Artemisinina

Artemisinina

L’ Artemisinina è un principio attivo che in natura è presente nell’Artemisia annua. Il termine nella nomenclatura ufficiale IUPAC è: (3R,5aS,6R,8aS,9R,12S,12aR)-3,6,9-trimethyloctahydro-3H-3,12-epoxy[1,2]dioxepino[4,3-i]isochromen-10(12H)-one ed ha formula bruta o molecolare: C15H22O5.
L’artemisinina è una molecola impiegata nella lotta alla malaria ed è stata isolata per la prima volta nel 1972 dalla farmacista cinese Tu Youyou da lei denominato qinghaosu.
Fu proprio grazie a questa scoperta che è stata successivamente insignita nel 2015 del premio Nobel per la medicina.
L’Artemisinina è efficiente contro tutte le specie di plasmodio, però risulta specialmente utile in presenza di infezioni da parassiti resistenti alla clorochina o multiresistenti ai farmaci. La medicina è anche efficace nella terapia della toxoplasmosi, della leishmaniosi e di infezioni da certe specie di Babesia. Inoltre sembrerebbe avere delle potenzialità come agente antitumorale.
L’Artemisinina può essere somministrata per via orale, per via rettale o mediante iniezioni intramuscolari. Solitamente si usa in combinazione con altri farmaci antimalarici contraddistinti da una maggiore azione a lungo termine.
L’artemisinina è uno schizonticida ematico e sii trova in commercio in compresse o capsule da 250 mg e in supposte da 100 mg per i bambini. La di-idro-artemisinina è un altro derivato per terapia orale.
La dose totale di artemisinina nell’adulto non deve superare i 2.5g (40 mg/kg) che corrisponde a 600 mg (10 mg/kg) di artemetere orale, di-idro-artemisinina o artesunato di sodio (parenterale, cioè non somministrato per ingestione).

L’artemetere intramuscolo non deve superare i 320 mg (6 mg/kg).
In ogni caso la somministrazione parenterale dei derivati dell’artemisinina dovrebbe essere limitata al trattamento delle forme di malaria severa.
Tra gli effetti collaterali dell’Artemisinina ricordiamo:
– nausea;
– vomito;
– addominali;
– diarrea;
– sudorazione;
– acufeni.
Inoltre è bene avvertire immediatamente un medico in presenza di:
– rash cutaneo;
– orticaria;
– prurito;
– problemi respiratori;
– sensazione di oppressione al petto;
– gonfiore di bocca, viso, labbra o lingua.
In ogni caso prima di prendere prodotti a base di Artemisinina è fondamentale avvertire un medico su:
– allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o ad altri medicinali o cibi;
– dei farmaci, dei fitoterapici e degli integratori presi;
– delle patologie e dei problemi di salute di cui si soffre (o si ha sofferto);
– in presenza di gravidanza o allattamento.

Avvertenza: le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *