Corrigiola telephiifolia

Corrigiola telephiifolia

La Corrigiola perenne (Corrigiola telephiifolia Pourret) è una specie erbacea appartenente alla famiglia delle Molluginaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Sottoclasse Caryophyllidae, Ordine Caryophyllales, Famiglia Molluginaceae e quindi al Genere Corrigiola ed alla Specie C. telephiifolia.
È sinonimo il termine:
– Corrigiola litoralis subsp. telephiifolia Pourret.

Etimologia –
Il termine Corrigiola è il diminutivo di corrigia correggia, frusta, staffile.
L’epiteto specifico telephiifolia viene dal genere Telephium che, a sua volta viene dal greco τηλεφιον telephion portulaca, porcellana (in Galeno) e forse questo da Τήλεφος Telephos, figlio di Ercole e re di Misia che ne avrebbe scoperte le proprietà medicamentose e dal termine folium foglia: quindi con foglie simili a quelle di un Telephium.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La corrigiola è una specie a distribuzione mediterranea con baricentro occidentale, dal Portogallo in poi ed in tutto il nord Africa che è presente in Italia, in particolar modo, in Corsica, in Sardegna e in alcune isole dell’Arcipelago Toscano (Elba, Giglio).
Il suo habitat è quello delle sabbie marittime di natura silicea lungo i litorali.

Descrizione –
La Corrigiola perenne è una pianta erbacea, che diviene poi legnosa, con portamento strisciante o di alcune cm di altezza a fioritura completa.
Le foglie sono obovate o oblunghe e spesse.
I fiori sono portati a grappoli, di colore biancastro, disposti racemosamente alle estremità dei rami spogli.
L’antesi è nel periodo di aprile-agosto.

Coltivazione –
Corrigiola telephiifolia è una specie spontanea che cresce in habitat litoranei caratterizzati da sabbie marine di natura silicea.

Usi e Tradizioni –
Questa pianta veniva utilizzata, soprattutto un tempo, nelle preparazioni tradizionali mediterranee e ha molti usi tradizionali soprattutto nel trattamento del diabete.
Sono state condotte ricerche per valutare l’effetto antidiabetico delle parti aeree dell’estratto acquoso (APAE) di Corrigiola telephiifolia su ratti diabetici sia normali che indotti da streptozotocina (STZ) trattati alla dose di 5 mg / kg per quindici giorni. Inoltre, sono stati realizzati i cambiamenti istopatologici nel fegato, l’analisi morfometrica, il test orale di tolleranza al glucosio (OGTT) in ratti normali e lo screening fitochimico preliminare per vari componenti.
Secondo alcuni test di tolleranza al glucosio orale, è stato dimostrato che C. telephiifolia (5 mg / kg) previene in modo significativo l’aumento dei livelli di glucosio nel sangue nei ratti normali trattati 30 minuti dopo la somministrazione di glucosio rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, l’architettura del fegato dei ratti diabetici trattati con C. telephiifolia è stata migliorata rispetto all’architettura del fegato dei ratti diabetici non trattati. Per quanto riguarda lo screening fitochimico preliminare di C. telephiifolia, sono stati trovati diversi composti come polifenoli, flavonoidi, saponine, mucillagini e terpenoidi. In definitiva i risultati porterebbero a dimostrare che l’estratto acquoso di C. telephiifolia possiede una significativa attività anti iperglicemica.

Modalità di Preparazione –
La Corrigiola perenne trovava impiego, soprattutto un tempo, in alcune preparazioni artigianali di cui si traevano estratti acquosi dalle radici, soprattutto nel trattamento del diabete.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *