Parco nazionale delle Montagne Rocciose

Parco nazionale delle Montagne Rocciose

Il Parco nazionale delle Montagne Rocciose, il cui codice WDPA è 984 è una parco degli Stati Uniti istituito il 26 gennaio 1915.
Questo parco, situato nel centro-nord della regione del Colorado, a nord-ovest della città Boulder ha una estensione di 1.075,53 km².
Il Parco nazionale delle Montagne Rocciose è dotato di maestose montagne, una ricca fauna selvatica, laghi e torrenti (tra cui le sorgenti del Colorado), climi e ambienti diversi come i boschi, le foreste montane e la tundra.
Il punto più alto di questo parco è Longs Peak, 4.346 m.s.l.m..
Il Parco nazionale delle Montagne Rocciose è diviso dalla Continental Divide, lo spartiacque che separa il Nord America fra il bacino dei fiumi che finiscono nell’Oceano Atlantico e quelli che finiscono nell’Oceano Pacifico, che dà alle due parti del parco caratteristiche differenti, infatti il lato orientale tende ad essere più secco e con molte cime ghiacciate, mentre quello occidentale è più umido e lussureggiante, dominato da fitte foreste.
Questo parco per la presenza dei suoi ripidi pendii è un importante sito d’arrampicata, dove si può praticare l’arrampicata in falesia, il bouldering e le vie lunghe. La roccia è di gneiss granitico.
Oltre alle sue caratteristiche geografiche e geologiche questo parco riveste una grande importanza dal punto di vista ecologico.
Il Parco nazionale delle Montagne Rocciose ospita, infatti, circa 900 specie di piante, 281 tipi di uccelli e 60 specie di mammiferi. Alcuni sono facili da individuare mentre altri rimangono sfuggenti. L’incredibile diversità della vita vegetale e animale nel parco riflette tre distinti sistemi di vita che corrispondono all’altitudine: montano, subalpino e alpino. Inoltre le comunità ripariali, che attraversano tutte queste zone, sostengono flora e fauna lungo fiumi e torrenti.

Flora –
Sui pendii asciutti e soleggiati e le valli aperte rivolte a sud ai livelli inferiori a est della Continental Divide (dai 2.100 ai 2.900 metri di altitudine circa) si possono trovare la Margherita di Pasqua (Townsendia exscapa) e il pino ponderosa (Pinus ponderosa), che si distingue per il suo “puzzle corteccia”. I pendii più umidi, esposti a nord, sostengono l’abete Douglas (Pseudotsuga menziesii) e il pino lodge (Pinus contorta) e una popolazione più piccola di ponderosa. Il pasqueflower (Anem-one patens) fiorisce qui a maggio contemporaneamente al fiore della parete occidentale (Erysi-mum asperum). La scarpetta fata (Calypso bulbosa), un membro della famiglia delle orchidee, fiorisce poco dopo.
L’abete Engelmann (Picea engelmannii) e l’abete subalpino (Abies lasiocarpa) prendono il sopravvento a questa altitudine subalpina (da 2.900 a 3.500 metri circa). Dove gli incendi hanno ripulito il terreno, fioriscono il pino e il mirtillo rosso (Vaccinium). Nelle zone mosse dal vento, il pino agile (Pinus flexilis) è piegato e attorcigliato in forme bizzarre. I venti forti e freddi possono distruggere la nuova crescita sul lato sopravvento degli alberi, lasciando una crescita permanente solo sul lato protetto. Tali alberi sono spesso chiamati alberi “bandiera”. Avvicinandosi al limite del bosco (al di sopra del quale gli alberi non crescono), le nuove piantine spesso germinano solo sui lati riparati delle rocce dove possono essere protette dal vento. Crescendo solo fino alle rocce che forniscono loro protezione, questi alberi di krummholz rachitici possono avere diverse centinaia di anni.
L’area alpina, situata sopra la linea degli alberi (3.500 metri di elevazione e oltre), è una terra estrema. Per sopravvivere qui, bisogna essere in grado di sopportare venti di uragano, temperature artiche e una stagione di crescita radicalmente ridotta. Per adattarsi, le piante alpine come il cervo alpino (Acomastylis rossii) formano ciuffi simili a muschi che si abbracciano al suolo con lunghi fittoni. Molte piante della tundra hanno peli densi su steli e foglie che forniscono protezione dal vento o pigmenti rossi che convertono la luce solare in calore e schermano le radiazioni ultraviolette.

Fauna –
Nel Parco nazionale delle Montagne Rocciose risiedono tremila alci (Cervus elaphus). Prima che il parco fosse istituito, la caccia aveva decimato la popolazione, ma da allora un’attenta gestione ha ripristinato le mandrie, le maggior parte delle quali vive in alta montagna durante l’estate. In autunno, gli alci migrano verso quote più basse dove sono spesso visti nei prati aperti o ai margini della foresta. Durante la stagione degli amori, l’alce toro emette una combinazione di fischi acuti e grugniti nel tentativo di attirare una femmina.
A causa della popolarità dell’osservazione degli alci, esistono regole per garantire che gli animali non siano disturbati in questo momento critico. Gli alci maschi sono molto imprevedibili e pericolosi.
Il membro più numeroso della famiglia dei cervi, l’alce (Alces alces) è, per sua natura, solitario. Occasionalmente possono essere visti tra i salici nella valle di Kawuneeche. I maschi sono dotati di enormi palchi che hanno la forma di palette con artigli, distinguendoli chiaramente dalle femmine che non ne hanno. Gli alci sono forti nuotatori e sono in grado di immergersi in cerca di cibo, rimanendo sott’acqua per diversi minuti alla volta. Le loro gambe lunghe sono un adattamento per vivere in un habitat coperto di neve profonda per gran parte dell’anno.
Il cervo mulo (Odocoileus hemionus) è più piccolo dell’alce e frequenta i bordi dei prati vicino alle strade del parco. Per quanto delicati e gentili possano sembrare, i cervi mulo sono altamente territoriali e possono causare gravi lesioni con i loro zoccoli affilati e le corna, per cui conviene non avvicinarli mai.
Il castoro (Castor canadensis) è principalmente notturno, ma la prova della loro presenza è visibile lungo i ruscelli e gli stagni del parco dove tagliano pioppi e salici per il cibo e per costruire dighe. I ceppi risultanti sembrano essere stati tagliati ad angolo acuto con due o tre tagli di un’accetta. Senza il castoro e le sue capacità di costruzione, le specie sempreverdi avrebbero preso il controllo dei prati, rendendoli inutili come habitat per cervi, alci e molti altri animali del parco. Sbarrando i corsi d’acqua, il castoro crea stagni che alla fine si riempiono di limo e diventano prati. Il castoro seleziona quindi una nuova area per la sua diga e il processo di costruzione dell’habitat continua.
Abbondante e attiva, la marmotta dal ventre giallo (Mar-mota flaviventris), lo scoiattolo di terra dal mantello dorato (Spermophilus lateralis), lo scoiattolo di terra del Wyoming (Spermophilus eligam), lo scoiattolo del Colorado (Tamias quadrivittatus) e il pulcino (Tamiasciurus hudsonicus) sono roditori comunemente visti nei campeggi, lungo i sentieri, nelle aree picnic e negli sguardi.
Gli orsi neri (Ursus americanus), che in realtà variano nel colore dal biondo al nero, esistono nel parco invece in piccolo numero (30-50).
Un tempo i grizzly popolavano l’area, ma qui furono cacciati fino all’estinzione nel 1920. Gli orsi neri, i cugini più piccoli del grizzly, possono essere visti occasionalmente lungo le strade o nei campeggi.
Si consiglia sempre di non avvicinarti a un orso, specialmente a uno con i cuccioli.
Il coyote (Canis latrans) è il predatore più importante del parco per mantenere l’equilibrio della natura. Il suo simile, il lupo, un tempo prosperava qui, ma è stato intrappolato e cacciato fino all’estinzione.
Il leone di montagna (Felis concolor), che si nutre principalmente di cervi, e la lince rossa (Lynx rufus), che si nutre di una varietà di roditori e uccelli, sono timidi, riservati e raramente visti. Inoltre i gatti selvatici possono essere estremamente pericolosi e sono noti per attaccare gli esseri umani.
In piena estate, possono vedersi poi un gran numero del colibrì rossiccio (Selasphorus rufus) color ruggine che migra attraverso il parco.
Qui l’uccello azzurro di montagna (Sialia currucoides) nidifica spesso nei buchi abbandonati del nido del picchio. Un tempo abbondante in Occidente, il suo numero è diminuito poiché il suo habitat principale e i siti di nidificazione adatti sono stati occupati da attività umane.
Molti gruppi civici stanno cercando di rivitalizzare la popolazione locale di questo colorato uccello da riporre nelle casette per gli uccellini su pali di recinzione e altri luoghi adatti.
In questo parco il falco pescatore e altri rapaci sono comunemente visti anche a quote più basse vicino al Grand Lake.
Il falco pellegrino (Falco peregrinus), che è stato quasi portato all’estinzione a causa del DDT, ha fatto un enorme recupero da quando la sostanza chimica tossica è stata bandita. I pulcini nati in cattività sono stati rilasciati nel parco da diversi anni e ora ci sono coppie nidificanti o riproduttive. Il più veloce di tutti gli uccelli, il falco pellegrino, può piombare in picchiata in verticale oltre 300 Km/ora per catturare la sua preda.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *