Parco nazionale delle Forêts

Parco nazionale delle Forêts

Il Parco nazionale delle Forêts è un parco francese che è stato istituito l’8 novembre 2019.
Questo parco ricade nei territori della regione della Borgogna-Franca Contea e della regione del Grande Est.
Il Parco Nazionale delle Forêts è situato nella parte nord-orientale della Francia metropolitana, non lontano da Parigi.
L’idea per la costituzione di questo parco fu presentata nel 2009 e, per tale scopo, sono stati coinvolti numerosi gruppi di lavoro e studi, per un periodo di 10 anni. Al fine di identificare i punti di forza e di debolezza per ciò che si voleva realizzare in modo che fosse un insieme coerente con le caratteristiche dell’area.
Il Parco nazionale delle Forêts è l’11° Parco Nazionale di Francia ed è il secondo più grande, dietro solo il Parco amazzonico della Guyana francese in Sud America.
Il Parco Nazionale delle Forêts ha una superficie di 560 chilometri quadrati ed attraversa il confine tra i dipartimenti dell’Alta Marna e della Costa d’Oro.

Flora –
All’interno del parco troviamo una foresta decidua molto ricca di biodiversità.
All’ombra degli alberi della foresta, c’è una grande diversità di arbusti rappresentativi degli altipiani calcarei.
Le piante del sottobosco sono anche tipiche dei terreni calcarei, ma c’è anche una processione di specie più notevoli, come la primavera Nivéole (una pianta protetta, tra le prime a fiorire nell’anno), il giglio martagone. e lo spettacolare Sabot de Vénus.
Meno noti ma non meno notevoli, sono molte specie di muschi e licheni che occupano questo territorio. La ricchezza del lichene polmonario ricopre un significato importante perché è un indicatore ecologico della continuità di presenza della foresta e della buona qualità dell’aria.
Infine, per gli amanti dei funghi questo parco è ricco di finferli, spugnole, funghi porcini e altri tartufi di Borgogna.
Inoltre le foreste del Parco nazionale delle Forêts ospitano un numero molto elevato di altre specie che svolgono un ruolo essenziale nel corretto funzionamento di questi ecosistemi, come alcuni funghi che svolgono un ruolo importante nella crescita degli alberi e nel degrado della materia organica.

Fauna –
Il Parco nazionale delle Forêts ospita tutta la tradizionale processione della fauna forestale. Volpi, tassi, martore, donnole, ricci e pipistrelli sono quindi presenti tra tanti altri mammiferi.
Tuttavia, le foreste che ricadono nel parco, si distinguono per un gran numero di ungulati (cervi, cinghiali, cervi), frutto della gestione forestale molto antica legata alla caccia. Ospitano anche una notevole popolazione di gatti della foresta che amano i grandi massicci forestali associati a prati naturali che offrono loro pace, alloggio e risorse alimentari.
Nella foresta sono presenti, inoltre, un gran numero di specie di uccelli.
Si annovera la cicogna nera, molti rapaci: in primo piano il gufo di Tengmalm, una specie tradizionalmente montana il cui territorio del parco nazionale è una delle poche località di pianura in Francia. È stata inoltre identificata un’area di protezione speciale molto ampia di quasi 60.000 ettari per migliorare la loro conservazione nell’ambito di Natura 2000.
Ma la maggior parte della ricchezza faunistica delle foreste del parco è nascosta nel suolo, nelle foglie e nel bosco, insieme agli invertebrati. Gli insetti che si nutrono di legno (coleotteri “saproxylic”) sono particolarmente abbondanti.
Queste foreste ospitano anche notevoli specie di farfalle, alcune delle quali, in Francia, minacciate di estinzione.
L’incredibile diversità di invertebrati non si esaurisce con gli insetti. Oltre alla famosa lumaca della Borgogna, la famiglia delle lumache comprende più di cinquanta specie presenti in queste foreste, alcune delle quali sono rare come il Cochlostome della Borgogna.
Una menzione a parte spetta alla cicogna nera, uccello emblematico ma vulnerabile.
Dopo essere scomparsa nel diciannovesimo secolo, la cicogna nera è tornata gradualmente nel perimetro di quello che sarebbe divenuto Parco nazionale delle Forêts, dagli anni 1990. Attualmente vi nidificano da 5 a 6 coppie, ovvero oltre il 20% della popolazione francese.
È il legame naturale tra i grandi massicci forestali (dove nidifica) e i fiumi e le valli (dove si nutre), testimoniando così il valore ecologico del territorio e illustrando perfettamente il concetto di solidarietà ecologica che sarà al centro delle sfide nel futuro del Parco nazionale delle Forêts.
Al fine di aiutare a migliorare le conoscenze su questo uccello l’amministrazione del Parco nazionale delle Forêts ha abbinato un programma per migliorare le conoscenze sulla cicogna nera.
È coordinato dall’ONF, nelle regioni di Borgogna e Champagne-Ardenne. Le cicogne nere vengono monitorate al fine di seguire le loro migrazioni via satellite ma anche di comprendere gli stili di vita della specie durante il loro periodo di riproduzione.

Guido Bissanti

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *