Cladodio

Cladodio

Con il termine cladodio, in botanica, si intende un ramo che ha assunto capacità foto sintetiche e che, nella sua metamorfosi, somiglia ed ha le funzioni di una foglia.
Il cladodio può avere forma caulinare (asparago), o essere appiattito (fico d’India), o avere aspetto fogliforme (pungitopo), assumendo il nome di fillocladio.
I cladodi, pertanto, svolgono la fotosintesi clorofilliana in piante che riducono l’apparato fogliare.
La presenza di cladodi è stata identificata in fossili risalenti già al Permiano.
Recenti studi ontogenetici hanno dimostrato che i cladodi potrebbero essere strutture intermedie tra foglie e rami.
Questa ipotesi è stata confermata da indagini genetiche molecolari. In tal senso i cladodi della specie Ruscus aculeatus “non sono omologhi né al germoglio né alla foglia, ma hanno una doppia identità d’organo”.

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *