Parco nazionale delle Cascate del Nord

Parco nazionale delle Cascate del Nord

Il parco nazionale delle Cascate del Nord, il cui codice WDPA è: 979 è parco nazionale degli Stati Uniti situato nello stato di Washington.
Questo parco ha una superficie a terra di 2.042.78 km², è stato istituito nel 1968 ed è gestito dal National Park Service.
Il parco nazionale delle Cascate del Nord è costituito da una sezione settentrionale e meridionale, divisa in due dal fiume Skagit che scorre attraverso i bacini idrici della Ross Lake National Recreation Area. L’area ricreativa nazionale del lago Chelan si trova al confine meridionale dell’unità sud del parco. Oltre alle due aree ricreative nazionali, altre terre protette tra cui diverse foreste nazionali e aree selvagge, nonché parchi provinciali canadesi nella Columbia Britannica, circondano quasi il parco.
Il parco nazionale delle Cascate del Nord presenta le aspre cime montuose della North Cascades Range, il sistema glaciale più esteso degli Stati Uniti contigui, le sorgenti di numerosi corsi d’acqua e vaste foreste con il più alto grado di biodiversità della flora di qualsiasi parco nazionale americano.
Questa regione fu inizialmente colonizzata dai nativi americani paleo-indiani; quando arrivarono gli esploratori europei americani, era abitata dalle tribù Skagit. All’inizio del XIX secolo, la regione fu visitata da cacciatori di pellicce e diverse società britanniche e americane si contendevano il controllo del commercio di pellicce. Dopo che il confine tra Canada e Stati Uniti fu fissato al 49° parallelo nel 1846, gli esploratori vennero a tracciare potenziali percorsi attraverso le montagne per strade e ferrovie. L’estrazione mineraria e il disboscamento limitati si sono verificati dalla fine del XIX secolo all’inizio del XX secolo. Il primo impatto umano significativo nella regione si è verificato negli anni ’20, quando furono costruite diverse dighe nella valle del fiume Skagit per generare energia idroelettrica. Gli ambientalisti hanno quindi fatto una campagna per preservare la natura selvaggia rimanente, culminata il 2 ottobre 1968, con la designazione del parco nazionale delle North Cascades.
La visita a questo parco è limitata nel periodo invernale da nevicate abbondanti e un alto rischio di valanghe dovuto al terreno ripido, soprattutto sui versanti occidentali.
La maggior parte dell’accesso al parco è dalla State Route 20, che segue il fiume Skagit, anche se questa strada è chiusa per alcuni mesi in inverno. La maggior parte delle specie vegetali e animali originarie della regione del parco si trovano ancora lì, sebbene i cambiamenti climatici e gli inquinanti provenienti dalle regioni industrializzate a ovest pongano rischi per l’ambiente. Il parco ha uno dei programmi di ricerca più antichi e duraturi dedicati allo studio dei cambiamenti climatici, principalmente attraverso l’esame degli effetti del ritiro dei ghiacciai.
Il parco nazionale delle Cascate del Nord è quasi interamente protetto come natura selvaggia, quindi il parco ha poche strutture, strade o altri miglioramenti. I visitatori che desiderano recarsi in un campeggio devono farlo nelle foreste nazionali adiacenti o nelle aree ricreative nazionali. Il campeggio all’interno del parco richiede escursioni su sentiero, a cavallo o in barca, e il campeggio è regolato da un sistema di autorizzazioni per garantire che la natura selvaggia non venga sfruttata eccessivamente. L’alpinismo è popolare nel parco ed è consentita solo l’arrampicata pulita e discreta.
All’interno del parco nazionale delle Cascate del Nord vi sono risorse archeologiche sensibili. Le indagini sono condotte per inventariare i siti archeologici prima di qualsiasi impresa. Attualmente sono stati identificati 260 siti preistorici, alcuni risalenti a più di 8.500 anni fa. Come risultato di questi studi, è ormai ampiamente riconosciuto che l’esteso paesaggio subalpino del parco nazionale delle Cascate del Nord ha contribuito in modo importante alle economie indiane della costa nordoccidentale. I siti archeologici storici includono miniere e campi minerari, vigili del fuoco, campi di pastori di pecore, segherie, fattorie e un hotel “perduto”.

Geografia –
Il parco nazionale delle Cascate del Nord si trova in porzioni delle contee di Whatcom, Skagit e Chelan nello stato americano di Washington. Diviso in due dalla Ross Lake National Recreation Area (NRA), il parco è composto da due distretti; il nord e il sud. Il confine settentrionale del distretto nord è anche il confine internazionale tra Stati Uniti e Canada; quest’ultimo gestisce l’adiacente Chilliwack Lake e lo Skagit Valley Provincial Park. L’intero confine orientale e meridionale del distretto nord è delimitato da Ross Lake NRA. Il lato occidentale del distretto nord è delimitato dalla foresta nazionale di Mount Baker-Snoqualmie, all’interno della quale si trovano le terre selvagge di Mount Baker e Noisy-Diobsud, entrambe confinanti con il parco. La foresta nazionale di Mount Baker-Snoqualmie confina anche con una parte del distretto meridionale del parco, a sud-ovest. Lungo il confine sud-ovest si trova la Wenatchee National Forest, all’interno della quale si trova il Glacier Peak Wilderness.
Il confine meridionale del parco è condiviso con la Lake Chelan NRA e una piccola sezione del confine orientale è condivisa con la foresta nazionale di Okanogan. Il lago Chelan-Sawtooth Wilderness si trova nelle foreste nazionali di Wenatchee e Okanogan lungo il confine sud-orientale del parco.
Il parco nazionale delle Cascate del Nord ha quasi 2.700 m di rilievo verticale, con il punto più alto del parco in cima alla Goode Mountain e le valli occidentali situate a soli 120 m sopra il livello medio del mare, il parco ha un ecosistema, che include otto zone di vita.
L’erosione dell’acqua e del ghiaccio glaciale ha creato alcune delle catene montuose più ripide negli Stati Uniti contigui, che si elevano tra 1.200 e 1.800 m sopra le loro basi.Il parco ospita oltre 300 ghiacciai e 300 laghi e contiene le sorgenti di alcuni torrenti che sfociano nel fiume Skagit, così come i fiumi Stehekin e Nooksack. L’asprezza del terreno era un ostacolo all’invasione umana e, di conseguenza, il parco è quasi interamente selvaggio.

Geologia –
Il Parco Nazionale delle Cascate del Nord prende il nome dalle montagne delle Cascate del Nord, che sono una sottosezione della Catena delle Cascate che si estende dalla California settentrionale alla Columbia Britannica. Le Cascate del Nord sono la sezione più settentrionale della catena montuosa e, a differenza delle loro controparti meridionali che consistono di rocce vulcaniche dal Terziario all’Olocene, le Cascate del Nord sono composte principalmente da rocce cristalline e metamorfiche del Mesozoico. Sebbene la maggior parte delle rocce nel parco provenga dal Mesozoico più recente, le rocce più antiche hanno 400 milioni di anni, risalenti al Devoniano. Un complesso assemblaggio di varie formazioni rocciose è stato ripetutamente eroso, seppellito, sottoposto a fratturazione e calore, creando un puzzle geologico che è uno dei documenti geologici più complicati e meno compresi del Nord America. Queste forze sono in corso e la regione continua a vedere sollevamenti e faglie.
L’evidenza dei fossili e del magnetismo trovati nelle rocce indica che i terreni che compongono le Cascate del Nord si sono spostati per migliaia di miglia a nord fino a quando non hanno colpito la placca nordamericana 90 milioni di anni fa. La collisione tra le rocce ha causato la fratturazione e il piegamento, nonché il sollevamento e i terreni sono stati ulteriormente fratturati in faglie con andamento nord o sud. Le rocce sollevate per lo più si sono erose; 40 milioni di anni fa le rocce basaltiche più pesanti del fondo oceanico hanno iniziato a spingere verso l’alto le rocce granitiche più leggere che sono il nucleo delle montagne, un processo che continua. Sottoposte a un calore intenso, le rocce in profondità nel sottosuolo vicino alla zona di collisione si sono ricristallizzate in rocce granitiche, che costituiscono la spina dorsale delle vette più alte. Il continuo sollevamento ed erosione e infine l’azione del ghiaccio glaciale sul paesaggio durante l’Olocene ha esposto le rocce che oggi sono visibili.
Molto più dure e resistenti delle rocce vulcaniche più giovani delle Cascate meridionali, le Cascate settentrionali sono di conseguenza più aspre, con terreni ripidi come la norma a causa della forte erosione da acqua e ghiaccio. Il continuo innalzamento in concomitanza con l’erosione dell’acqua e del ghiaccio ha creato profonde vallate e significativi rilievi verticali paragonabili a catene montuose molto più alte.

Flora –
Tra le aree dei parchi nazionali del Nord America, le Cascate del Nord sono quasi insuperabile nella loro diversità botanica. La variazione estrema dei tipi di roccia e del suolo, l’esposizione, la pendenza, l’elevazione e le precipitazioni creano molti habitat diversi all’interno di un’area relativamente piccola. Circa 1.630 specie di piante vascolari sono state identificate nelle otto diverse zone di vita del parco.
La vita vegetale nel parco nazionale delle Cascate del Nord è estremamente varia, riflettendo differenze nei tipi di roccia e suolo, esposizione, pendenza, elevazione e precipitazioni. Otto zone di vita distintive supportano migliaia di diverse specie di piante nel grande ecosistema del parco nazionale delle Cascate del Nord. Nessun altro Parco Nazionale degli Stati Uniti supera il parco nazionale delle Cascate del Nord nel numero di specie di piante registrate. Sono state identificate oltre 1.627 specie di piante vascolari e le stime di specie non vascolari e fungine potrebbero più che raddoppiare questo numero per le specie di piante totali nelle Cascate del Nord. Alcune di queste piante sono minacciate o in pericolo e cambiamenti come l’inquinamento atmosferico e il riscaldamento globale potrebbero influire sulla loro sopravvivenza. Altre minacce includono piante non autoctone invasive che vengono definite specie esotiche. Le specie esotiche sono in grado di sostituire le specie autoctone e modificare le comunità biotiche. I gestori delle risorse del parco nazionale delle Cascate del Nord stanno prendendo provvedimenti per ridurre questa minaccia rimuovendo queste piante invasive. Questo può essere particolarmente difficile perché queste piante utilizzano sentieri, corsi d’acqua, vento e strade per colonizzare l’area. Il ripristino degli habitat modificati dall’attività umana è stato una priorità da quando il parco è stato istituito nel 1968. In qualità di leader nello sviluppo di metodi di rivegetazione nel parco nazionale delle Cascate del Nord, l’equipaggio di propagazione delle piante ha coltivato migliaia di piante autoctone da semi e talee. Presi da aree adiacenti a siti danneggiati, questi semi e talee vengono successivamente restituiti come giovani piante per ripristinare i campeggi e le aree calpestate del parco.

Fauna –
Le Cascate del Nord sono uno degli ecosistemi più diversificati della terra. Gli animali con pinne, pelliccia, piume e scaglie sono tutti a loro agio in questo ambiente drammatico e bellissimo. Mammiferi sfuggenti come il lupo grigio, il pescatore e il ghiottone vagano per la natura selvaggia in piccoli numeri, mentre i più adattabili cervi dalla coda nera della Columbia, gli scoiattoli Douglas e i pika deliziano i visitatori del parco in abbondanza. Un’ampia varietà di uccelli si riproduce all’interno dei confini del parco, compresi animali rari come l’aquila calva, il falco pescatore, l’anatra arlecchino e una varietà di migranti neotropicali. Pesci e anfibi si annidano nei limpidi laghi e torrenti di montagna. Le ricche foreste, i pendii rocciosi e le acque pulite pullulano di vita invertebrata, come farfalle, libellule, mosche di pietra e effimere. Ogni creatura, indipendentemente dalle sue dimensioni, svolge un ruolo intricato nelle Cascate del Nord, che si tratti di un orso grizzly o di una lumaca di banana. Il parco nazionale delle North Cascades ospita circa 75 specie di mammiferi in 20 famiglie; circa 21 specie di rettili e anfibi rappresentanti almeno quattro ordini; circa 200 specie di uccelli in 38 famiglie; almeno 28 specie di pesci; e recenti indagini hanno documentato oltre 500 tipi di insetti terrestri e circa 250 specie di invertebrati acquatici.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *