Come si prepara una talea di ciliegio

Come si prepara una talea di ciliegio

Il ciliegio (Prunus avium (L.) L., 1755) è una pianta la cui moltiplicazione normalmente non avviene per talea in quanto, tra l’altro, si coltiva su porta innesti con caratteristiche molto diverse anche in funzione del tipo di terreno, di vigoria, ecc..
Per tale motivo, per accorciare i tempi di fruttificazione, in genere, si scegliete di eseguire un innesto su un portainnesto già 3 – 4 anni.
Se comunque si decide di preparasi una pianta di ciliegio a partire da una talea il periodo più adatto è o in primavera o verso la fine del periodo estivo.
Se si opta per il periodo primaverile bisogna scegliere un ramo giovane, vigoroso e sano scartando i rami fioriferi o con gemme.
Se si opta per talee legnose, bisogna scegliere rami del periodo estivo con le stesse caratteristiche di quelle primaverili.
Abbiamo detto che il ramo deve essere giovane, privo di gemme e con poche foglie (è consigliato con due foglioline di cui una in posizione apicale ed una basale).
Recidete il ramo con una forbice precedentemente sterilizzata con dell’alcol o altro prodotto disinfettante neutro; la lunghezza consigliata è di 10 – 15 cm massimo.
A questo punto si recide la talea con un taglio netto e obliquo.

Prima di procedere si consiglia di lasciare la base della talea in acqua per qualche ora per poi immergerla in una sostanza radicante, possibilmente preparata artigianalmente.
Interrate per metà la vostra talea di ciliegio in una miscela di torba e sabbia (1:4).
A questo punto la talea va posta in un luogo in ombra o ancora meglio in una serra fredda ed avendo cura di irrigare tutti i giorni per i primi 10 giorni.
Per aumentare l’umidità relativa attorno alla talea si consiglia di applicare una busta intorno alla talea.
Se avete optato per la soluzione col film di plastica, dopo un mese, eseguite qualche buco sulla busta di plastica. La busta va tenuta fino a quando il rametto non emette le prime foglioline.
Se la talea dovesse attecchire, non spostate la pianta al sole. Tenetela in una zona all’ombra ancora per tre o quattro mesi.
Per i tempi di radicazione si consideri che le talee di ciliegio non radicheranno durante il primo mese. Normalmente le radici vengono emesse durante il secondo mese.
Per capire se la radicazione è in atto basta osservare le foglioline: se trascorso il secondo mese conserverà ancora le foglioline ci sono ottime possibilità che abbia attecchito con successo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *