Gallinago gallinago

Gallinago gallinago

Il beccaccino (Gallinago gallinago Linnaeus, 1758) è un uccello appartenente alla famiglia dei Scolopacidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Superclasse Tetrapoda, Classe Aves, Sottoclasse Neornithes, Ordine Charadriiformes, Famiglia Scolopacidae e quindi al Genere Gallinago ed alla Specie G. gallinago.
Sono riconosciute due sottospecie:
– G. g. faeroensis;
– G. g. gallinago.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il beccaccino è un uccello presente in tutto il mondo tranne che in Oceania.
Nidifica in tutto il continente europeo con esclusione del bacino del Mediterraneo. In Italia è raramente nidificante, tranne che in alcuni ambienti palustri.
Il suo habitat durante la migrazione e lo svernamento è rappresentato soprattutto da paludi, prati umidi, praterie e risaie; in ogni caso le aree di svernamento principale si trovano nell’Africa settentrionale ed equatoriale.

Descrizione –
Gallinago gallinago è un uccello di medie dimensioni che raggiunge mediamente una lunghezza di 26-28 cm, con un’apertura alare di 44-49 cm ed un peso di 170-250 grammi.
Il piumaggio si presenta variegato con tinte brune, rossicce e crema. Gli adulti sono indistinguibili tra di loro ed anche i giovani sono molto simili agli adulti.
Il capo ha una colorazione crema con due grosse strie scure che partono dal becco e passano sopra gli occhi arrivando fino alla nuca. Un’altra stria marrone parte dal becco e arriva alla nuca e infine altre due meno accennate sono sotto gli occhi.
Il petto è di color crema con fitte screziature marroni che sfumano verso l’addome bianco e i fianchi sono bianchi con delle evidenti barrature nere.
Le ali presentano nella parte superiore una colorazione marrone con una bordatura bianca sulla parte posteriore nella metà vicina al corpo, mentre inferiormente assumono una colorazione uniformemente grigia.
Il becco è di colore verde grigio e sfuma al nero verso la punta. Le zampe sono lunghe e verdastre.

Biologia –
Il beccaccino è una specie monogama che costruisce il nido tra l’erba e i giunchi, a volte tra l’erica, in depressioni del terreno, ben nascosto, dove la femmina depone 3-4 uova che vengono covate per un periodo di circa 20 giorni. Dopo la schiusa i pulcini saranno pronti a lasciare il nido e dopo 15 giorni sono in grado di volare.
Entrambi i genitori provvedono comunque ad accudire i pulcini.
Caratteristica è la parata nuziale durante la quale emette un canto simile ad un U-U-U-U, mentre quando è in volo si possono udire degli gnec-gnec.

Ruolo Ecologico –
Il Gallinago gallinago è una specie prevalentemente solitaria anche se è possibile osservarlo in piccoli raggruppamenti sparsi di pochi individui soprattutto durante le migrazioni.
È un uccello di difficile individuazione individuazione quando è posato sull’acqua nei pressi della vegetazione palustre, aiutato dal suo notevole mimetismo.
È più facile osservarlo quando viene disturbato improvvisamente e si invola emettendo i caratteristici versi con un volo a “zig-zag” per poi riposarsi a una certa distanza.
L’alimentazione di questo volatile è rappresentata da crostacei, vermi, insetti e vegetali; per fare questo usa il suo lungo e sensibile becco con il quale sonda il terreno fangoso e morbido per riconoscere e catturare le sue piccole prede.
Attualmente questa specie ha un’ampia area di distribuzione, che viene valutata in oltre 10.000.000 km², con una popolazione stimata di 5.400.000 – 7.500.000 individui. In base ai criteri della IUCN Red List è considerata a basso rischio (LC).

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– C.Battisti, D. Taffon, F. Giucca, 2008. Atlante degli uccelli nidificanti, Gangemi Editore, Roma.
– L. Svensson, K.Mullarney, D. Zetterstrom, 1999. Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente, Harper Collins Editore, Regno Unito.

Link per acquistare su Amazon



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *