Zelkova carpinifolia

Zelkova carpinifolia

L’Olmo del Caucaso o Zelkova crenata (Zelkova carpinifolia (Pall.) K. Koch) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Ulmaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Rosales, Famiglia Ulmaceae e quindi al Genere Zelkova ed alla Specie Z. carpinifolia.

Etimologia –
Il termine Zelkova deriva dalla parola tselkwa che il nome caucasico della Zelkova carpinifolia. L’epiteto specifico carpinifolia proviene da Carpinus, a sua volta derivato dalla radice sanscrita kar essere duro e dal latino pínus pino e da folium foglia: cioè con foglie simili al carpino.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’Olmo del Caucaso è una pianta originario di una regione tra il Caucaso e l’Iran. Quest’albero è stato introdotto in Europa intorno a metà del Settecento per scopi ornamentali.

Descrizione –
La Zelkova carpinifolia è un albero che può raggiungere i 30 metri di altezza con aspetto imponente e con una fitta chioma che arriva quasi sino a terra. Il tronco è molto ramificato con impalcatura a breve distanza dalla base; questo è profondamente scanalato e rivestito di una scorza opaca, rugosa, grigiastra e desquamata in piccole placche irregolari. Le foglie sono decidue, alterne, ellittiche, lunghe dai 5 ai 9 cm, con apice acuto e margine dentato, che in autunno assumono un bel colore rosso arancio.
Si tratta di una pianta monoica con i fiori maschili disposti in glomeruli sessili, ascellari, giallo-verdastri e quelli femminili isolati, solitari, ascellari e di colore verdognolo. Il frutto è un achenio legnoso, subgloboso, asimmetrico, apicolato, di 5-8 mm.

Coltivazione –
La Zelkova Carpinifolia è una pianta rustica e senza particolari esigenze anche se preferisce il clima mite e, per la sua mole, deve essere coltivata in parchi e giardini con grandi spazi. Esige comunque un pH del suolo che sia tra 5,5 e 7,5, con esposizione in pieno sole e mezzombra e sopporta temperature fino a -30 °C. bisogna però sapere che i giovani alberi possono essere suscettibili alle gelate. Per quanto riguarda gli aspetti di manutenzione ha la tendenza a sviluppare ramificazioni inserite con angolo molto acuto, con conseguenti problemi di stabilità strutturale ed a produrre poco estetici polloni alla base che vanno periodicamente tagliati. Resiste all’inquinamento ed anche per questo può essere utilizzata lungo le strade.

Usi e Tradizioni –
L’Olmo del Caucaso è una pianta che, nel settore ornamentale diviene attraente soprattutto in autunno, quando le foglie assumono una tonalità giallo-oro. Il suo utilizzo è a tutt’oggi da considerarsi prevalentemente di tipo ornamentale. È una specie caratterizzata da una crescita lenta è essenza longeva ed ha il vantaggio di resistere alla grafiosi dell’olmo.
Il legno bruno-giallastro è simile a quello degli olmi, tuttavia la brevità del tronco ne limita l’utilizzo.

Modalità di Preparazione –
La Zelkova Carpinifolia non ha particolari utilizzi ai fini alimentari o farmaceutici; anche la caratteristica del tronco ne limita l’utilizzo del legname per falegnameria o lavori particolari. Ha invece una interessante uso in capo ornamentale, anche per le sue cromature del periodo autunnale.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *