Canarium luzonicum

Canarium luzonicum

L’Elemi (Canarium luzonicum ( Blume ) A.Gray) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Burseraceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Sapindales, Famiglia Burseraceae e quindi al Genere Canarium ed alla Specie C. luzonicum.
Sono sinonimi i termini:
– Canarium carapifolium G.Perkins;
– Canarium oliganth Merr.;
– Canarium polyanthum G.Perkins;
– Canarium triandrum Engl.;
– Pimela luzonica Blume.

Etimologia –
Il termine Canarium proviene da kanari o kenari, suo nome vernacolare malese.
L’epiteto specifico luzonicum è di provenienza sconosciuta.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Canarium luzonicum è un albero originario delle Filippine dove è minacciata dalla distruzione dell’habitat che è rappresentato dalla foresta pluviale di pianura e dalle foreste primarie a quote basse e medie.
È classificato come “vulnerabile” nella Lista rossa IUCN delle specie minacciate.

Descrizione –
L’ Elemi è un grande albero sempreverde dioico, che può raggiungere un’altezza di oltre 30 metri con un tronco che può avere un metro o più di diametro.
Le foglie sono alternate, pennate e lunghe circa 30 centimetri, comunemente con tre coppie opposte e un volantino terminale.
I volantini sono lisci, oblunghi-ovati, lunghi da 12 a 20 centimetri, larghi da 3 a 7 centimetri, lisci e lucenti su entrambi i lati, appuntiti all’apice, arrotondati o ottusi alla base.
I fiori sono raggruppati e portati su grandi infiorescenze composte.
La pianta è impollinata dagli insetti.
Il frutto è di forma ovoidale, lungo da 4 a 5 centimetri, largo da 2 a 2,5 centimetri, liscio, con un solo seme.

Coltivazione –
L’albero di Canarium luzonicum è ampiamente raccolto in natura dalla popolazione locale ed è anche occasionalmente coltivato per la sua resina e per i suoi semi commestibili.
Un singolo albero produce 4 – 5 chili di resina.
Le forme selvatiche di solito hanno tre, a volte due gherigli presenti nella noce, ognuno nel suo compartimento. Nel caso di alberi coltivati, tuttavia, a volte si trova un solo nocciolo in ogni noce; in questo caso, il gheriglio è proporzionalmente più grande.
Gli alberi sono dioici, sia le forme maschili che quelle femminili devono essere coltivate insieme se si devono ottenere frutti e semi.
Per quanto riguarda la propagazione non si hanno notizie tecniche di dettaglio ma i semi di questo genere hanno generalmente un mantello duro e germogliano in modo irregolare. Per questo motivo è comunque necessaria una scarificazione preliminare del mantello dei semi per consentire all’umidità di penetrare più facilmente e favorire una germinazione più rapida e uniforme.

Usi e Tradizioni –
Dalla resina di questa pianta (ottenuta da incisioni nella corteccia) si ricava, per distillazione, un olio essenziale (olio di elemi di Manila) che ha una lunga storia come uso medicinale.
Viene considerato antibatterico, antimicotico, antireumatico, antisettico, antispasmodico e rubefacente.
Uno studio sulla composizione dell’olio di elemi di Manila ha verificato la presenza di 39 composti, con il limonene che è il più abbondante con il 56%. I costituenti comprendono, oltre al limonene, fenandrene, elemolo, elemicina, terpineolo, carvone e terpinolene.
L’oleoresina viene applicata esternamente alle articolazioni; viene adoperata per patologie artritiche e reumatiche, bolle, ascessi, foruncoli, ustioni e piaghe. Viene riscaldato e applicato sul petto come cataplasma per fermare la tosse grave.
La resina dell’Elemi è morbida e profumata, oleosa, di colore da giallo chiaro a verdastro, di consistenza del miele, con odore balsamico e sapore amaro.
Viene utilizzata in vernici e inchiostri; per calafataggio barche; torce; profumeria e per varie applicazioni medicinali.
Può essere utilizzata per gli stessi scopi della trementina.
La corteccia degli alberi è comunemente usata per i bagni post parto.
L’olio essenziale è un ingrediente di un preparato commerciale chiamato “Lysout”, un gel schiumogeno anti-pidocchi naturale che contiene anche Echinacea purpurea.
Dalla corteccia si ottengono tannini di discreta qualità.
Il legno non è molto duro ed è usato per costruzioni leggere.
Questa specie è una delle fonti del legname di kedondong, che si ottiene da diverse specie della famiglia delle Burseraceae.
Tuttavia, l’albero è più apprezzato per la sua resina e i semi commestibili e quindi è poco raccolto per il suo legno.
La parola elemi è stata usata varie volte per indicare resine diverse. Nel diciassettesimo e diciottesimo secolo, il termine indicava in genere una resina proveniente da alberi del genere Icica in Brasile , e in precedenza rappresentava la resina derivata dalla Boswellia frereana. La parola, come il vecchio termine animi, sembra essere derivata da enhaemon (εναιμον): il nome di una medicina styptic detta da Plinio per contenere le lacrime che trasudavano dall’ulivo dell’Arabia.
Il nome Elemi deriva da una frase araba che significa” sopra e sotto “, un’abbreviazione di” Come sopra, così sotto “e questo ci dice qualcosa sulla sua azione sui piani emotivi e spirituali.”

Modalità di Preparazione –
Del Canarium luzonicum si possono fare diversi usi per scopi commestibili.
I semi si possono mangiare cotti o crudi. Hanno un sapore delizioso quando vengono tostati e vengono serviti come mandorle.
Possono anche essere usati in confezioni, gelati, latte di noci ecc. e come adulteranti del cioccolato.
Il mantello che circonda il nocciolo dovrebbe essere rimosso poiché può causare diarrea.
Un olio dolce ottenuto dal seme viene utilizzato per impieghi nelle cottura.
La polpa della frutta viene bollita e mangiata.
Un olio può essere estratto dalla polpa di frutta ed ha un sapore piccante, simile alla resina.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *