Parco nazionale delle Canyonlands

Parco nazionale delle Canyonlands

Il Parco nazionale delle Canyonlands, il cui Codice WDPA è: 982 è una superficie protetta con un’area di 1.366.21 km² dello Utah negli Stati Uniti d’America.
Questo parco è stato istituito il 12 settembre 1964 ed è gestito, come gli altri parchi degli Stati Uniti, dal National Park Service.
Il Parco nazionale delle Canyonlands comprende alcuni dei paesaggi caratterizzati dall’erosione del fiume Colorado, a monte del Lago Powell, in un ambiente semi-desertico.

Geografia –
Da quando il Parco nazionale delle Canyonlands è stato istituito è famoso per le sue splendide formazioni rocciose di colore rosso, e per essere stato scenario mozzafiato di tante pellicole di genere western. Attraversato dai fiumi Colorado e Green, Canyonlands Park è diviso rispettivamente in tre grandi zone chiamate Island in the Sky (“Isola nel Cielo”), The Needles (“Le Punte”) e The Maze “Il Labirinto”.
Il Parco nazionale delle Canyonlands è senza alcun dubbio uno dei più selvaggi, sconfinati e remoti parchi di tutti gli Stati Uniti con alcune zone che sono quasi del tutto inesplorate e che senza un’apposita preparazione ed organizzazione non possono di certo essere visitate.
Tra queste aree ricordiamo:
– Island in the Sky; si estende a nord dei due fiumi Colorado e Green River, ed è una sorta di maestoso altopiano dal quale si possono scorgere in lontananza le altre due zone. Si tratta dell’area più facilmente raggiungibile e visitabile, grazie anche a strade asfaltate, fantastici overlook e semplici itinerari di escursione. Il Visitor Center è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16 e all’interno troverete tante informazioni per pianificare al meglio il vostro viaggio. Tra le escursioni più semplici vi segnaliamo quella alla scoperta del bellissimo Mesa Arch di circa 800 metri, semplice e d’effetto, oppure la panoramicissima Gran View Point che vi porterà via circa 1 ora e mezza percorrendo complessivamente (andata e ritorno) circa 3 km. Per Murphy Point, altro spettacolare percorso, sono circa 6 km di percorso.
– The Needles; è una zona situata ad est del punto d’incontro tra i fiumi Green e Colorado, ed è conosciuta per i pinnacoli di colore arancione inframmezzati da linee bianche. La zona comprende inoltre archi, canyon e rovine con iscrizioni su roccia dei primi nativi americani.
– The Maze; questa zona, caratterizzata da canyon a forma di labirinto, con rocce alte e pinne sabbiose multicolori, e posizionata ad ovest dei due fiumi. Si tratta della zona più impervia e remota accessibile attraverso la Hans Flat Ranger Station, a 130 chilometria sud da Green River. A Canyonlands Park è possibile dedicarsi a diverse attività come il ciclismo, le escursioni in montagna sia a piedi che in jeep, e le discese lungo il fiume con i gommoni. Oltre a tutto ciò, esistono agenzie di viaggio che offrono ai turisti l’opportunità di vivere in un ranch, assaporando l’avventura del selvaggio west. Inoltre, per i viaggiatori principianti, un ottimo modo per entrare in contatto con le imponenti località di Canyonlands, è in compagnia di guide esperte. A Moab, la cittadina più prossima al parco è possibile noleggiare Jeep 4×4 o partecipare a visite con guide esperte. Ultima cosa, a nord est di Canyonlands c’è il Dead Horse State Park, piccolo parco che regala grandi viste.

Geologia –
Il Parco nazionale delle Canyonlands è una vetrina delle ere geologiche. In ciascuno dei distretti del parco, i visitatori possono vedere i notevoli effetti di milioni di anni di erosione su un paesaggio di roccia sedimentaria.
La maggior parte della roccia trovata oggi nelle Canyonlands proveniva da lontane catene montuose come le ancestrali Montagne Rocciose e persino gli Appalachi. Per milioni di anni, la roccia è stata scomposta e trasportata qui dal vento e dall’acqua, creando depositi che alla fine sono diventati distinti strati di roccia sedimentaria.
Alcuni strati sono stati depositati dai fiumi, i loro canali sabbiosi circondati da paludi e laghi. Il vento ha portato alcuni degli strati più spessi, creando vasti deserti di sabbia o campi di dune sulle rive di un mare antico.
L’accumulo di roccia ha creato una torta a strati geologici, con la maggior parte del materiale nascosto sotto la superficie. Non c’erano canyon: solo vaste pianure che degradavano dolcemente in lontananza.
Molte delle rocce esposte a Canyonlands sono state depositate vicino al livello del mare. Oggi, l’elevazione media qui è di oltre 1.500 metri sul livello del mare – un sollevamento significativo.
Le Canyonlands fanno parte di una regione chiamata “Altopiano del Colorado”, un’area che si erge sopra il paese circostante. Circa 20 milioni di anni fa, il movimento nella crosta terrestre iniziò ad alterare il paesaggio del Nord America, costruendo morfologie moderne come le Montagne Rocciose, il bacino e la catena del Nevada e l’altopiano del Colorado. Alcuni geologi ritengono che l’altopiano sia salito fino a 3.000 metri dall’inizio del sollevamento.
Questi movimenti hanno anche creato crepe in cui la roccia fusa si è sollevata dalle profondità della Terra. In alcuni punti, si è raffreddata prima di raggiungere la superficie, creando sacche di roccia ignea più dura all’interno degli strati sedimentari circostanti. Alla fine, l’erosione ha esposto questi depositi più duri, creando le catene montuose isolate visibili da Canyonlands: le Sals, Henrys e Abajos.
Il paesaggio odierno è quello dell’erosione. Man mano che questa zona si elevava gradualmente, i fiumi che un tempo depositavano sedimenti sulle pianure iniziarono a rimuoverla dall’altopiano emergente. I fiumi Green e Colorado iniziarono a incidere la torta dello strato geologico, esponendo sedimenti sepolti e creando i canyon di Canyonlands.
Tuttavia, i fiumi non sono l’unica forza di erosione. I temporali estivi portano forti piogge che perlustrano il paesaggio. Alcuni strati si erodono più facilmente di altri. Man mano che la roccia più morbida si dissolve, strati di roccia più dura formano ripiani esposti, conferendo alle pareti del canyon il loro aspetto a gradini. Occasionalmente, una lastra di roccia più dura proteggerà uno strato più debole sotto di essa, creando rocce e torri bilanciate. Grandi esempi di questo sono visibili in Monument Basin a Island in the Sky e Land of Standing Rocks in The Maze.
L’acqua penetra anche nelle fessure della roccia, erodendole e allargandole fino a quando rimangono solo sottili guglie, come quelle che si trovano in The Needles.
Mentre il lavoro di erosione continua, le manifestazioni geologiche di oggi alla fine scompariranno, lasciando il posto a meraviglie future.

Flora –
Molti visitatori sono sorpresi dalla quantità di vegetazione presenti nel Parco nazionale delle Canyonlands.
Le piante sono componenti fondamentali per tutti gli ecosistemi e Canyonlands non fa eccezione. Le piante catturano il particolato nell’aria, filtrano gli inquinanti gassosi, convertono l’anidride carbonica in ossigeno, forniscono l’habitat animale e possiedono molte materie prime utili all’uomo.
I visitatori incontrano una varietà di specie vegetali, dai minuscoli licheni aggrappati all’arenaria ai maestosi pioppi che crescono sul fondo dei canyon. I fiori di campo sbocciano in primavera, i cactus compaiono tra la crosta nodosa del suolo biologico e le erbe a grappolo crescono in aperta campagna. Queste varie comunità ed ecosistemi consentono agli scienziati di ricercare come le piante si adattano a un mondo che cambia.
Molti adattamenti nelle foglie e nelle radici consentono alle piante di sopravvivere alle temperature estreme e all’aridità che si trovano a Canyonlands. Questi adattamenti sono raggruppati in tre categorie: fuggitivi alla siccità, resistenze alla siccità ed evasori alla siccità.
Le fuggitive della siccità sono piante che utilizzano condizioni di crescita favorevoli quando esistono. Queste piante sono generalmente annuali che crescono solo quando è disponibile abbastanza acqua. I semi possono rimanere dormienti per anni se le condizioni non sono favorevoli. I fiori di campo annuali primaverili sono fuggitivi. Germogliano dopo le piogge invernali e primaverili, e talvolta di nuovo dopo le piogge di fine estate.
I resistori a siccità sono tipicamente perenni. Molti hanno foglie piccole e spinose che riducono l’impatto della radiazione solare, e alcuni possono lasciar cadere le foglie se l’acqua non è disponibile. Spine e foglie pelose agiscono per ridurre l’esposizione alle correnti d’aria e alla radiazione solare, limitando la quantità di acqua persa per evaporazione. Cactus, yucca e muschi sono esempi di resistenze alla siccità. Le yucche hanno radici fittizie estese che sono in grado di utilizzare l’acqua oltre la portata di altre piante. Il muschio, una pianta non comunemente associata ai deserti, prospera perché può tollerare la completa disidratazione: quando finalmente tornano le piogge, i muschi si inverdiscono immediatamente.
Un altro adattamento estremo si trova nel ginepro dello Utah, uno degli alberi più comuni nel sud-ovest. Durante la siccità, i ginepri possono autopotarsi, deviando i liquidi da uno o più rami per conservare acqua a sufficienza per la sopravvivenza dell’albero.
Gli evasori della siccità, l’ultimo gruppo, sopravvivono nelle aree ripariali dove l’acqua è abbondante. Fiore di scimmia, colombina e felce capelvenere si trovano in alcove ben ombreggiate vicino a infiltrazioni o sorgenti gocciolanti. I pioppi neri e i salici richiedono molta acqua e crescono solo lungo corridoi fluviali e torrenti intermittenti dove le loro radici possono raggiungere facilmente la falda freatica.

Fauna –
Sebbene la quiete naturale del Parco nazionale delle Canyonlands crei spesso l’impressione di assenza di vita, molti animali vivono qui. Uccelli, lucertole e alcuni roditori sono visti più frequentemente, anche se le stagioni e il tempo giocano un ruolo importante nel determinare quali animali sono attivi.
Gli animali del deserto hanno una varietà di adattamenti per affrontare gli stress da temperatura e umidità presenti a Canyonlands. La maggior parte degli animali del deserto sono notturni, essendo più attivi di notte. Questo può essere un adattamento sia alla predazione che alle calde temperature diurne estive. Gli animali per lo più notturni includono ratti canguro, ratti dei boschi (chiamati anche ratti da soma) e la maggior parte degli altri piccoli roditori del deserto, puzzole, code ad anelli, volpi, linci rosse, leoni di montagna, pipistrelli e gufi.
Gli animali che sono più attivi all’alba e al tramonto sono chiamati “crepuscolari”. Queste ore del giorno sono più fresche di mezzogiorno. La penombra rende le prede meno visibili, ma la visibilità è sufficiente per individuare il cibo. Alcuni animali sono crepuscolari soprattutto perché la loro preda è crepuscolare. Gli animali crepuscolari includono cervi mulo, coyote, istrici, silvilago del deserto, lepri dalla coda nera e molti uccelli canori.
Alcuni animali del deserto sono attivi principalmente durante il giorno, o “diurni”. Questi includono scoiattoli di roccia, scoiattoli antilopi, scoiattoli, lucertole, serpenti, falchi e aquile. Molti animali hanno un intervallo di temperatura in cui sono attivi, quindi modifica le loro ore attive del giorno a seconda della stagione. Serpenti e lucertole entrano in uno stato inattivo di torpore durante l’inverno, sono attivi durante il giorno durante la tarda primavera e l’inizio dell’autunno e diventano crepuscolari durante la calura estiva. Molti insetti alterano i loro tempi di attività. Ad esempio, le zanzare possono stare fuori tutta la notte, tutto il giorno o all’alba o al tramonto, a seconda della temperatura.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *