e la biliosità.
Il succo delle foglie viene applicato esternamente per trattare infiammazioni, scabbia e pelle pruriginosa.
Una pasta di foglie viene applicata come cataplasma su tagli e ferite.
Le foglie servono per fare un bagno antisettico per i bambini.
Un decotto di steli, foglie e frutti è usato come tonico amaro e per curare il diabete e il cancro.
Un decotto di fiori e foglie è usato per curare l’epatite.
L’olio ricavato dai semi viene utilizzato per aiutare a guarire le ferite.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *