Aleyrodes proletella

Aleyrodes proletella

La mosca bianca del cavolfiore (Aleyrodes proletella Linnaeus, 1758) è una piccola mosca bianca appartenente alla famiglia degli Aleyrodidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Animalia,
Sottoregno Eumetazoa,
Ramo Bilateria,
Phylum Arthropoda,
Subphylum Hexapoda,
Classe Insecta,
Sottoclasse Pterygota,
Coorte Exopterygota,
Subcoorte Neoptera,
Superordine Paraneoptera,
Sezione Rhynchotoidea,
Ordine Rhynchota,
Sottordine Homoptera,
Sezione Sternorrhyncha,
Superfamiglia Aleyrodoidea,
Famiglia Aleyrodidae,
Genere Aleyrodes
Specie A. proletella.
È sinonimo il termine:
– Aleyrodes brassicae Walker.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La mosca bianca del cavolfiore è un insetto presente nell’emisfero settentrionale; la troviamo in alcune parti dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa, e si è diffuso in Nord e Sud America, Australia e Nuova Zelanda.
La specie è un parassita di varie specie di Brassica (principalmente cavoletti di Bruxelles e cavoli ) e Fragaria; inoltre si nutre anche di varie piante selvatiche, tra cui Capsella bursa-pastoris e, in funzione del Paese che ha colonizzato si è adattata anche ad altre famiglie di piante quali Umbelliferae ed Euphorbiaceae.

Morfologia –
La Mosca bianca del Cavolfiore è un piccolo insetto di circa 1,3-1,5 mm di lunghezza.
Presenta un corpo giallognolo, ricoperto di cera, con la livrea delle ali di colore bianco e con tre maculature grigiastre su ogni ala anteriore. La testa e il torace sono scuri, mentre la parte inferiore è gialla e anch’essa ricoperta da uno strato di cera. Gli occhi sono rossi.
Le neanidi hanno forma appiattita e di colore verdognole; il corpo è delimitato da una frangia di cera bianca e misura circa 1,5 mm di lunghezza.

Attitudine e Ciclo biologico –
L’ Aleyrodes proletella, in funzione delle condizioni climatiche, sverna come adulto o come neanide.
Gli adulti depongono le uova, in gruppi all’interno di aree tondeggianti di cera, sulla pagina inferiore delle foglie. Le neanidi nascono dopo pochi giorni.
Le condizioni climatiche possono favorire il ripetersi annuale di questo ciclo per cui il numero delle generazioni compiute in un anno è variabile in relazione al clima.
Di solito si possono avere da quattro a cinque generazioni all’anno. Lo sviluppo di una generazione varia da tre a sei settimane. Una femmina può deporre fino a 150 uova.

Ruolo Ecologico –
La mosca bianca del cavolfiore, se presente con infestazioni notevoli, può provocare danni a carico delle foglie, specialmente nella pagina inferiore, ed è causato dalle punture trofiche sia degli adulti che delle forme giovanili.
L’attacco provoca ingiallimenti, deformazioni ed ostacola lo sviluppo delle giovani piantine; a questo si aggiunge l’abbondante produzione di melata, da parte delle neanidi che provoca la comparsa delle fumaggini.
Ricordiamo però che i danni sono generalmente contenuti, soprattutto in aziende e comprensori che hanno una conduzione agroeocologica e con basso uso di sostanze di sintesi; infatti le popolazioni di Aleyrodes proletella sono mantenute entro limiti accettabili dalla presenza di numerosi nemici naturali.
La lotta chimica contro questo aleurodide, oltre che sconsigliata, non viene quasi mai effettuata per il costante ed efficace controllo delle popolazioni da parte dei nemici naturali; tra questi ricordiamo i Ditteri Cecidomidi e Drosofilidi, i Coleotteri Coccinellidi e gli Imenotteri Afelinidi del genere Encarsia.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Russo G., 1976. Entomologia Agraria. Parte Speciale. Liguori Editore, Napoli.
– Tremblay E., 1997. Entomologia applicata. Liguori Editore, Napoli.

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *