Parco nazionale delle Great Smoky Mountains

Parco nazionale delle Great Smoky Mountains

Il parco nazionale delle Great Smoky Mountains, il cui Codice WDPA è: 369223 è un parco degli Stati Uniti la cui altitudine varia tra 250 e 2.000 metri sul livello del mare, e la punta più alta è rappresentata dal Clingmans Dome.
Questo parco ha una estensione di 2.110,4 km² ed è stato riconosciuto nel 1983. Il parco nazionale delle Great Smoky Mountains rientra, inoltre, tra i beni protetti dall’UNESCO.
All’interno del parco vi sono ben 16 montagne che superano i 1.800 metri.
Per la sua estrema varietà d’altitudini simula tutte le latitudini dell’est degli Stati Uniti, tanto che numerose specie animali e vegetali del Nordest statunitense hanno trovato una perfetta nicchia ecologica ad alta quota, mentre le specie del sud abitano le pianure.
Durante l’ultima glaciazione, l’orientamento degli Appalachi ha permesso a molte specie di migrare a sud lungo i pendii. Con il riscaldamento del clima molte specie settentrionali sono tornate nel loro habitat naturale, mentre quelle meridionali si sono espanse.

Clima –
Il parco nazionale delle Great Smoky Mountains ha una umidità generalmente molto elevata e vanta precipitazioni che variano dai 1.400 mm l’anno nelle vallate ai 2.200 dei picchi. Quest’area è la zona più piovosa degli Stati Uniti, se escludiamo il nord-est e l’Alaska. Buona parte del parco ha un clima umido continentale, a differenza delle zone circostanti che sono di tipo umido subtropicale. Le foreste ricoprono il 95% del parco, di cui circa un quarto di foresta equatoriale con alberi risalenti a prima della colonizzazione europea. È uno dei più grandi esempi di foresta equatoriale di tipo deciduo con clima temperato dell’America settentrionale.

Geologia –
L’area delle Great Smoky Mountains comprende sistemi montuosi tra i più antichi del mondo; questi rilievi si sono formati, con ogni probabilità, 200-300 milioni di anni fa. Sono unici nel loro orientamento da nord-est a sud-ovest, che ha permesso alle specie di migrare lungo i loro pendii durante i cambiamenti climatici come l’ultima era glaciale, 10.000 anni fa. Infatti, i ghiacciai dell’ultima era glaciale hanno colpito le Smoky Mountains senza invaderle. Durante quel periodo, i ghiacciai hanno perlustrato gran parte del Nord America ma non hanno raggiunto il sud come gli Smokies. Di conseguenza, queste montagne divennero un rifugio per molte specie di piante e animali che furono distrutte dalle loro case a nord. Gli Smokies sono stati relativamente indisturbati dai ghiacciai o dalle inondazioni oceaniche per oltre un milione di anni, consentendo alle specie eoni di diversificare.

Ambiente –
All’interno del parco nazionale delle Great Smoky Mountains, le abbondanti piogge e l’elevata umidità estiva forniscono eccellenti condizioni di crescita. Durante gli anni umidi, cadono circa 2,5 metri di pioggia nella regione alta. L’umidità relativa nel parco durante la stagione di crescita è circa il doppio di quella della regione delle Montagne Rocciose.
All’interno di questo parco circa 100 specie di alberi autoctoni trovano casa; più che in qualsiasi altro parco nazionale nordamericano. Quasi il 95% del parco è ricoperto da foreste e circa il 25% di quell’area è costituito da foreste secolari, uno dei più grandi blocchi di foresta decidua, temperata e antica rimasti nel Nord America. Nel parco sono state identificate oltre 1.500 specie di piante da fiore aggiuntive. Il parco è il centro della diversità per le salamandre senza polmoni e ospita oltre 200 specie di uccelli, 66 tipi di mammiferi, 50 specie ittiche autoctone, 39 varietà di rettili e 43 specie di anfibi. Molluschi, millepiedi e funghi raggiungono qui una diversità record.
In riconoscimento delle risorse naturali uniche del parco, le Nazioni Unite hanno designato il Parco Nazionale delle Great Smoky Mountains come Riserva Internazionale della Biosfera.

Flora –
La diversità delle piante da fiore e degli alberi decidui degli Smokies crea una primavera, un’estate ed un autunno colorati. La fioritura primaverile inizia nelle valli alla fine di marzo e prosegue verso l’alto fino alle vette fino a luglio, mentre i colori mutevoli delle foglie iniziano sulle vette già a metà settembre e proseguono verso il basso verso le valli fino a metà novembre.
Il nome della pianta bloodroot (Sanguinaria canadensis) deriva dal suo gambo, da cui i nativi americani producevano la tintura rossa. Un membro della famiglia del papavero, i fiori della radice di sangue sono bianchi con un centro d’oro. Cresce lungo i torrenti nelle zone boschive.
La bluet (Houstonia caerulea) fiorisce da aprile a giugno nei prati e sui pendii erbosi. Il suo fiore è blu pallido con un centro giallo e misura circa mezzo pollice di diametro.
La forma a fiore bianco delle brache dell’olandese ricorda un paio di pantaloni appesi ad asciugare sulla linea. Il gambo fiorito senza foglie si inarca sulle foglie bluastre finemente sezionate, che stanno in piedi.
La ciliegia nera (Prunus serotina) è la più grande ciliegia autoctona, che cresce fino a 60 piedi. Ha fiori bianchi in primavera e foglie che diventano rosse o gialle in autunno.
Le robinia (Robinia pseudo acacia) crescono principalmente negli Appalachi meridionali e hanno tronchi biforcuti e irregolari. I loro fiori bianchi aromatici compaiono in tarda primavera. Il frutto è costituito da baccelli piatti e marroni, che compaiono in autunno e poi si aprono in inverno.
L’alloro di montagna (Kalmia latinfolia) è un arbusto sempreverde comune che si estende lungo la costa orientale dal Maine meridionale al nord della Florida e ad ovest fino alla Louisiana. I suoi piccoli fiori rosa o bianchi compaiono in primavera in grappoli di gemme appuntite; le sue foglie sono lunghe e strette.
Le magnolie a ombrello (Magnolia tripetala) crescono in regioni ristrette e si vedono meglio nelle valli montane degli Smokies. I botanici teorizzano che le magnolie siano state le prime piante a produrre semi in un’ovaia protettiva, più di 70 milioni di anni fa.

Fauna –
Di tutti gli animali nel Parco Nazionale delle Great Smoky Mountains, l’orso nero (Ursus americanus) è uno dei preferiti dagli appassionati di fauna selvatica. Nel parco vivono circa 1600 orsi. Variano da 200 a 400 libbre di peso. Tutti gli orsi nel parco sono di colore nero, ma in altre parti del paese possono essere marroni o cannella.
Gli orsi non sono veri ibernatori perché non dormono in inverno e possono essere risvegliati. A novembre o dicembre, di solito dormono profondamente in una cavità di un albero o in una grotta di massi. A gennaio o febbraio, una mamma orsa può dare alla luce da uno a quattro cuccioli, mentre dorme. Pesando solo da 7 a 12 once alla nascita, i piccoli cuccioli, i cui occhi non sono ancora aperti, riescono a trovare il latte della madre usando il loro senso dell’olfatto. A un certo punto a marzo, la mamma orso si sveglia alla primavera e una cucciolata di cuccioli.
Gli orsi neri sono potenti e molto intelligenti. Si nutrono naturalmente di bacche, noci, semi, ghiande e insetti. Hanno un acuto senso dell’olfatto e sono bravi a riconoscere i colori e le forme. Questo notevole senso dell’olfatto porta anche gli orsi a cibi innaturali e nelle aree sviluppate alla ricerca di cibo umano. Gli orsi del parco sono noti per fare leva sugli sportelli delle auto per ottenere oggetti che pensano siano cibo. Per un orso, una lattina di palline da tennis potrebbe sembrare una lattina di patatine. Una bottiglia di crema solare potrebbe odorare come una torta di crema di cocco. Per questo bisogna fare attenzione a eventuali cibi in scatola e oggetti a forma di forzieri di ghiaccio. Mentre gli orsi non possono leggere l’etichetta su una lattina di maiale e fagioli, sanno che il cibo può arrivare in lattina.
La volpe rossa (Vulpes vulpes) è grande all’incirca quanto un cane di taglia media e di solito è di colore rossastro (con parti inferiori, mento e gola bianchi). Timida verso gli umani e principalmente notturna, la volpe rossa è difficile da individuare anche se è comune nel parco. La volpe mangia quasi tutto ciò in cui può affondare i denti, dagli uccelli e grilli al mais e alle mele. Di solito individua le sue tane su aree rialzate in modo da avere una vista dell’area circostante.
Il cervo dalla coda bianca (Odocoileus virginianus) si estende in tutti gli Stati Uniti, ma è un appuntamento fisso nel parco. Sono più comunemente visti in aree con campi aperti come Cades Cove e Cataloochee Valley. I biologi stimano che più di 6.000 cervi possano vivere nel parco. Sono di colore da marrone chiaro a bruno-rossastro in estate e bruno-grigiastro in inverno. Le popolazioni di cervi possono cambiare rapidamente. La sovrappopolazione locale porta a malattie diffuse e fame. La predazione da parte di coyote, orsi e linci rosse aiuta a ridurre le minacce associate alla sovrappopolazione.
I topi muschiati (Ondatra zibethica) sono più attivi di notte. Il topo muschiato vive lungo i torrenti del parco in tane multicompartimentali, che costruisce di piante, radici e fango. Costruisce anche piattaforme per cenare su tife, ninfee, giunchi e altra vegetazione circostante.
Lo scoiattolo volante meridionale (Glaucomys volans), il più piccolo degli scoiattoli arboricoli, è notturno. Scorgerne uno è una vera impresa. Lo scoiattolo arboricolo scivola, non vola, per mezzo di ampi lembi di pelle sui lati, che usa come un paracadute. Lo scoiattolo è bruno-grigiastro sulla parte superiore e bianco sul ventre.
Tra gli uccelli si annovera lo sfarfallio settentrionale (Colaptes auratus); questo è l’unico picchio del Nord America che mangia le formiche che trova a terra leccandole con la sua lunga lingua. Becca il legno come richiamo all’accoppiamento o per proclamare il suo territorio. Ha un dorso marrone e macchie scure sul lato inferiore.
Il vireo dagli occhi rossi (Vireo olivaceus) è soprannominato “predicatore” perché canta costantemente per tutto il giorno, anche mentre cerca di catturare e mangiare insetti. È tra gli uccelli più comuni nelle foreste decidue del Nord America orientale. Il nome deriva dai grandi occhi bruno-rossastro dell’uccello.
Tra gli anfibi troviamo la salamandra di Jordan (Plethodon jordoni) ha le guance rosse e si trova solo ad altitudini elevate negli Smokies. Poiché nessun’altra montagna a est è così alta, questo limita la sua portata. È una delle 31 specie di salamandra trovate nel parco.
Il peeper della primavera settentrionale (Hyla crucifer) annuncia l’arrivo della primavera con il suo suono pigolio dopo aver trascorso l’inverno in letargo nelle fessure della corteccia e sotto i tronchi. Per lo più notturna, questa raganella misura circa un pollice di lunghezza ed è marrone chiaro, marrone o grigio. I segni identificativi includono una X scura sul retro e una pancia macchiata. Vive in zone boschive vicino a stagni e laghi.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *