Santalum spicatum

Santalum spicatum

Il Sandalo australiano (Santalum spicatum (R.Br.) A. DC.) è una specie arbustiva o di piccolo albero appartenente alla famiglia delle Santalaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Rosidae,
Ordine Santalales,
Famiglia Santalaceae,
Genere Santalum,
Specie S. spicatum.
Sono sinonimi i termini:
– Eucarya spicata (R.Br.) Sprague & Summerh.;
– Fusanus cignorum Kuntze;
– Fusanus spicatus R.Br.;
– Fusanus spicatus var. frutescens Hochr.;
– Mida cignorum (R.Br.) Kuntze;
– Santalum cygnorum Miq.

Etimologia –
Il termine Santalum proviene dal latino medioevale sandalum, derivato dall’antico greco σάνδανον sándanon.
L’epiteto specifico spicatum viene da spíca spiga, spilla: con infiorescenze a spiga.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Sandalo australiano è una pianta originaria delle aree semi-aride ai margini dell’Australia sud-occidentale.
Il suo habitat è quello di un vasto tipo di forme forestali, dai boschi ai boschi bassi aperti, dove cresce su suoli argillosi e tra rocce ma anche su terre rosse, delle zone più secche e pianeggianti dei tropici e subtropicali, ad altitudini dal livello del mare fino a 500 metri.

Descrizione –
Il Santalum spicatum è un arbusto eretto o un piccolo albero con una corona aperta; questa pianta può raggiungere un’altezza di 3 – 8 metri.
Il tronco ha un diametro di 10 – 30 cm e la corteccia è dura, di colore grigio e con rami rigidi.
Il fogliame è di colore grigio-verde.
I fiori hanno un profumo nauseabondo di carogne attirando una vasta gamma di insetti impollinatori.
Il frutto è di forma sferica, di circa 3 centimetri di diametro e di colore arancione.
Il frutto, per gran parte, è costituito da un nocciolo commestibile.
La germinazione avviene in condizioni climatiche condizioni calde e umide.
La pianta si comporta da emiparassita in quanto ricava i macronutrienti dalle radici degli ospiti; infatti non cresce bene in assenza di un ospite.

Coltivazione –
Il Sandalo australiano viene raccolto, principalmente allo stato selvatico, sia per il suo legno pregiato, che per ottenere un olio essenziale.
Questa pianta cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 32 e 38 °C, ma può tollerare 7 – 45 °C. Quando è in riposo vegetativo può sopravvivere a temperature fino a circa -4 °C, ma la crescita delle giovani piantine può essere gravemente danneggiata a 0 °C.
Preferisce una piovosità media annua compresa tra 200 e 400 mm, ma tollera 150 – 500 mm e una posizione soleggiata, anche se può tollerare un po’ di ombra.
Dal punto di vista pedologico vegeta bene su una varietà di terreni, dalle terre rosse calcaree alle terrose rosse sabbiose dell’Australia occidentale, fino ai terreni marroni solonizzati e ai terreni argillosi calcarei poco profondi dell’Australia meridionale. Tollera la salinità del suolo e preferisce un pH compreso tra 5,5 e 6,5, tollerando 5 – 7. Richiede un terreno ben drenato e le piante oramai attecchite tollerano la siccità.
Gli alberi di sandalo sono parassiti delle radici di molte specie; tra queste ricordiamo: Eucalyptus salubris, Eucalyptus loxophleba, Casuarina cristata subsp. Pauper, Acacia aneura, Atriplex vesicaria, Pittosporum phillyreoides, Acacia acuminata, Senna siamea e Pongamia pinnata.
Normalmente ha più di un ospite alla volta.
La fioritura è sporadica a causa delle piogge irregolari nella maggior parte delle aree in cui la pianta cresce.
Le piante di solito non sopravvivono agli incendi.
Il legno di sandalo viene raccolto sradicando gli alberi dal terreno.
Sia le radici, che i gambi e i rami grandi sono tutti utilizzati fino a 2,5 cm di diametro, inoltre vengono utilizzati anche gambi di legno di sandalo morto.
La propagazione avviene per seme; è opportuno operare una scarificazione meccanica per migliorare i tassi di germinazione. In natura, il seme germina dopo temperature estreme e precipitazioni. Studi sul campo indicano che solo l’1 – 5% dei semi germina. Il tasso di germinazione è più alto nelle riserve e nelle aree di ricerca e piantagioni protette, ma è comunque inferiore al 20%.
Normalmente si seminano 4 semi per volta in siti ben drenati, 50-70 mm sotto il suolo e pacciamando in una piccola depressione creata.
Le piantine tendono a morire se le loro radici non riescono ad attaccarsi agli ospiti adatti.

Usi e Tradizioni –
La raccolta e l’esportazione di Santalum spicatum è stata importante nell’economia dell’Australia occidentale, andando a costituire più della metà delle entrate dello Stato. L’insediamento nell’area di Wheatbelt è stato accelerato e la distribuzione e la popolazione dei popolamenti endemici sono state significativamente influenzate durante i periodi di sviluppo rurale e recessione economica.
Una fonte di questa pianta, segnalata nel 1928, molto più piccola, ma economicamente significativa, si trovava nella regione di Quorn dell’Australia Meridionale.
Su questa pianta sono state eseguite delle ricerche da parte della Forestry Products Commission (WA), dalle università statali e dell’industria privata, per stabilire le caratteristiche colturali e le proprietà del suo legno e delle sue noci.
L’area delle piantagioni commerciali è passata da 7 chilometri quadrati a 70 chilometri quadrati tra il 2000 e il 2006. L’esportazione di 2.000 tonnellate di legno di sandalo all’anno proviene principalmente da boschi selvatici e pascoli lontani e della regione di Goldfields dell’Australia occidentale.
Il raccolto di alberi che crescono allo stato naturale si è ridotto rispetto all’industria del 19 ° secolo. Le esportazioni di oltre 50.000 tonnellate nell’ultimo decennio sono state collegate all’espansione agricola grazie a un maggiore accesso e ai raccoglitori. Secondo la società di ricerca e sviluppo AgriFutures Australia, nel 2020, l’industria del legno di sandalo, fornisce circa il 40% del mercato internazionale dell’olio di sandalo.
Dal 2017, per la prima volta gli aborigeni australiani sono stati coinvolti nella produzione del petrolio. I Dutjahn Custodians, che rappresentano la più ampia comunità di Martu , che sono collegati alla terra nel deserto di Gibson, dove viene raccolto il legno di sandalo, conducono in collaborazione le aziende alla Kutkabbuba Aboriginal Corporation e ai fondatori di WA Sandalwood Plantations.
Dal punto di vista ecologico dal momento dell’inizio del suo sfruttamento, nel sud-ovest dell’Australia, nella pianura costiera del cigno e nelle regioni interne con scarse precipitazioni, l’impatto della raccolta eccessiva e dello sgombero del terreno per coltivare grano e pascolare pecore, a partire dal 1880, ha notevolmente ridotto biodiversità e la popolazione della specie.
Si ricorda che la specie marsupiale Bettongia penicillata, nota come woylie, è nota per consumare e nascondere i semi di questa specie e si pensa che abbia svolto un ruolo significativo nella sua dispersione prima del loro declino nel ventesimo secolo.
Il Santalum spicatum è una pianta di cui si utilizza gran parte della pianta e dei suoli elaborati.
I frutti e i baccelli vengono raccolti in natura e mangiati come cibo.
I semi di sandalo possono essere mangiati e hanno costituito una parte preziosa della dieta australiana aborigena tradizionale.
I chicchi contengono il 45 – 55% di olio, che è caratterizzato da un’alta percentuale di acidi grassi acetilenici insoliti (49% di acido oleico e circa il 40% di acido ximeninico).
Oltre che per scopi alimentari questa pianta trova impiego per quelli medicinali.
L’olio essenziale ottenuto dal legno è utilizzato in medicina, in particolare come disinfettante per le vie urinarie. L’olio contiene diverse sostanze clinicamente attive tra cui fusanoli, santalolo e alcoli sesquiterpenici.
Questo è un liquido viscoso giallo pallido con una dolcezza legnosa, un po’ balsamica; ha una nota piuttosto secca-amara e leggermente resinosa.
L’olio è prezioso in profumeria proprio come l’olio di sandalo dell’India orientale.
Tra gli altri usi si ricordano quelli agroforestali:
Il terreno sotto la chioma di questo albero è solitamente disseminato di semi e le foglie in decomposizione ricostituiscono i nutrienti del suolo. A causa della sua profonda abitudine di radicamento, questo albero potrebbe offrire ombra o servizi di supporto per altre specie e per il consolidamento dei suoli. Tuttavia, occorre prestare attenzione a causa delle sue caratteristiche parassitarie.
Il legno di questa pianta viene, inoltre, è usato in Cina come incenso del tempio.
Il durame è marrone scuro ed è circondato da un alburno di colore chiaro. In passato veniva ampiamente tagliato ed esportato come legno di sandalo. Attualmente viene raccolto solo in piccole quantità.
Il legno è un ottimo combustibile ed è stato utilizzato per la cottura di forni da mattoni.

Modalità di Preparazione –
I frutti e i baccelli di Santalum spicatum vengono ancora raccolti dalle piante che crescono in natura e mangiati come cibo.
I semi di sandalo hanno costituito una parte preziosa della dieta australiana aborigena tradizionale.
Dalla pianta si estrae un olio essenziale, noto come olio di sandalo dell’Australia occidentale, può essere ottenuto mediante distillazione in acqua o a vapore del legno.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *