Ecozona Australasiana

Ecozona Australasiana

L’Ecozona australasiana o Australasia è un’area geografica che comprende tutta l’Oceania ed il settore più orientale dell’arcipelago indonesiano.
Il confine di questa ecozona con l’ecozona indomalese è segnato dalla Linea di Wallace che separa le isole di Bali, Giava e le Filippine da Sulawesi e dagli arcipelaghi minori dell’Indonesia.
In gran parte isolata dall’Oceano Indiano e dall’Oceano Pacifico, l’unico apparente punto di collegamento con le altre ecozone del pianeta è rappresentato dal confine con l’ecozona indomalese. In realtà, la Linea di Wallace costituisce un punto di discontinuità che differenzia notevolmente, dal punto di vista biologico, l’ecozona indomalese dall’australasiana.
Questa area geografica si estende per un territorio di area 7,6 milioni di km2.
I territori che rientrano nell’ecozona australasiana sono:

– Sulawesi (Celebes);
– Piccole Isole della Sonda (esclusa Bali);
– Arcipelago delle Molucche;
– Nuova Guinea;
– Australia;
– Tasmania;
– Nuova Zelanda;
– Micronesia;
– Melanesia;
– Polinesia.

Il termine Australasia (dal francese Australasie) fu coniato dal magistrato, filosofo, linguista e politico francese, Charles de Brosses, che uso per la prima volta il termine in Histoire des navigations aux terres australes (1756).
Per via dell’isolamento geografico questa ecozona possiede un’elevata concentrazione di endemismi, in particolare nell’Australia e nella Nuova Zelanda, isolate geograficamente fin dal Mesozoico.
L’Ecozona australasiana comprende una grande varietà di biomi anche se complessivamente meno estesi rispetto agli altri continenti. Fra i biomi terrestri, in questa zona sono rappresentati, da nord a sud, la foresta stagionale tropicale, la foresta pluviale tropicale, la prateria tropicale e, nelle zone costiere, la mangrovia, il deserto tropicale, il bioma mediterraneo, la foresta pluviale temperata, la foresta decidua temperata. Non meno importanti sono i biomi marini, in particolare la barriera corallina che, in questa ecozona, raggiunge la sua massima estensione con la Grande barriera corallina.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *