Bursera simaruba

Bursera simaruba

Il gumbo-limbo o albero della gomma (Bursera simaruba (L.) Sarg. 1890) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Burseraceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Sapindales, Famiglia Burseraceae e quindi al Genere Bursera ed alla Specie B. sima ruba.
Sono sinonimi i termini:
– Pistacia simaruba L. 1753;
– Elaphrium simaruba (L.) Rose;
– Bursera arborea (Rose) L.Riley;
– Bursera bonairensis Bold.;
– Bursera gummifera L.;
– Bursera gummifera var. glabrata Griseb.;
– Bursera gummifera var. polyphylla DC.;
– Bursera integerrima (Tul.) Triana & Planch.;
– Bursera simaruba var. yucatanensis Lundell;
– Bursera subpubescens (Rose) Engl.;
– Elaphrium arboreum (Rose) Rose;
– Elaphrium integerrimum Tul.;
– Elaphrium subpubescens Rose;
– Icicariba simaruba M.Gómez;
– Terebinthus arborea Rose;
– Terebinthus simaruba (L.) W.Wight ex Rose.

Etimologia –
Il termine Bursera del genere è stato dedicato a Joachim Burs(ch)er (1583-1639), medico tedesco, allievo di C. Bauhin, che erborizzò sui monti presso Salisburgo e nel Vallese.
L’epiteto specifico sima ruba proviene dall’idioma originario della lingua caraibica.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Bursera simaruba è un albero originario delle regioni tropicali delle Americhe; presente dalla Florida meridionale al Messico e dai Caraibi al Brasile, Jinotega (Nicaragua) e Venezuela.
Generalmente si trova nelle foreste secche, ma a volte nelle foreste più umide e nelle mangrovie, formazione vegetali, costituite da piante prevalentemente legnose, che si sviluppa sui litorali bassi delle coste marine tropicali, in particolare nella fascia periodicamente sommersa dalla marea.

Descrizione –
La Bursera simaruba è un albero di dimensioni medio-piccole che cresce fino a 30 metri di altezza, con un diametro di un metro o meno a 1,5 metri dal suolo.
La corteccia è di colore rosso scuro lucido, e le foglie, decidue, sono disposte a spirale e pennate con 7-11 volantini; ogni volantino largo ovato è lungo 4-10 cm e largo 2-5 cm.
Le foglie sono di un verde brillante e i fiori sono bianco crema.
I fiori sono impollinati dagli insetti, in particolare dalle api. La pianta non è autofertile.
I frutti sono bacche rosse succulenti commestibili.

Coltivazione –
Il gumbo-limbo è una pianta che cresce nei suoi habitat e che si può utilizzare a bosco ceduo, tagliato a terra ripetutamente, per via della sua capacità di rigettare vigorosamente. Importante è quello di operare con sistemi di gestione non distruttivi che mantengono il carbonio organico nel suolo.
Può essere propagato sia per seme, che rimane vitale per 10 mesi, che per talea che radica facilmente. Anche i rami grandi di 1-3 metri sono in grado di radicare.
Se si deve produrre seme, sia le piante maschili che femminili devono essere coltivate.
Questa pianta preferisce le aree in cui la temperatura media annuale è compresa tra 18 e 25 ° C e la piovosità media annua è di 800-3000 mm.
Preferisce una posizione soleggiata e un terreno ben drenato. Cresce, inoltre, su una vasta gamma di terreni, tra cui litosoli, vertisoli e ossisoli. Le piante oramai radicate sono resistenti alla siccità.

Usi e Tradizioni –
In medicina, l’albero della gomma promuove la sudorazione, la minzione, il movimento intestinale e la guarigione delle ferite. È usato come trattamento per l’idropisia, la dissenteria e la febbre gialla. Le foglie di questa pianta vengono utilizzate in sostituzione del te.
La resina ottenuta dalla corteccia è diaforetica, diuretica, purgativa e vulneraria. È usato nel trattamento di idropisia, dissenteria e febbre gialla.
La corteccia produce l’elemi americano, altrimenti noto come cachibok o gomart, una resina di balsamo utilizzata nelle vernici e come sostituto della gomma arabica. Ha molti altri usi come colla, vernice per canoa.
Gli alberi sono usati come recinzione vivente per delimitare i pascoli, usando picchetti lunghi 1-3 metri, spessi 10-15 cm e distanziati di 3 metri o più.
Viene anche usato come colla per riparare porcellana e vetro rotti.
La pianta è utilizzata dai Maya, come incenso, fin dai tempi antichi ma è ancora concentrato, essiccato e usato nel moderno Sud America come incenso nelle chiese.
La resina aromatica è un repellente naturale per insetti e non sono stati segnalati parassiti o malattie per questa specie.
Il durame è bianco, giallastro o marrone chiaro; non è differenziato dall’alburno. Sia il durame che l’alburno sono spesso scoloriti in un grigio da funghi che macchiano la linfa.
Il legno è morbido e leggero, ideale come impiallacciatura, compensato, mobili rustici, fiammiferi e stuzzicadenti, armadietti, ecc. Quando essiccato, viene utilizzato come legna da ardere o carbone ed è poco resistente a contatto con il suolo.
Il legno è usato per impiallacciatura, come compensato per uso interno, in mobili rustici, per scatole e casse ruvide, come maniglie per utensili, come suole per sandali, per fiammiferi e stuzzicadenti, per costruire armadi, per realizzare articoli decorativi.
Dal punto di vista ecologico questa pianta attrae le api, le farfalle e gli uccelli.
L’albero produce frutti maturi tutto l’anno, ma la stagione di fruttificazione principale è marzo e aprile nella parte settentrionale dell’area di crescita della pianta. Sia i frutti maturi che quelli non maturi sono generati in modo abbastanza lento sui loro steli e possono staccarsi spontaneamente se l’albero viene scosso. Le capsule mature sono deiscenti o vengono spaccate dagli uccelli. Gli uccelli cercano anche il frutto per nutrirsi dell’arillo, che, sebbene piccolo, è ricco di lipidi (circa la metà del suo peso secco).
La rapida crescita, la facilità e il basso costo di propagazione del gumbo-limbo e la versatilità ecologica lo rendono altamente raccomandato come albero “di avviamento” nella riforestazione, o per habitat degradati, e in generale ha un rendimento molto migliore in tale ruolo rispetto alla maggior parte delle specie esotiche.

Modalità di Preparazione –
La resina di questa pianta viene utilizzata come trattamento per la gotta, mentre le foglie vengono preparate per ottenere un tè medicinale.
È stato dimostrato che gli estratti di esano delle foglie possiedono proprietà antinfiammatorie nei test sugli animali.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *