Juglans cinerea

Juglans cinerea

Il Noce grigio (Juglans cinerea L. 1759) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Juglandaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Ordine Juglandales,
Famiglia Juglandaceae
Genere Juglans,
Specie J. cinerea
Sono sinonimi i termini:
– Nux cinerea (L.) M.Gómez;
– Wallia cinerea (L.) Alef..

Etimologia –
Il termine Juglans proviene dal latino Iupiter Giove e da glans ghianda: ghianda di Giove.
L’epiteto specifico cinerea viene da cinis, cineris cenere: per il colore cinereo, cenerognolo, grigiastro.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Juglans cinerea è una specie di noce originaria degli Stati Uniti orientali e del Canada sudorientale.
Il suo areale di distribuzione si estende da est a New Brunswick e dal sud del Quebec a ovest al Minnesota, da sud a nord dell’Alabama e da sud-ovest a nord dell’Arkansas. Negli Stati Uniti è assente dalla maggior parte degli Stati meridionali.
Il suo habitat naturale è quello a quote medie nel bacino del fiume Columbia, Pacific Northwest ed è una pianta che preferisce un clima più fresco rispetto al noce nero.
Si trova più frequentemente nelle calette, sui banchi e sui terrazzi dei torrenti, sui pendii, nelle sporgenze rocciose e in altri siti con un buon drenaggio. Si trova fino a un’altitudine di 1.500 metri e le noci vengono mangiate dalla fauna selvatica.

Descrizione –
Il Noce grigio è un albero a foglie decidue che cresce fino a circa 20 metri di altezza ma può raggiungere altezze fino a 40 metri.
È una pianta a crescita lenta che raramente vive più di 75 anni.
Il fusto ha un diametro di 40-80 cm, con una corteccia di colore grigio chiaro.
Le foglie sono alterne e pennate, lunghe 40–70 cm, con 11–17 foglioline, ciascuna delle quali di 5–10 cm di lunghezza e 3–5 cm di larghezza. Le foglie hanno un foglio terminale all’estremità del picciolo e hanno un numero dispari di foglioline. L’intera foglia è lanuginosa e pubescente e di colore verde un po’ più luminoso e più giallo rispetto a molte altre foglie degli alberi.
La specie è monoica, con i fiori maschili che sono amenti sottili di colore giallo-verde, poco appariscenti, che si sviluppano da gemme ausiliarie, e fiori femminili che sono brevi punte terminali sui germogli dell’anno in corso. Ogni fiore femminile ha uno stigma rosa chiaro. I fiori di entrambi i sessi di solito non maturano contemporaneamente su un singolo albero.
I frutti sono pseudodrupe riunite in grappoli di 3-6 a forma da ellissoide a ovoide o cilindrica di 4-8 cm, con esocarpo dapprima verde e appiccicoso per densi peli ghiandolari capitati poi marrone a maturazione, endocarpo legnoso di 3-6 x 2-4 cm con circa 8 creste longitudinali principali e increspato per altre lamelle e creste secondarie, che contiene il seme commestibile.

Coltivazione –
La Juglans cinerea è una pianta a foglie decidue legate più al fotoperiodo più che alla temperatura. La caduta si verifica quando la lunghezza della luce del giorno raggiunge le 14 ore. Questo può variare fino a un mese nelle estensioni settentrionali e meridionali del suo areale. La caduta delle foglie in autunno è precoce e inizia quando la luce del giorno scende a 11 ore.
Questa pianta cresce meglio sulle rive dei torrenti e su terreni ben drenati. Si trova raramente su terreni asciutti, compatti o sterili. Cresce meglio del noce nero, tuttavia, su terreni asciutti e rocciosi, soprattutto di origine calcarea.
Sebbene i giovani alberi possano resistere alla concorrenza laterale di altre piante non sopravvivono ad ombreggiamenti dall’alto. Pertanto, è classificata come pianta intollerante all’ombra e alla concorrenza di altre specie.
Per la sua coltivazione, in genere, richiede un terriccio profondo e ben drenato e una posizione riparata dai forti venti. Preferisce un terreno leggermente alcalino e sabbioso con un pH intorno a 6-7. Non ama i terreni compatti o i sottosuoli argillosi, altrimenti gli alberi crescono bene sulla maggior parte dei terreni. Questa è la noce più resistente al freddo, tollerando temperature fino a circa -35°C in Nord America quando è completamente dormiente. Sfortunatamente, è meno resistente in Gran Bretagna, perché il legno non matura così bene a causa delle estati più fresche. Le piante giovani in primavera può essere danneggiata dalle gelate tardive. Talvolta è coltivato in Nord America per i suoi semi commestibili.
A volte viene piantato come albero da legno in Danimarca e Romania. Le piante producono un fittone profondo e sono intolleranti ai disturbi radicali. Le piantine dovrebbero essere piantate nelle loro posizioni permanenti il prima possibile e fornite una certa protezione per i loro primi inverni poiché sono piuttosto tenere da giovani. Gli alberi proiettano una fitta ombra che riduce la quantità di specie in grado di crescere sotto di loro.
Le piante dovrebbero essere potate solo quando sono completamente dormienti in inverno o quando sono a foglia intera, altrimenti eventuali tagli trasuderanno copiosamente.
La propagazione è per seme che è meglio seminare non appena è maturo in singoli vasi profondi in serra fredda.
È necessario proteggere le giovani piantine da topi, uccelli, scoiattoli, ecc. Il seme di solito germina alla fine dell’inverno o in primavera. Il trapianto va effettuato all’inizio dell’estate e si consiglia di proteggere le piantine dal freddo per i primi o due inverni. Il seme può anche essere conservato in condizioni fresche e umide (come lo scomparto dell’insalata di un frigorifero) durante l’inverno e seminato all’inizio della primavera, ma può quindi richiedere un periodo di stratificazione fredda prima di germogliare.

Usi e Tradizioni –
La Juglans cinerea si trova con molte altre specie arboree in diversi tipi di foreste di di tipo mesofitico misto. È una specie associata nei seguenti quattro tipi di copertura forestale settentrionale e centrale: acero da zucchero-tiglio, pioppo giallo-quercia bianca-quercia rossa settentrionale, faggio-acero da zucchero e betulla-sicomoro. Gli alberi che sono comunemente associati sono: il tiglio (Tilia spp.), l’amarena (Prunus serotina), il faggio (Fagus grandifolia), il noce nero (Juglans nigra), l’olmo (Ulmus spp.), la cicuta (Tsuga canadensis), il noce americano (Carya spp.), quercia (Quercus spp.), acero rosso (Acer rubrum), acero da zucchero (Acer saccharum), pioppo giallo (Liriodendron tulipifera), frassino bianco (Fraxinus americana) e betulla gialla (Betula alleghaniensis). Nella parte nord-orientale del suo areale si trova spesso con la betulla dolce (Betula lenta) e nella parte settentrionale del suo areale si trova occasionalmente con il pino bianco (Pinus strobus).
La Juglans cinerea si ibrida facilmente col noce giapponese.
È una pianta che può essere attaccata da vari parassiti ed è molto suscettibile ai danni del fuoco e, sebbene la specie sia generalmente stabile dal vento, è soggetta a frequenti danni da tempesta.
Dal punto di vista ecologico la specie è ancora in buono stato di conservazione e non è elencata come minacciata a livello federale negli Stati Uniti, ma è elencata come “Special Concern” nel Kentucky, “Exploitably Vulnerable” nello Stato di New York e “Minacciata” nel Tennessee.
Inoltre il Committee on the Status of Endangered Wildlife in Canada ha inserito la pianta nell’elenco delle specie minacciate in Canada nel 2005.
Le noci della Juglans cinerea sono commestibili e sono stati trasformati in olio dai nativi americani per vari scopi, inclusa l’unzione. Le bucce contengono un colorante naturale giallo-arancio.
Il legno è leggero e si lucida bene, ed è altamente resistente alla putrefazione, ma è molto più morbido del legno di noce nero. Oliato, la venatura del legno di solito mostra molta luce. Viene spesso utilizzato per realizzare mobili ed è uno dei preferiti dagli intagliatori del legno.
La corteccia e la scorza delle noci venivano spesso utilizzate per tingere i tessuti in colori tra il giallo chiaro e il marrone scuro. Per produrre i colori più scuri, la corteccia viene bollita per concentrare il colore. Questo sembra non essere mai stato usato come colorante commerciale, ma piuttosto è stato usato per colorare i tessuti fatti in casa.
A metà del XIX secolo, gli abitanti di aree come l’Illinois meridionale e l’Indiana meridionale – molti dei quali si erano trasferiti lì dal sud degli Stati Uniti – erano conosciuti come “butternuts” per via del tessuto fatto in casa tinto di “butternut” che è il nome americano di questo noce.
Più tardi, durante la guerra civile americana, il termine “butternut” fu talvolta applicato ai soldati confederati. È anche possibile che il butternut fosse usato per colorare il tessuto indossato da un piccolo numero di soldati confederati.
La somiglianza di queste uniformi con i vestiti tinti di butternut e l’associazione della tintura di butternut con i vestiti fatti in casa, ha portato a questo soprannome derisorio.
I frutti schiacciati, inoltre, possono essere usati per avvelenare il pesce, sebbene la pratica sia illegale nella maggior parte delle giurisdizioni.
Le foglie possono anche essere essiccate e conservate per un uso successivo.
Dalle giovani radici si ottiene una tintura nera. Le piante producono sostanze chimiche che possono inibire la crescita di altre piante. Queste sostanze chimiche vengono dissolte dalle foglie quando piove e vengono lavate nel terreno sottostante, riducendo la crescita delle piante sotto l’albero. Le radici di questa specie producono sostanze tossiche per molte specie vegetali, in particolare mele (specie Malus), membri delle Ericaceae, Potentilla spp e pini bianchi (alcuni Pinus spp.).
Questa pianta è stata usato da varie tribù indiane del Nord America come rimedio lassativo e tonico per trattare una varietà di condizioni tra cui articolazioni reumatiche e artritiche, mal di testa, dissenteria, stitichezza e ferite.
Nella moderna erboristeria è considerato un valido rimedio per la stitichezza cronica, favorendo dolcemente la regolarità della defecazione. È particolarmente utile se combinato con un’erba carminativa come l’Angelica archangelica. Gli aculei o la corteccia interna sono uno dei pochi potenti lassativi sicuri da usare in gravidanza.
La Juglans cinerea abbassa anche i livelli di colesterolo e favorisce l’eliminazione dei prodotti di scarto da parte del fegato.
Di seguito si riportano, inoltre, i valore nutrizionali per 100 g di noce:
– Energia 613 kcal 2561 kJ;
– Carboidrati 12,05 g;
– Fibra alimentare 4,7 g;
– Grasso 56,98 g;
– Proteine 24,90 g;
– Acqua 3,34 g;
– Retinolo (vit. A) 6 μg (1%);
– Tiamina (vit. B1) 0,383 mg (29%);
– Riboflavina (vit. B2) 0,148 mg (10%);
– Niacina (vit. B3) 1.045 mg (7%);
– Acido pantotenico (vit. B5) 0,633 mg (13%);
– Vitamina B6 0,560 mg (43%);
– Vitamina C 3,2 mg (5%);
– Calcio 53 mg (5%);
– Ferro 4,02 mg (32%);
– Magnesio 237 mg (64%);
– Fosforo 446 mg (64%);
– Potassio 421 mg (9%);
– Sodio 1 mg (0%);
– Zinco 3,13 mg (31%).

Modalità di Preparazione –
Il Noce grigio è una pianta che è stata utilizzata sia per la realizzazione di coloranti, sia per l’uso del legname, sia per usi commestibili (il frutto) ma anche per usi medicinali.
Tra i vari preparati si ricorda l’ infuso della corteccia interna che è usato come colagogo, febbrifugo, blando lassativo e stomachico. È efficace a piccole dosi senza causare crampi. La corteccia si raccoglie meglio in autunno anche se, secondo altri rapporti è meglio che sia raccolta in tarda primavera. Un’infusione della corteccia esterna essiccata viene utilizzata nel trattamento del mal di denti e della dissenteria. L’olio delle noci viene utilizzato nel trattamento della tenia e delle infezioni fungine.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *