Cibotium barometz

Cibotium barometz

La Felce lanosa (Cibotium barometz (L.) J.Sm.) è una felce arborea appartenente alla famiglia delle Cibotiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Divisione Pteridophyta, Classe Polypodiopsida, Ordine Cyatheales, Famiglia Cibotiaceae e quindi al Genere Cibotium ed alla Specie C. barometz.
È sinonimo il termine:
– Aspidium barometz (L.) Willd.;
– Dicksonia barometz (L.) Link;
– Nephrodium baromez (L.) Sweet;
– Polypodium barometz L..

Etimologia –
Il termine Cibotium proviene dal greco κιβώτιον cibótion scatoletta (diminutivo di κιβωτός cibotós scatola, urna), riferimento all’indusio che copre le spore.
L’epiteto specifico barometz viene probabilmente dal russo баранец baranéc agnello (derivato da баран baran ariete) che ricorda l’Agnus scythicus o Planta Tartarica Barometz, una pianta leggendaria il cui frutto era un agnello che pascolava restando legato alla pianta da un cordone ombelicale per cui entrambi morivano quando finiva l’erba. Il riferimento si basa sul fatto che, dopo aver rimosso le fronde di questa felce, il rizoma capovolto ricorderebbe un agnello lanuto con le gambe costituite dalle basi recise dei piccioli.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Cibotium barometz è una specie di felce arborea, sempreverde, originaria di alcune zone della Cina e della parte occidentale della penisola malese.
Cresce nell’est dell’Asia, Cina, Giappone meridionale, India nord-orientale, Myanmar, Thailandia, Malesia e Indonesia.
Il suo habitat è quello delle colline, calanchi e boschi, in luoghi ombrosi e umidi ed ai margini della foresta.

Descrizione –
Il Cibotium barometz è una felce sempreverde con un rizoma strisciante, che produce fronde alte fino a 3 metri.
La pianta cresce solo fino a un’altezza di 1 m, quando è eretta, ma è spesso prostrata, formando colonie di piante sui pendii della foresta aperta e in aree disturbate. I sori sono marginali sulle pinnule .
Possiede un rizoma molto spesso, legnoso e ricoperto da lunghi peli di colore giallo dorato.

Coltivazione –
Questa felce viene talvolta raccolta allo stato selvatico per uso medicinale locale. Altre volte viene coltivata come pianta ornamentale.
La Felce lanosa predilige un terreno ricco di humus in posizione riparata e luminosa ma all’ombra dei raggi solari.
Cresce bene nei boschi leggeri. Le piante che crescono spontaneamente sono spesso un indicatore delle condizioni acide del suolo.
Inoltre richiede zone al riparo dai venti, abbondanza di umidità per le radici ed umidità ambientale.
Per quanto riguarda i metodi di propagazione si può partire dalle spore o dai germogli laterali.
– Spore: dovrebbero essere raccolte da fronde mature di piante sane. Le fronde più mature sono generalmente quelle più in basso sulla pianta. I contenitori di spore (sori) su queste fronde dovrebbero apparire pieni e carnosi. I rami delle fronde (padiglioni auricolari) devono essere rimossi dal gambo principale della fronda e asciugati e posti in sacchetti di carta, buste o pacchetti di giornali piegati. È necessario porre ogni pezzo di fronda nel suo contenitore di carta con il lato delle spore rivolto verso il basso. Per garantire che le spore si asciughino rapidamente e non ammuffiscano, è bene posizionare i contenitori in un unico strato in un luogo caldo e asciutto per 2 o 3 giorni. Le spore mature cadranno dalle fronde. Le spore possono essere separate dai detriti rimanenti utilizzando un setaccio molto fine. Per la semina delle spore bisogna stare molto attenti alle condizioni sanitarie per prevenire sia le infezioni fungine che la contaminazione incrociata da altre spore di felce. Qualsiasi mezzo di semina deve essere completamente sterilizzato prima di seminare le spore. Le spore pulite vengono sparse sulla superficie della miscela sterilizzata e inumidite con uno spruzzo sottile di acqua distillata. È bene mescolare le spore con acqua e spruzzarle sulla miscela di piantagione per avere una distribuzione più uniforme. Inoltre bisogna posizionare un coperchio sulla miscela per evitare contaminazioni e mantenere un’elevata umidità. Le spore pulite e asciutte possono essere conservate in buste o pacchetti di carta. Si raccomanda di posizionare le buste in un contenitore a tenuta d’aria e metterlo in frigorifero.
– Germogli laterali: i germogli laterali che si formano sui tronchi principali possono essere utilizzati per formare nuove piante.

Usi e Tradizioni –
La specie è un’erba medicinale popolare di uso comune.
Si pensava che fosse il mitico Agnello Vegetale della Tartaria durante il Medioevo a causa della somiglianza dei suoi rizomi lanosi con un agnello.
Tuttavia, sebbene non abbiamo trovato segnalazioni di tossicità per questa specie, un certo numero di felci contiene agenti cancerogeni, quindi è consigliabile una certa cautela.
Molte felci contengono anche tiaminasi, un enzima che priva il corpo del suo complesso vitaminico B. In piccole quantità questo enzima non danneggerà le persone che seguono una dieta adeguata e ricca di vitamina B, anche se grandi quantità possono causare gravi problemi di salute. L’enzima viene distrutto dal calore o dall’essiccazione completa, quindi la cottura della pianta rimuove la tiaminasi.
Esistono dei rapporti secondo cui la pianta è commestibile, ma non specificano quale parte della pianta possa essere utilizzata.
I rizomi contengono circa il 30% di amido e sono antinfiammatori, anodici e vermifughi. Questi sono utilizzati nel trattamento di reumatismi, lombalgie, sciatica, leucorrea, disuria, poliuria negli anziani, ecc.
La radice è impiegata come tonico in Cina, dove si dice che eserciti un’azione speciale sugli organi genito-urinari.
I peli gialli sui rizomi contengono tannini e sono astringenti; vengono usati negli impacchi sulle ferite per fermare il sanguinamento.
I lunghi peli setosi e giallastri alla base delle fronde provocano una rapida coagulazione del sangue e, se opportunamente utilizzati, sono utili per arrestare le emorragie capillari.
Dal punto di vista ecologico Sebbene sia ampiamente distribuita, la pianta è stata ampiamente raccolta nel sud-est asiatico, causando il declino delle dimensioni della popolazione e del numero di individui.

Modalità di Preparazione –
I rizomi del Cibotium barometz vengono raccolti alla fine della stagione di crescita, le radici più piccole e i peli gialli vengono rimossi, quindi il rizoma viene tagliato a fette ed essiccato per un uso successivo.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *