How many inhabitants can live on Earth?

How many inhabitants can live on Earth?

Do we want to play a bit?
Well, since in the “play” there is the future of Human Life on Earth, perhaps the play term is quite irreverent, and then we transform the game into simulation and understand how many people could theoretically live on our beautiful blue planet.
To do this simulation you have to start from reliable and verifiable data and to synthesize this simulation (which is very complex) to simplify some passages.
The first starting point is to know the cultivated lands: Feeding is the starting point of all estimate.
To do this then you have to know the agricultural area used.
The agricultural area used, abbreviated in SAU, is the sum of farm land intended for agricultural production.
SAU includes the areas on which arable land, agricultural woody crops, fruit chestnuts, permanent meadows, pasture lands and nurseries are present. The underground areas dedicated to fungiculture are excluded (but which, in the world, have little impact).
They do not fall under the SAU but in the unused farmland those land that is temporarily unused, but on which cultivation could easily be restored with ordinary farming practices (thus excluding the deforestation or unloading of uncultivated land). The sum of the SAU and the unused agricultural area provides the total agricultural area (abbreviated to SAT).
They do not make part of SAU (or SAT) areas occupied by buildings (eg dwelling, storage, animal shelter …) or those intended for wood or woody arboriculture, even though in properties or in use of the ‘ farm.


Reported to the total surface area of ​​land (about 15 billion hectares), SAU accounts for about one third of the total, ie about 5 billion hectares, that is:
3.4 billion hectares of pasture land (including alpine pastures);
1.4 billion hectares of arable land;
140 million hectares of permanent crops (orchards, palm trees, vineyards, tea or coffee cultivation).
Despite the overturning and cultivation of vast forest areas in Brazil, Africa and Indonesia (between 12 and 13 million ha per year), the surface of arable land remains almost constant since the 1970s due to the losses caused by the salinisation of irrigated areas, the depletion and loss of agrarian soil and the advance of urbanization (and this is the long saying about the devastating effects of modern agriculture).
At this point another parameter on which to pivot is the agricultural yield. And to avoid getting into complicated factors of conversion between agricultural yields / nutritive and procurated caloric needs, we refer to two widely spread crops on the planet: wheat and corn.
Agricultural yield is also affected by the different technologies and knowledge of local cultures. Wheat has a world average yield of 2.4 t / ha, while the same yield rose to 2.9 in the European and North American area, despite the worst climate conditions. Similarly, the yield of maize ranges from 4.1 to 4.9 in the world for the most industrialized area.
Now, for the sake of further synthesis, we hypothesize to refer to yield, and hence to world production quantities, only to wheat data (so let us put ourselves in a more cautious way of calculating) and to use the lowest yield that is 2, 4 t / ha. Among other things, using this yield, we approach a lot of those low-impact production techniques (which do not make use of chemistry but rotation techniques / internal reuse of organic matter and the main factors of production).
Let’s make a further decoupling to this yield and bring it to 2 T / ha, considering that we want to fully follow the dictates of 100% conservative farming (thermodynamically and ecologically correct).
By multiplying this value for SAUs (as if all were wheat, we know it is not so but we hypothesize that) we would have a global annual total wheat production of: 2 (T / ha) x 5 (billions of ha) 10 billion tons of wheat.
At this point we have to enter another parameter to understand, in terms of nutritional power, how many people can be fed per year.
Considering that every Kg of wheat equals about 3,390 calories (for an adult), we think we can say that with 3,000 calories per day we can feed the world average person (average among adults, the elderly, the kids). These calories then become 1,095,000 calories per year per person.
At this point it is that by multiplying 10 billion tons of wheat x 3,390,000 (equivalent calories of a wheat T) it has the value of 33,900,000,000,000,000 calories annually.
If we divide at this point the number 33.900.000.000.000.000: 1.095.000 = 30.958.904.110 (with rounding of the last digit). Yes, more than 30 billion people could live.
This calculation, which has been kept prudent not considering the possibility of innovative production techniques, considering it made below the world average, and with a sustainable farming organization, gives us impressive numbers.
Yet today it is starving (and the image on its head does not survive bad interpretations) and the predominant information tells us that we are at the limit of the planet’s capacity.
The truth is that the lifestyle (incredibly energetic) of western countries is no longer viable and, on the other hand, an industrial and mercantile matrix information (on which multinationals play a predominant role) wants to increase certain styles of life (and therefore also agriculture) without the future.
When Governments will become Sovereigns again and Free then that day we could consider it a beautiful sunny day and, in the light, every reasoning will be clearer and clearer.

Guido Bissanti




4 pensieri riguardo “How many inhabitants can live on Earth?

  • Wednesday May 23rd, 2018 in 02:35 AM
    Permalink

    Il calcolo non tiene conto come minimo di:
    1) Usura aggravata e crescente del suolo che si sta mangiando le terre coltivabili e di sua sorella lo scendere delle falde aquifere , oltre a desertificazione ed altri membri della famiglia , tutti fenomeni che da quando esiste l’agricoltura (già da quella pre industriale) hanno fatto collassare civiltà . Caso più noto: la un tempo mezzaluna fertile prima terrà a subire in grande scala la pratica agricola fertile non lo è più .
    2) Capacità di carico fantasma , ovvero senza il petrolio e la sua energia a basso costo e sopratutto i suoi fertilizzanti la resa agricola attuale non è minimamente possibile , i calcoli più ottimisti (molto i più ottimisti) post limite del petrolio non superano i 3 miliardi
    3)Overshoot e inquinamento: L’attuale popolazione intacca i cicli di recupero delle risorse rinnovabili e del pianeta e del pianeta stesso oltre i limiti di rigenerazione annua e stiamo ben oltre la soglia di molti parametri vitali (perdita bio diversità , cambiamento climatico ecc… Sono ben 9 in primari riconosciuti da preservare è molti sono limiti già oltrepassati).

    L’attuale popolazione non è gia sostenibile , se fossimo tutti poveri come il terzo mondo , ma con un sistema agrario mondiale funzionnante almeno al livello d’efficenza di questo mondo a più velocità la popolazione attuai o anche una decina di miliardi sarebbero sostenibili , ma le cifre che riporti no proprio no. Comunque
    1) non è un bello scenario , fondamentalmente sarebbe un tutti o quasi poveri ma con un sistema statale o di stati abbastanza efficiente da reggere la situazione e non credo sarebbe un bel mondo in cui vivere .
    2) non credo sia realistico , il sistema agrario mondiale regge grazie al nucleo iper tech , sprecone e dal mercato saturo e demografia stagnante e dalle periferie man mano più arretrate e squallide ma dove si concentrano risorse e masse umane
    3) infatti già il crescere sempre piu draconico di zone un tempo periferico basta e basterà per far andare a scatafascio accelerato una situazione che vi sarebbe andata comunque in altro modo (magari più tardi)

    Risposta
    • Thursday May 24th, 2018 in 09:44 AM
      Permalink

      Lei sta applicando ancora il modello agricolo aperto; è evidente che con questo modello termodinamico le darei ragione ma come anche rilevato da J. Rifkin e da altri AA. l’agricoltura cosiddetta “moderna” ha rendimenti pari al 10 % dei sistemi agroecologici; purtroppo l’agroecologia e la termodinamica dei sistemi complessi non si studia, se non con criteri troppo semplicistici, nella maggior parte delle Università Agrarie italiane. Per arrivare a rendimenti molto più elevati bisogna adottare modelli termodinamici agricoli chiusi (chiuso si riferisce ai sistemi dissipatici termodinamici già enunciati da I. Prigogine oltre 60 anni or sono. Questi modelli (anche agricoli) hanno efficienze (e quindi minor consumo di risorse ed energie) parecchie volte a quelli attuali. Ecco perché se lei applica un calcolo partendo dall’attuale base organizzativa di gran parte delle aziende agricole del “mondo occidentale” i conti non le torneranno mai.

      Le do altri spunti contenuti nel sito: http://antropocene.it/2018/05/11/riconvertire-i-sistemi-agricoli/

      Risposta
  • Thursday May 24th, 2018 in 08:20 PM
    Permalink

    Quello che scrivi è interessante e può avere senso ed intendo informarmi , ma ho un dubbio , lo stesso che ho avuto per ogni soluzione al “grande problema” che non comportasse anche una riduzione della popolazione : l’impressione sia una soluzione focalizzata che riduce il problema ad una delle sue parti ignorando non volutamente , ma a causa della da te stesso accennata specializzazione moderna , il resto . Un po’ come il caso simbolo dell’idea delle macchine assorbì CO2 , sarebbe geniale se non fosse per il fatto che da sola non basta ; puoi farne quante vuoi ma se continui a magnarti le risorse di base e ad emettere sempre di più tamponi soltanto e neanche tanto .
    Parlando nello specifico della forma d’agricoltura che proponi , ma se la gente forte di un agricoltura migliore antropizza ancora più suolo (deforestazione ecc) e continua a crescere e consumare sempre di più senza fare una transizione energetica andiamo a scatafascio lo stesso.
    Io come credo lei penso che solo un cambiamento sociale e della struttura economica di fondo potrà salvarci, ed in origine non avevo e non avrei di indole posizioni anti demografiche , sono di famiglia cattolica ed io stesso prima di farmi una certa idea ero decisamente un , si ammettiamolo senza vergogna che “solo gli stolti ed i codardi nascondono ciò che furono o sono per paura di essere giudicati” , pro vita.
    Solo che mi sono reso conto che il problema ambientale è immensamente complesso e più lo approfondisco più mi sembra che ogni soluzione che contemporaneamente tenga conto di tutto e sia fattibile passi necessariamente per la riduzione della popolazione .

    Infine guardando invece i fatti e le tendenze ,diciamo di cronaca ho sempre più l’impressione che perfino nello scenario materialmente potenzialmente migliore (esiste una soluzione come l’agricoltura termodinamica ente chiusa o un’altra del genere) tutto finirà comunque a scatafascio per la pura inerzia sociale che impedisce da anni ogni cambiamento significativo in ogni direzione scomoda ai dogmi del sistema.

    Risposta
    • Thursday May 24th, 2018 in 08:45 PM
      Permalink

      Vediamola così: questo è un grande periodo di transizione! La storia (il tutto del nostro pianeta) ha messo in atto i feedback del cambiamento. Rimaniamo comunque fiduciosi, nonostante la complessità e l’entità delle emergenze sociali ed ambientali che stiamo affrontando!

      Risposta

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *