Catathelasma imperiale

Catathelasma imperiale

Il fungo patata (Catathelasma imperiale (Quél.) Singer, 1940) è un fungo appartenente alla famiglia Tricholomataceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Sottodivisione Agaricomycotina, Classe Agaricomycetes, Sottoclasse Agaricomycetidae, Ordine Agaricales, Famiglia Tricholomataceae e quindi al Genere Catathelasma ed alla Specie C. imperiale.
Sono sinonimi i termini Biannularia imperialis (Fr.) Beck. e Armillaria imperialis Quél.

Etimologia –
Il termine Catathelasma è di etimologia controversa. Non chiare le intenzioni dell’autrice, la micologa statunitense Ruth Ellen Harrison Lovejoy; il Dizionario etimologico dei nomi botanici di Genaust suggerisce due possibilità: dal greco κατά catá in giù, in basso e da θηλασμός thelasmós allattamento (in Plutarco) perché le lamelle decorrenti verso il basso e la forma del gambo subradicante ricordano una mammella succhiata durante l’allattamento, oppure dal greco καταθέω katatheo correre giù (nella Cyropedia di Senofonte) sempre riferito alle lamelle decorrenti sul gambo. L’epiteto specifico imperiale proviene da imperatore: per la grande taglia rispetto alle altre specie del genere di appartenenza.
Il termine volgare fungo patata è dovuto al fatto che cresce profondamente interrato fino quasi al termine del suo sviluppo.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il fungo patata si trova gregario o in gruppi più o meno numerosi nei boschi di conifere, dall’estate all’autunno.

Riconoscimento –
Catathelasma imperiale si riconosce per avere un cappello è carnoso di 6-20 cm, convesso, di colore bruno, spesso screpolato e con margine assai involuto. Le lamelle sono decorrenti, strette, di colore biancastro tendente ad imbrunire. Il gambo di 6-12 x 2,5-5 cm, è sodo, screpolato trasversalmente, biancastro. L’anello è doppio, di colore bruno chiaro. La carne è soda, bianca, con sapore gradevole, anche se astringente, e forte odore tra il farinoso e il cocomerino. Al microscopio si notano delle spore bianche.

Coltivazione –
Non si conoscono coltivazione del Catathelasma imperiale.

Usi e Tradizioni –
Il Catathelasma imperiale è un fungo che può raggiungere anche pesi notevoli, vicino o superiori al Kg., rivestito sul gambo da una grossa armilla che ne riveste la quasi interezza, odore che ricorda l’anguria e sapore un pò acidulo che viene comunemente raccolto per preparazioni sott’olio, o sottaceto, vista la compattezza e l’abbondanza della carne. Il fungo non è molto adatto ad altri usi culinari per l’odore non a tutti gradito.
Può confondersi con il raro Tricholoma colossus per la stazza, la crescita semi ipogea, la compattezza della carne e le colorazioni. Quest’ultimo, tuttavia, è mancante di anello e di armilla e ha carne bianca ma virante lentamente al crema-rosato e poi al bruno-rosato.

Modalità di Preparazione –
Il fungo patata rientra tra le specie commestibili e viene considerato da alcuni autori buono soprattutto se conservato sott’olio, dopo averlo scottato per 5-6 minuti in una miscela di aceto e vino bianco (1 parte a 3) salata con una manciata di sale, aromatizzato con alloro e pepe. È invece mediocre da fresco.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Cetto B., 2008. I funghi dal vero, Saturnia, Trento.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *