Cornus florida

Cornus florida

Il Corniolo fiorito (Cornus florida L.) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Cornaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Sottoclasse Rosidae, Ordine Cornales, Famiglia Cornaceae e quindi al Genere Cornus ed alla Specie C. florida.
Sono sinonimi i termini:
– Benthamia florida (L.) Nakai;
– Benthamidia florida (L.) Spach;
– Cornus candidissima Mill.;
– Cynoxylon floridum (L.) Britton & Shafer;
– Swida candidissima (Mill.) Small;
– Cornus urbiniana Rose.

Etimologia –
Il termine Cornus proviene dalla radice indoeuropea kar essere duro, passata al latino cornus corno, a sottolineare il legno duro e robusto.
L’epiteto specifico florida è in riferimento alla sua presunta origine o diffusione in Florida, USA.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Corniolo fiorito è una pianta originaria del Maine, in Nord America orientale, e del Messico settentrionale. Una popolazione endemica una volta si estendeva dalla costa meridionale del Maine, a sud, fino alla Florida settentrionale e ad ovest fino al fiume Mississippi.
È diffuso nell’Ontario meridionale, nell’Illinois, nel Kansas, nel sud, in Florida, Texas e Messico. È l’albero dello stato del Missouri e della Virginia.
Il suo habitat naturale è quello dei margini della foresta e spesso su creste asciutte.

Descrizione –
Il corniolo fiorito è un piccolo albero deciduo che cresce fino a 10 m di altezza, spesso con una chioma larga, soprattutto a maturità, con un diametro del tronco fino a 30 cm.
Le foglie sono opposte, semplici, ovate, lunghe 6–13 cm e larghe 4-6 cm, con un margine apparentemente intero (in realtà molto finemente dentato se visto con ingrandimento); queste diventano di colore rosso-marrone in autunno.
I fiori sono piccoli e poco appariscenti, con quattro brattee giallo-verdastre lunghe 4 mm. sono raggruppati (in un numero intorno a 20) in una densa infiorescenza arrotondata a forma di ombrella , o capolino, di 1–2 cm di diametro. Il capolino è circondato da quattro grandi e vistosi “petali” bianchi, rosa o rossi (in realtà brattee) e ciascuna brattea è lunga 3 cm e larga 2,5 cm, arrotondata e spesso con una tacca distinta all’apice. I fiori sono ermafroditi.
In genere fioriscono all’inizio di aprile nella parte meridionale del loro areale, fino alla fine di aprile o all’inizio di maggio nelle zone settentrionali e di alta quota.
Il frutto è un grappolo da due a dieci drupe separate, ciascuna lunga 10-15 mm e larga circa 8 mm, che maturano a fine estate ed assumono mentre vanno cadendo un colore rosso brillante, o occasionalmente giallo con un rossore rosato.
La durata massima di questo albero è di circa 80 anni.

Coltivazione –
Il corniolo fiorito predilige terreni umidi e acidi in zone in penombra pomeridiana, ma buon sole mattutino.
Non cresce bene se esposto a fonti di calore intenso come parcheggi adiacenti o compressori di aria condizionata. Ha anche una bassa tolleranza alla salinità. Il range di pH del suolo può variare da 5 a 9 e il pH preferito è compreso tra 6,0 e 7,0, su suoli ben drenati.
Negli ambienti urbani e suburbani, è necessario prestare attenzione a non infliggere danni con le falciatrici al tronco o alle radici, poiché ciò aumenta la suscettibilità dell’albero alle malattie e alla pressione dei parassiti.
Questa pianta è stata inserita nella lista delle specie minacciate di estinzione in Ontario. Nelle regioni in cui il corniolo antracnosi è un problema, i proprietari di case e i gestori di terreni pubblici vengono invitati a conoscere i sintomi e a ispezionare frequentemente gli alberi. La selezione di piante da piantagione sane e prive di malattie è essenziale e il trapianto di alberi dalla foresta dovrebbe essere evitato.
Il legno morto e le foglie dovrebbero essere potati e completamente rimossi e distrutti ogni anno. Le piante vanno annaffiate settimanalmente durante la siccità, con annaffiature fatte al mattino, evitando di bagnare il fogliame.
In caso di necessità si possono utilizzare fungicidi registrati seguendo i servizi di assistenza tecnica locali.
Per quanto riguarda la propagazione, queste piante, in primavera o all’inizio dell’estate, possono essere sottoposte a moltiplicazione praticando talee semilegnose; in primavera è anche possibile propagare le piante per semina, utilizzando i semi dell’anno precedente. Il metodo migliore per la moltiplicazione è quello della margotta, ma è possibile ottenere nuovi arbusti utilizzando le nuove propaggini.
Il cornus florida è uno degli alberelli ornamentali più amati ed ambiti dai giardinieri. È apprezzato in particolar modo per il suo portamento elegante e per la spettacolare ed elegantissima fioritura. Date le sue dimensioni relativamente contenute, oltre che in piena terra, può essere coltivato in grandi vasi su balconi e terrazzi. Per ottenere una esemplare longevo e vigoroso sono necessarie alcune specifiche condizioni colturali e anche una buona dose di esperienza.
Il corniolo fiorito è ampiamente coltivato in tutto il mondo temperato .
Mentre la maggior parte degli alberi selvatici ha brattee bianche, alcune cultivar selezionate di questo albero hanno anche brattee rosa, alcune addirittura quasi un vero rosso.
Per quanto riguarda le cultivar selezionate ricordiamo:
– Amerika Touch-O-Pink – con grandi brattee, sfumate di rosa; foglie grandi; buona resistenza alle malattie;
– Appalachian Spring – con grandi brattee bianche; fogliame autunnale rosso; resistente al corniolo antracosi;
– Autumn Gold – presenta brattee bianche con colore giallo autunnale;
– Barton: grandi brattee bianche; fiorisce in tenera età; resistente al cancro del fusto e all’oidio;
– Bay Beauty – doppie brattee bianche; resiste al caldo e alla siccità; buono per il profondo sud del suo areale;
– Cherokee Daybreak – brattea bianca; vigoroso con foglie variegate;
– Capo Cherokee – brattee rosse;
– Cherokee Brave – Ancora più rosso dello Cherokee Chief, brattee più piccole ma di colore rosso scuro; costantemente resistente all’oidio;
– Cherokee Princess – vigorose brattee bianche, standard industriale per i fiori bianchi;
– Cherokee Sunset – brattee rosso violacee; fogliame variegato;
– Gulf Coast Pink – il miglior corniolo fiorito rosa della Florida – solo nella parte settentrionale;
– Hohman’s Gold – presenta brattee bianche e fogliame variegato;
– Jean’s Appalachian Snow – grandi brattee bianche sovrapposte con fiori verdi; molto resistente all’oidio;
– Karen’s Appalachian Blush- delicate brattee bianche bordate di rosa; una certa resistenza all’oidio;
– Kay’s Appalachian Mist – brattee bianche cremose e rigide; fogliame autunnale rosso; buona resistenza all’oidio;
– Plena – doppie brattee bianche; antracnosi –resistente;
– Purple Glory – brattee rosse; fogliame viola; antracnosi-resistente ma suscettibile al cancro dello stelo;
– Weaver White – grandi fiori bianchi; foglie grandi; forma a candelabro; buono nella Florida centro-settentrionale.

Usi e Tradizioni –
Il Cornus florida è comunemente piantato come pianta ornamentale in aree residenziali e pubbliche a causa delle sue vistose brattee e dell’interessante struttura della corteccia.
I nativi americani usavano la corteccia e le radici in un rimedio per la malaria; dalle radici è stato anche estratto un colorante rosso. Questa pianta è stata utilizzata nella produzione di inchiostri, coloranti scarlatti e come sostituto del chinino. Il legno duro e denso è stato utilizzato per prodotti come teste di mazze da golf, mazze, denti di rastrello in legno, manici di attrezzi, scatole da gioielliere e blocchi da macellaio.
Il Cornus florida è l’albero e il fiore dello Stato della Virginia , l’ albero dello Stato del Missouri e il fiore dello Stato della Carolina del Nord.
Un tempo veniva utilizzato per trattare i cani con la rogna.
Le bacche rosse non sono commestibili, nonostante alcune voci discordanti.
Nel 1915, quaranta alberelli di corniolo furono donati dagli Stati Uniti al Giappone nello scambio di fiori del 1912-15 tra Tokyo e Washington, mentre gli alberi di ciliegio in fiore sopravvissero alle successive relazioni aspre di questi due paesi e sono la caratteristica principale del National Cherry Blossom Festival; tutti gli alberi di corniolo a Tokyo sono morti tranne quello che era stato piantato in una scuola superiore di agricoltura. Nel 2012, gli Stati Uniti hanno inviato 3.000 alberelli di corniolo in Giappone per commemorare il centenario dei ciliegi di Washington, donati agli Stati Uniti dal Giappone nel 1912.
Dal punto di vista ecologico il Cornus florida è un importante fonte di cibo per decine di specie di uccelli, che poi distribuiscono i semi. È anche una pianta che ospita le larve di diverse varietà di lepidotteri, tra cui Eudeilinia herminiata, il corniolo tiatiride, Antispila cornifoliella, il lepidottero rosa, la falena dei grandi archi, la piralide della corteccia di noci pecan, la piralide del corniolo, la rosacea, la falena epinotia dal dorso diamantato, le tarme primaverili, le falene cecropia e la Aglais Io.
Il Cornus florida, sebbene non sia velenoso per l’uomo, ha dei frutti estremamente acidi e dal sapore sgradevole.

Modalità di Preparazione –
Il Corniolo fiorito un tempo veniva utilizzato dai nativi americani che usavano la corteccia e le radici per preparare rimedi contro la malaria.
Inoltre, sempre in passato, dalle radici è stato anche estratto un colorante rosso. Infatti questa pianta è stata utilizzata nella produzione di inchiostri, coloranti scarlatti e come sostituto del chinino.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.