Picea glauca

Picea glauca

Il Peccio canadese o peccio azzurro (Picea glauca (Moench) Voss, 1907) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Pinaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Pinophyta, Classe Pinopsida, Ordine Pinales, Famiglia Pinaceae e quindi al Genere Picea ed alla Specie P. glauca.
Esistono numerosi sinonimi per questa specie che sono:
– Abies alba var. caerulea J.Nelson;
– Abies alba var. nana Jacques;
– Abies alba var. virescens (R.Hinterh. & J.Hinterh.) Nyman;
– Abies artica A.Murray bis;
– Abies canadensis Mill.;
– Abies canadensis var. aurea J.Nelson;
– Abies coerulea Lodd. ex J.Forbes;
– Abies laxa (Münchh.) K.Koch;
– Abies rubra var. violacea Loudon;
– Abies virescens R.Hinterh. & J.Hinterh.;
– Picea acutissima Beissn.;
– Picea alba (Münchh.) Link;
– Picea alba var. foetida Penh.;
– Picea alba var. pendula Carrière;
– Picea canadensis var. albertiana Rehder;
– Picea canadensis var. glauca (Moench) Sudw.;
– Picea canadensis f. parva Vict.;
– Pinus canadensis var. pendula (Carrière) C.K.Schneid.;
– Picea coerulea (Lodd. ex J.Forbes) Link;
– Picea glauca f. aurea (J.Nelson) Rehder;
– Picea glauca f. buxoides J.R.Schramm;
– Picea glauca f. caerulea (J.Nelson) Rehder;
– Picea glauca f. conica Rehder;
– Picea glauca var. glauca;
– Picea glauca f. glauca;
– Picea glauca f. nana (Jacques) Rehder;
– Picea glauca f. parva Fernald & Weath.;
– Picea glauca var. pendula (Carrière) Hornibr.;
– Picea laxa Sarg.;
– Pinus abies var. alba Münchh.;
– Pinus abies var. laxa Münchh.;
– Pinus alba (Münchh.) Aiton;
– Pinus alba var. arctica (A.Murray bis) Parl.;
– Pinus canadensis var. alba (Münchh.) Castigl.;
– Pinus glauca Moench;
– Pinus laxa (Münchh.) Ehrh.;
– Pinus tetragona Moench.

Etimologia –
Il termine Picea viene da picea, nome latino del pino selvatico in Virgilio e Plinio. L’epiteto specifico glauca proviene dal greco γλαυκός glaucós glauco, azzurro verdognolo o grigio azzurro: per il colore delle foglie.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’ Abete del Canada è la specie arborea più importante nelle foreste boreali del continente nordamericano, dall’Alaska fino alla costa atlantica, inclusa l’isola di Terranova, con estensione meridionale fino al Montana, Minnesota e Maine, dove, in gran parte del suo areale, cresce in formazioni prevalentemente pure con saltuaria presenza della Betula papyrifera e di altre conifere.
Il suo habitat è rappresentato da aree con su suoli usualmente di origine fluviale o glaciale, lievemente acidi o neutri e di frequente podzolici, dove vegeta dal livello del mare, soprattutto nelle aree più a nord, fino ai 1.900 m, nelle aree più a sud.
L’areale di crescita è caratterizzata da inverni freddi ed estate mediamente calde con precipitazioni annue che variano dai 200 ai 1250 mm, dove, in funzione delle condizioni climatiche, questa specie ha una stagione vegetativa molto variabile.

Descrizione –
Picea glauca è una specie arborea, che si sviluppa in altezza dai 30 fino ai 50 metri.
Il tronco può raggiungere un diametro di un metro ed ha una corteccia sottile, caratterizzata da scaglie desquamanti di circa 10 cm di diametro.
La cima di questo albero ha una forma conica negli esemplari giovani mentre tende a diventare cilindrica con il trascorrere degli anni.
Le foglie sono degli aghi di lunghezza variabile dai 12 ai 20 mm, che hanno sezione rombica, con una colorazione blu-verdastra (da cui l’epiteto specifico) nella pagina superiore dove sono presenti numerose linee stomatiche, e blu-biancastro in quella inferiore dove sono allocate due larghe bande di stomi.
Le pigne crescono con direzione pendula ed hanno la forma di cilindri affusolati, di 3 – 7 cm di lunghezza e 1,5 cm di larghezza; ad apertura di queste la dimensione è di 2,5 cm. le pigne sono caratterizzate da scaglie sottili e flessibili di circa 15 mm, con margine arrotondato. Hanno un colore verde o rossastro all’inizio per divenire con la maturazione di colore marrone chiaro, che si ha dopo circa 4-6 mesi dall’impollinazione.
All’interno troviamo dei semi di colore nero, di 2-3 mm di lunghezza con un’ala esile di colore marrone più chiaro di 5 – 8 mm di lunghezza.

Coltivazione –
La tecnica di coltivazione di questa specie arborea è molto simile ad altre specie affini e comunque si consiglia di porre a dimora le piante in luogo soleggiato; nelle zone a clima particolarmente caldo è bene riparare la pianta a mezz’ombra o all’ombra completa.
Picea glauca è una pianta che non teme il freddo, preferendo i climi temperati a quelli molto caldi. Le piante di questa varietà si pongono a dimora indifferentemente in primavera o in autunno.
Per quanto riguarda l’irrigazione si consideri che sono alberi che non amano la siccità, anche se sopportano brevi periodi senza pioggia, per cui nel caso di lunghi periodi in cui le precipitazioni sono assenti, è bene annaffiare la pianta abbondantemente, almeno una volta ogni settimana, per lo meno nei primi stadi giovanili.
Prima dell’impianto si consiglia di interrare alla base della pianta del concime organico; se poste a dimora in terreni eccessivamente alcalini è bene fornire del sequestrene o del ferro alle piante, ogni 3-4 anni, per evitare lo scolorimento degli aghi.
Infatti è una pianta che predilige terreni ricchi, leggermente acidi, ben drenati ed a tendenza umida; inoltre non ama i suoli eccessivamente sabbiosi.
La moltiplicazione di questa pianta può essere effettuata per seme o per talea, in primavera. Si consiglia, inoltre, di porre a dimora i semi in un terreno ricco di sostanze nutritive e in contenitori appositi, che andranno tenuti al riparo fino a quando i nuovi germogli non abbiamo acquisito forza.

Usi e Tradizioni –
Il Peccio canadese, all’interno del suo areale, riveste una notevole importanza economica, oltre che ecologica, per il suo legno. Si tratta infatti di un materiale alquanto tenace e ben lavorabile, è utilizzato in edilizia e nell’industria cartaria.
Con questo legno si costruiscono, soprattutto in Alaska, le caratteristiche baite realizzate spesso con tronchi di peccio bianco, con la corteccia lasciata sulla parte rivolta all’esterno.
Il legno di questa pianta viene inoltre utilizzato nel settore della carpenteria, falegnameria, per effettuare finiture in legno e pavimentazioni interne.
Usi minori di questo legno sono quelli per la realizzazioni di strumenti musicali e pagaie per le canoe.
Un altro utilizzo importante è quello ornamentale che va fatto però nelle aree tipiche del suo habitat.
Dal punto di vista ecologico Picea glauca, per via del suo esteso areale e per lo stato di conservazione di questo viene classificata come specie a rischio minimo nella Lista rossa IUCN.

Modalità di Preparazione –
Il Peccio azzurro, oltre agli utilizzi del legname e gli scopi ornamentali non ricopre particolari usi in campo alimentare o farmaceutico.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.