Parco nazionale di Wind Cave

Parco nazionale di Wind Cave

Il parco nazionale di Wind Cave, il cui Codice WDPA è: 4444408 è un parco nazionale situato nel Dakota del Sud, negli Stati Uniti d’America.
Questo parco ha una superficie a terra di 136,97 km2 ed è stato istituito il 9 gennaio 1903.
Il Parco nazionale di Wind Cave è situato a 16 km a nord della città di Hot Springs, nel Dakota del Sud occidentale.
È stato istituito nel 1903 dal presidente Theodore Roosevelt ed è stato il settimo parco nazionale e la prima grotta ad essere designata parco nazionale in tutto il mondo. La grotta è notevole per le sue formazioni di calcite note come boxwork, così come per il suo frostwork.
Circa il 95% delle formazioni di calcite scoperte nel mondo si trovano nella Grotta del vento. La grotta è riconosciuta come il sistema di grotte più denso del mondo, con il maggior volume di passaggio per miglio cubo. Inoltre la Wind Cave è uno delle grotte più lunghe del mondo con 239,81 km di passaggi di grotte esplorati, a partire dal 2018.
In superficie, il parco comprende la più grande prateria naturale di erba mista rimasta negli Stati Uniti.
Si dice che i passaggi nel parco “respirino” mentre l’aria entra o esce continuamente da essi, equalizzando la pressione atmosferica della grotta e l’aria esterna. Quando la pressione dell’aria è più alta all’esterno della grotta che all’interno, l’aria fluisce nella grotta, aumentando la pressione della grotta in modo che corrisponda alla pressione esterna. Quando la pressione dell’aria all’interno della grotta è superiore a quella esterna, l’aria esce dalla grotta, abbassando la pressione dell’aria all’interno della grotta.
Dal punto di vista climatico i rapidi cambiamenti meteorologici, accompagnati da rapidi cambiamenti barometrici, sono una caratteristica del clima del Sud Dakota occidentale. Se una tempesta in rapido movimento si stava avvicinando il giorno in cui i fratelli Bingham, che hanno trovato la grotta, la pressione atmosferica sarebbe diminuita rapidamente, facendo sì che l’aria ad alta pressione della grotta si precipitasse fuori tutte le aperture disponibili, creando il vento per il quale è stato chiamato Wind Cave.
Questa grotta era conosciuta dai Lakota, dagli Cheyenne ed altre tribù di nativi americani che hanno viaggiato nella zona, così come i primi coloni euro-americani, ma non ci sono prove che qualcuno sia effettivamente entrato.
I Lakota (conosciuti anche come Sioux) parlavano di un buco che soffiava aria, un luogo che considerano sacro in quanto luogo in cui sono emersi per la prima volta dagli inferi dove avevano vissuto prima del demiurgo creatore del mondo.
La prima scoperta documentata della grotta da parte degli americani bianchi fu nel 1881, quando i fratelli Tom e Jesse Bingham sentirono il vento che proveniva da un buco nel terreno di 25 cm per 36 cm. Secondo la storia, quando Tom guardò nel buco, il “vento” (che usciva dall’aria della caverna) gli fece saltare il cappello dalla testa.
Dal 1881 al 1889, poche persone si avventurarono lontano nella Grotta del Vento. Poi nel 1889 la South Dakota Mining Company assunse Jesse D. McDonald per sovrintendere alla loro rivendicazione mineraria sul sito della grotta. La South Dakota Mining Company potrebbe aver sperato di trovare minerali preziosi, o potrebbe aver avuto in mente lo sviluppo commerciale della grotta sin dall’inizio.
Di fatto non sono stati trovati depositi minerali di valore e la famiglia McDonald ha iniziato a sviluppare la grotta per il turismo.
Nel febbraio 1892 la grotta era già aperta ai visitatori; la tariffa standard del tour era apparentemente $ 1,00, che all’epoca era una notevole somma di denaro.
I turisti hanno esplorato la grotta a lume di candela durante le visite guidate. Questi primi tour erano fisicamente impegnativi e talvolta prevedevano di strisciare attraverso passaggi stretti.
Il Parco nazionale di Wind Cave protegge un ecosistema diversificato con specie animali e vegetali orientali e occidentali.

Flora –
La posizione del Parco nazionale di Wind Cave sul bordo meridionale delle Black Hills lo rende un luogo ideale per vivere sia la prateria aperta che la foresta di pini ponderosa. La zona di transizione di questi due habitat è chiamata ecotone, un ambiente che fornisce copertura e cibo a molte specie di animali.
Le Grandi Pianure sono dominate dalle erbe, grazie al clima semi-arido che le pianure occupano. Le erbe si adattano bene all’ambiente estremo delle pianure aperte. Le Black Hills, che sono più alte delle pianure circostanti, forniscono un ambiente più fresco e umido che rende possibile la crescita dei boschi.
Il Parco nazionale di Wind Cave occupa il bordo sud-orientale delle Black Hills. Ospita sia praterie che ambienti forestali. Mentre gran parte del parco è una prateria aperta con scarsa vegetazione legnosa, questi boschi di pino ponderosa coprono le parti topograficamente più alte del parco.
Le foreste delle Black Hills sono dominate dal pino ponderoso. La ponderosa è comune in gran parte del Nord America occidentale e le Black Hills rappresentano alcune delle loro catene più orientali. Essendo una specie tollerante alla siccità, è ben adattata alla vita nelle Black Hills, dove la pioggia può cadere abbondantemente alcuni anni, ma essere molto assente in altri anni.
Al Parco nazionale di Wind Cave, vengono prese misure per garantire che le foreste di ponderosa siano naturalmente sane. Negli ultimi anni, il crescente riconoscimento del fuoco come componente naturale della salute delle foreste ha portato a un programma antincendio prescritto.
Il fuoco promuove la salute delle foreste rimuovendo il materiale. Questo materiale può essere l’accumulo di materia vegetale morta e in decomposizione o alberi ad alberello. Eliminando questi materiali, il fuoco fa più spazio a un sottobosco forestale diversificato. Il sottobosco della foresta può essere composto da arbusti e piante da fiore, come lo snowberry occidentale. Questo supporta una varietà di animali nella foresta.
Il fuoco fornisce anche l’habitat per gli animali bruciando parzialmente alberi maturi, creando “ostacoli”. Questi alberi morti in piedi attirano insetti come i coleotteri dalle corna lunghe. I coleotteri diventano un’importante fonte di cibo per gli uccelli, come lo sfarfallio del nord e la cincia dal cappuccio nero.
Un altro ecosistema importante del Parco è rappresentato dalle praterie.
L’ecosistema della prateria è come un puzzle. Quando parti del puzzle scompaiono, è difficile comprendere il quadro completo. A Wind Cave, vengono preservate quante più parti possibile di questo puzzle. Di conseguenza, questo parco è un rifugio per piante e animali della prateria e un ottimo posto per vedere un residuo delle praterie nordamericane.
Un tempo, un terzo del continente nordamericano era coperto da praterie. Molti esploratori videro la desolazione quando arrivarono nelle Grandi Pianure, una sensazione che ancora oggi si impossessa di molti viaggiatori. A un occhio inesperto, la prateria sembra un deserto arido, privo di vita. Ma la prateria è tutt’altro che sterile. È uno degli ambienti più diversi nella vita vegetale e animale del Nord America e le sue forme di vita uniche si adattano bene al clima rigido del continente interno.
La prateria è divisa in prateria di erba alta orientale, prateria di erba mista centrale e prateria di erba corta occidentale. Le praterie di erba alta ricevono 75 o più cm di pioggia all’anno, mentre le praterie di erba corta ricevono circa 30 cm di pioggia. La prateria di erba mista riceve precipitazioni tra queste quantità. La composizione delle specie è determinata dal clima, dalla frequenza degli incendi e dal grado e dalla frequenza del pascolo. La prateria di erba mista è un ecotono che risulta in cui la composizione delle specie si sposta costantemente tra le praterie di erba alta e bassa.
Per comprendere la vita nella prateria, è necessario comprendere gli estremi climatici sopportati dagli abitanti della prateria. Le fluttuazioni annuali della temperatura di 60 °C sono comuni. Alcuni anni possono portare intensa siccità. Periodicamente si verificano eventi meteorologici intensi come grandine, tornado e incendi.
In questo ambiente le specie erbacee sono in grado di massimizzare la loro crescita e produzione, anche in ambienti in continua evoluzione. Più della metà della loro massa è sotto terra, sotto forma di radici. Questo aiuta a costruire e trattenere il suolo e crea un negozio di cibo che le piante usano durante l’inverno o durante la siccità. Anche le erbe si sono adattate alla pressione del pascolo. La silice, un minerale duro che si trova nel suolo, è incorporata nelle cellule della pianta. Questo rende le foglie ruvide e meno appetibili per gli animali al pascolo.
Inoltre, le parti in crescita sono alla base della pianta, quindi gli animali al pascolo non uccidono la pianta. Quando il tessuto fotosintetico viene rimosso mediante il pascolo, la velocità di fotosintesi all’interno del tessuto non consumato aumenta.

Fauna –
La diversità della copertura del suolo nel parco fornisce l’habitat principale per molti animali nel parco. Il punto in cui la foresta incontra la prateria è chiamato ecotone, l’unione di due tipi di habitat. Gli animali sono spesso visti lungo l’ecotono, approfittando della foresta coperta e della prateria aperta.
Gli alci sono un ottimo esempio di animale che sfrutta l’ecotono. Generalmente, gli alci usano la foresta coperta durante il giorno e pascolano nella prateria di notte.
L’istituzione del programma di preservazione del Parco del 1912 portò la reintroduzione di bisonti, alci e antilocapra americana nel parco. Quell’eredità di protezione della fauna selvatica continua ancora oggi con la recente reintroduzione del furetto dai piedi neri.
La fauna selvatica che abita questo parco include:
– procioni, alci, bisonti, coyote, puzzole, tassi, ermellini, furetti dai piedi neri, puma, linci, volpi rosse, visoni, antilocapra americana e cani della prateria . Il branco di bisonti della Grotta del Vento è una delle sole quattro mandrie libere e geneticamente pure su terreni pubblici in Nord America. Le altre tre mandrie sono la mandria di bisonti di Yellowstone Park , la mandria di bisonti di Henry Mountains nello Utah e su Elk Island in Alberta, Canada.
La mandria di bisonti della Grotta del Vento è attualmente esente da brucellosi.

Guido Bissanti

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *