Simarouba amara

Simarouba amara

La Simarouba amara (Simarouba amara Aubl. 1775) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Simaroubaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Sapindales,
Famiglia Simaroubaceae,
Genere Simaba,
Specie S. amara.
Sono sinonimi i termini:
– Pistacia americana Mill.;
– Quassia dioica P.J.Bergius;
– Quassia simarouba W.Wright;
– Quassia simaruba L.f.;
– Simarouba amara Hayne;
– Simarouba amara var. amara Aubl.;
– Simarouba amara var. opaca Engl.;
– Simarouba amara var. puberula Cuatrec.;
– Simarouba amara var. typica Cronquist;
– Simarouba opaca (Engl.) Radlk.;
– Simarouba opaca (Engl.) Radlk. ex Boas;
– Simarouba opaca (Engl.) Radlk. ex Engl.;
– Simaruba amara Aubl.;
– Zwingera amara (Aubl.) Willd..

Etimologia –
Il termine Simaba è in riferimento alla famiglia delle Simaroubaceae e proviene dal linguaggio caraibico.
L’epiteto specifico amara è in riferimento al sapore amaro, acre, per il sapore di parti della pianta.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Simarouba amara è un albero che si trova nelle foreste pluviali e nelle savane dell’America meridionale e centrale e dei Caraibi.
L’area di origine è neotropicale, nell’’ecoregione dell’America centrale e meridionale. Il suo areale si estende dal Guatemala a nord, alla Bolivia a sud e dall’Ecuador a ovest, fino alla costa orientale del Brasile.
Questa pianta è stata introdotta nelle isole di Dominica e Porto Rico nel Mar dei Caraibi, naturalizzandosi a Porto Rico.
Si trova con notevole frequenza in Ecuador e nella Guyana francese.
L’analisi genetica delle popolazioni suggerisce che è sempre stata relativamente comune all’interno del suo areale.
Il suo habitat è quello delle foreste pluviali e nelle savane. Le piantine di S. amara sono rare nella foresta primaria a causa del loro portamento che richiede luce; la loro distribuzione altimetrica e fino ad altitudini di 800 metri.

Descrizione –
La Simarouba amara è un albero che cresce fino a 35 metri di altezza, con un diametro massimo del tronco di 125 cm e un’età massima stimata di 121 anni.
Le foglie sono composte e lunghe circa 60 cm ciascuna; i piccioli sono lunghi 4–7 cm e ogni foglia ha 9–16 foglioline. Ogni fogliolina è lunga 2,5–11 cm e larga 12–45 mm, con quelle verso l’estremità della foglia composta che tendono ad essere più piccole.
I fiori sono portati su una pannocchia staminale lunga circa 30 cm, ampiamente ramificata e densamente ricoperta di fiori. I fiori sono unisessuali, piccoli (<1 cm di lunghezza) e di colore giallo pallido. Si pensa che siano impollinati da insetti come piccole api e falene.
È una specie dioica con alberi maschi o femmine e producono solo fiori maschili o femminili.
Sull’isola di Barro Colorado (Panama), tende a fiorire durante la stagione secca, da fine gennaio a fine aprile, persistendo per 11-15 settimane all’anno. In Costa Rica fiorisce leggermente più tardi, tra marzo e luglio, con un picco ad aprile.
I frutti si formano tra 1 e 3 mesi dopo l’impollinazione e sono di colore da verde brillante a nero-violaceo, lunghi circa 17 mm e contengono semi grandi (10–14 mm), si trovano in gruppi di 3–5 drupe. I semi non possono rimanere dormienti e vengono dispersi dai vertebrati. Ogni seme pesa circa 0,25 g.

Coltivazione –
La Simarouba amara è un albero sempreverde che produce una nuova serie di foglie una volta all’anno. Questa pianta, per poter crescere bene, richiede livelli di luce relativamente elevati ma vive per un tempo relativamente breve.
Questa pianta ha anelli di crescita visibili, ma indistinti, larghi in media 7 mm. Uno studio condotto su individui a Panama ha rilevato che crescono in media 8,4 mm di diametro all’anno, mentre in Costa Rica sono stati registrati tassi di crescita fino a 18 mm all’anno e lo stelo cresce costantemente durante tutto l’anno.
I vasi xilematici negli alberi maturi hanno un diametro compreso tra 20 e 90 μm, con circa 50 vasi presenti per mm2 di ramo.
È una specie a crescita rapida, esigente alla luce e intollerante all’ombra. Gli alberelli sono tipicamente diritti, con diverse foglie composte e un solo punto di crescita. Ciò consente all’alberello di ottenere la massima crescita verticale con una quantità minima di biomassa. La ramificazioni inizia quando sono alti 2-5 m.
Gli individui in genere non si riproducono fino a quando non hanno un diametro del tronco di 30 cm. Una volta maturi, gli alberi producono fiori ogni anno, ma non tutte le femmine producono frutti ogni anno.
La loro morfologia floreale è utile per l’impollinazione di piccoli insetti come api e falene.
I semi di S. amara sono dispersi dai vertebrati, principalmente grandi uccelli e mammiferi, tra cui chachalaca, pigliamosche, motmot, tordi, scimmie urlatrici, tamarini e scimmie ragno. È stato anche osservato che le formiche tagliafoglie disperdono i semi e si formano fitti tappeti di semina nelle aree in cui scaricano materiale di scarto, ma la maggior parte delle piantine muore e si ritiene che la dispersione da parte delle formiche non sia importante nel determinare i modelli a lungo termine di reclutamento e dispersione.
I semi che vengono mangiati dalle scimmie hanno maggiori probabilità di germogliare rispetto ai semi che non lo hanno fatto. È stato anche notato che i pipistrelli fillostomidi mangiatori di frutta disperdono i loro semi; questo può aiutare la rigenerazione delle foreste poiché disperdono i semi delle specie successive alla successione mentre si nutrono di S. amara.
Nella foresta ci sono molti semi e piantine sotto le femmine riproduttive; i dati genetici indicano che è improbabile che le piantine provengano da adulti vicini, ma piuttosto disperse lì da vertebrati che si sono nutriti di un albero e poi si sono spostati per nutrirsi di un altro, defecando mentre si trovavano nella chioma e depositando i semi.
In generale è una pianta di facile coltivazione, se vengono rispettate le sue esigenze di luminosità e pedoclimatiche. Si consideri che questa pianta si trova nei tropici umidi ad altitudini fino a 800 metri. Cresce meglio in zone dove la temperatura media annua è compresa tra 22 e 29°C, ma può tollerare un intervallo di 18 – 34 °C.
Preferisce una piovosità media annua nell’intervallo 2.000 – 3.000 mm, ma tollera 1.200 – 4.000 mm, crescendo in aree con una stagione secca distinta e dove non c’è stagione secca. È una pianta che tollera l’ombra e predilige i terreni sabbiosi allo stato selvatico.
In natura si trova sui suoli rocciosi e calcarei poco profondi dei pendii e delle creste montuose, nonché sui suoli più profondi degli anfratti e delle pianure alluvionali.
La pianta sviluppa un apparato radicale poco profondo, spesso adatto a terreni montani e preferisce un pH compreso tra 6 e 8, tollerando 5,5 – 8,5.
La propagazione nelle coltivazioni può avvenire per seme che va seminato non appena maturo in posizione parzialmente ombreggiata in contenitori singoli. Di solito ci si può aspettare un tasso di germinazione moderato, con la germinazione del seme entro 20 – 40 giorni.
Quando le piantine raggiungono i 4 – 6 cm di altezza vanno poste in vasi singoli da dove verranno trapiantate do po un periodo di accrescimento di 4 – 5 mesi.

Usi e Tradizioni –
La Simarouba amara è una pianta che è stata descritta la prima volta da Jean Baptiste Christophore Fusée Aublet (Novembre 4, 1720 – Maggio 6, 1778) nella Guyana francese nel 1775 ed è una delle sei specie di Simarouba.
Questa pianta viene usata localmente per la produzione di carta, mobili, compensato e fiammiferi ed è anche usato nelle costruzioni.
Viene anche coltivata in piantagioni, poiché il suo legname luminoso e leggero è molto ricercato nei mercati europei per l’uso nella produzione di mobili e impiallacciature di pregio. Il legno asciuga rapidamente ed è facile da lavorare con i normali attrezzi. È di colore da bianco crema a giallo chiaro, con una consistenza grossolana e una grana dritta. Deve essere trattato per evitare che funghi, insetti xilofagi e termiti lo mangino. Il durame ha una densità di 0,35–0,45 g/cm3. È stato notato che è una delle migliori specie di legname che può essere coltivata nell’Amazzonia peruviana, insieme a Cedrelinga catenaeformis, grazie alle sue caratteristiche di rapida crescita.
Il Fondo mondiale per la natura raccomanda ai consumatori di garantire che il legname di S. amara sia certificato dal Forest Stewardship Council in modo da non contribuire alla deforestazione.
Trucioli di legno di S. amara sono stati utilizzati nella lettiera degli animali portando all’avvelenamento di cavalli e cani.
Nell’uso medicinale le foglie e la corteccia hanno una lunga storia, soprattutto ai tropici, in particolare nel trattamento della malaria, delle febbri e della dissenteria; come astringente per fermare l’emorragia e come tonico.
Questi sono anche usati come digestivo, emmenagogo e per curare i parassiti sia all’interno che sul corpo.
La ricerca ha scoperto una serie di composti medicamente attivi nella pianta. I principali composti attivi sono un gruppo di triterpeni chiamati quassinoidi. Le proprietà antiprotozoiche e antimalariche di queste sostanze chimiche sono state documentate per molti anni. Molti dei quassinoidi trovati nella simarouba, come l’ailantinione, il glaucarubinone e l’olacantone, sono considerati i principali costituenti terapeutici della pianta e sono quelli documentati come antiprotozoari, anti-amebici, antimalarici e persino tossici per le cellule tumorali e leucemiche.
Gli studi hanno dimostrato che la pianta ha un’efficacia superiore al 90% contro la dissenteria amebica.
La corteccia, e/o i suoi tre principali quassinoidi, hanno dimostrato di essere un trattamento efficace contro la malaria, compresi i ceppi che sono diventati resistenti al trattamento farmacologico.
La ricerca ha anche dimostrato che la corteccia ha buone proprietà antivirali, efficaci contro herpes, influenza, poliomielite e vaccinia virus.
È stato inoltre dimostrato che i quassinoidi responsabili delle proprietà antiamebiche e antimalariche possiedono proprietà antitumorali attive.
La corteccia è usata come tonico amaro noto come ‘Jamaica Bark’ o ‘Orinoco Simaruba Oil’.
La corteccia di S. amara è stata utilizzata dalle persone del suo areale oltre che per curare la dissenteria e la diarrea, nonché altre malattie, è stata anche esportata in Europa nel XVIII secolo per curare queste malattie. Da allora un certo numero di composti è stato isolato dalla corteccia e ha dimostrato di avere effetti antimicrobici.
Un decotto viene assunto internamente nel trattamento di anemia, diarrea, dissenteria, malaria, febbri, emorragie, parassiti intestinali e colite.
Le foglie sono utilizzate nel trattamento dei reumatismi, oppure vengono applicate sotto forma di lozione per dolori muscolari, lividi o prurito cutaneo.
Il frutto è un forte stimolante dal sapore gradevolmente amarognolo; inoltre è un efficace trattamento per la dissenteria.
Dal punto di vista ecologico la Simarouba amara è stata ampiamente studiata dagli scienziati nel tentativo di comprendere l’albero e anche di ottenere una migliore comprensione dell’ecologia della foresta pluviale in generale. Molti di questi studi sono stati condotti sull’isola di Barro Colorado a Panama o presso la stazione biologica di La Selva in Costa Rica. Di particolare interesse è il modo in cui compete con altre specie e con individui della stessa specie in diverse fasi del suo ciclo vitale. Le piantine sono normalmente limitate dalla quantità di luce e nutrienti che si trovano dove crescono e gli alberelli sono considerati relativamente leggeri rispetto ad altre specie. È più probabile che i giovani sopravvivano quando si allontanano dai genitori e quando ci sono pochi altri individui che crescono vicino a loro, il che potrebbe essere dovuto alla loro capacità di sfuggire alle malattie. I fisiologi delle piante hanno studiato come le foglie dell’albero differiscono a seconda della loro posizione nella volta della foresta, scoprendo che sono più spesse nella chioma e più sottili nel sottobosco. Hanno anche misurato come cambia il potenziale idrico delle loro foglie e quando i loro stomi si aprono e si chiudono durante il giorno; i risultati suggeriscono che invece di chiudere gli stomi per controllare la perdita d’acqua, è invece controllato dall’area fogliare. I genetisti della popolazione hanno esaminato il modo in cui i suoi geni variano, sia su scala locale che su tutto il suo areale, utilizzando i microsatelliti. È geneticamente diverso, indicando che il flusso genico si verifica tra le popolazioni e i semi possono essere dispersi fino a 1 km. Le foglie di S. amara sono mangiate da diverse specie di bruchi, in particolare quelli del genere Atteva. Diverse specie di termiti e formiche vivono sopra o intorno all’albero e sull’albero crescono liane ed epifite.

Modalità di Preparazione –
La Simarouba amara è una pianta utilizzata da tempi antichi dalle popolazioni del suo areale naturale di origine per vari usi medicinali, oltre che per l’utilizzo del legname.
La corteccia è stata utilizzata da persone per curare la dissenteria e la diarrea, tra le altre malattie, ed è stata anche esportata in Europa nel XVIII secolo per curare queste malattie.
Si preparano decotti, da assumere internamente, nel trattamento di anemia, diarrea, dissenteria, malaria, febbri, emorragie, parassiti intestinali e colite.
Le foglie sono utilizzate nel trattamento dei reumatismi, oppure vengono applicate sotto forma di lozione per dolori muscolari, lividi o prurito cutaneo.
Il frutto è viene assunto direttamente come trattamento per la dissenteria.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.