Cladonia pyxidata

Cladonia pyxidata

La Cladonia pyxidata (Cladonia pyxidata (L.) Hoffm. 1796) è un lichene appartenente allla famiglia delle Cladoniaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Fungi, Divisione Ascomycota, Classe Lecanoromycetes, Ordine Lecanorales, Famiglia Cladoniaceae e quindi al Genere Cladonia, al Sottogenere Cladonia ed alla Specie C. pyxidata.
Sono sinonimi i termini:
– Cladonia chlorophaea auct.;
– Cladonia monomorpha Aptroot, Sipman & Herk;
– Cladonia neglecta (Flörke) Spreng.;
– Cladonia pyxidata ssp. chlorophaea (Sommerf.) V.Wirth;
– Cladonia pyxidata v. chlorophaea (Sommerf.) Flörke.
Di questa sottospecie attualmente si riconoscono le seguenti forme, sottospecie e varietà:
– Cladonia pyxidata [var.] pterygota Flörke.;
– Cladonia pyxidata [var.] pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata [var.] verticillata Hoffm.;
– Cladonia pyxidata f. botryosa Delise.;
– Cladonia pyxidata f. carneopallida (Ach.) Harm. (1896);
– Cladonia pyxidata f. centralis Flot.;
– Cladonia pyxidata f. cervina Nyl. (1858);
– Cladonia pyxidata f. conistea (Delise) Delise, (= Cladonia humilis var. humilis);
– Cladonia pyxidata f. dilacerata Doppelb. (1950);
– Cladonia pyxidata f. expansa Anders (1936);
– Cladonia pyxidata f. intermedia Sandst. (1910);
– Cladonia pyxidata f. lophyra Ach.;
– Cladonia pyxidata f. lophyroides Vain. ex Szatala (1938);
– Cladonia pyxidata f. macra (Flörke) Müll. Arg.;
– Cladonia pyxidata f. myriocarpa Mudd.;
– Cladonia pyxidata f. pachyphyllina (Wallr.) Vain. (1927);
– Cladonia pyxidata f. phyllophora Mudd.;
– Cladonia pyxidata f. pocillum (Ach.) Flot.;
– Cladonia pyxidata f. pterygota (Flörke) Sandst. (1927);
– Cladonia pyxidata f. pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata f. simplex (Ach.) Harm.;
– Cladonia pyxidata f. staphylea (Ach.) Harm.;
– Cladonia pyxidata f. syntheta (Ach.) Harm. (1927);
– Cladonia pyxidata subsp. chlorophaea (Flörke ex Sommerf.) V. Wirth (1994), (= Cladonia chlorophaea);
– Cladonia pyxidata subsp. grayi (G. Merr. ex Sandst.) V. Wirth (1994), (= Cladonia grayi);
– Cladonia pyxidata subsp. pocillum (Ach.) Å.E. Dahl (1950), (= Cladonia pocillum);
– Cladonia pyxidata subsp. pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata, apoteci;
– Cladonia pyxidata subvar. lepidophora Flörke.;
– Cladonia pyxidata subvar. pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata tax.vag. pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata tax.vag. verticilliata Hoffm., (= Cladonia cervicornis subsp. verticillata);
– Cladonia pyxidata var. baccifera Räsänen (1944);
– Cladonia pyxidata var. chlorophaea (Flörke ex Sommerf.) Flörke, (= Cladonia chlorophaea);
– Cladonia pyxidata var. chlorophaea f. staphylea (Ach.) Harm.;
– Cladonia pyxidata var. costata Flörke (1828);
– Cladonia pyxidata var. flavida Vain.;
– Cladonia pyxidata var. marginalis F. Wilson (1887);
– Cladonia pyxidata var. neglecta (Flörke) A. Massal. (1855);
– Cladonia pyxidata var. pocillum (Ach.) Flot. (1927), (= Cladonia pocillum);
– Cladonia pyxidata var. pyxidata (L.) Hoffm. (1796);
– Cladonia pyxidata var. pyxidata f. lophyra (Ach.) Körb..

Etimologia –
Il termine Cladonia proviene dal greco kladṓn, variante di kládos ‘ramo’, per le divisioni del tallo.
L’epiteto specifico pyxidata viene dal greco πυξίς pyxís vasetto, pisside, scatoletta, per la forma degli apoteci.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Cladonia pyxidata è una specie polimorfica e cosmopolita. Questo lichene si adatta ad una grande varietà di climi e ciò è sicuramente il motivo principale della sua ampia diffusione a tutte le latitudini e longitudini.
Il suo habitat è quello di ambiti con pH del substrato con valori intermedi fra molto acido e subneutro fino a subneutro puro. Il bisogno di umidità spazia da igrofitico a mesofitico.

Riconoscimento –
Questo lichene ha un tallo primario con poche squamule, che non stanno nelle vicinanze del substrato.
I podezi hanno forma di calice, abbastanza larghi, con internamente ed esternamente una cortex di consistenza granulosa ma piuttosto grossolana.
Gli apoteci crescono su escrescenze del bordo del calice in forma di piccole capsule (da cui il nome della specie).

Coltivazione –
La Cladonia pyxidata crecse su un gran numero di substrati: con terreno calcifero, terreno acido (principalmente su substrati silicei), muschi vivi, detriti vegetali, lignum, corteccia
La gamma altitudinale vadalla fascia mesomediterranea (vegetazione potenziale: boschi di latifoglie sempreverdi dominati da Quercus ilex) alla fascia nivale (sopra il limite inferiore delle nevi perenni e dei ghiacciai).

Usi e Tradizioni –
Questo lichene è facilmente confondibile con altri congeneri come C. pocillum, C. fimbriata e C. chlorophaea. Il fotobionte è principalmente un’alga verde delle Trentepohlia.

Modalità di Preparazione –
Di questo lichene si utilizza per scopi medicinali il tallo.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Cetto B., 2008. I funghi dal vero, Saturnia, Trento.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *