Berberis aristata

Berberis aristata

Il Crespino indiano (Berberis aristata DC.) è una specie arbustiva appartenente alla famiglia delle Berberidaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Sottoclasse Magnoliidae, Ordine Ranunculales, Famiglia Berberidaceae e quindi al Genere Berberis ed alla Specie B. aristata.
Sono sinonimi i termini:
– Berberis chitria Lindl;
– Berberis coriaria Royle ex Lindl.

Etimologia –
Il termine Berberis è la forma latinizzata proveniente dal sanscrito varvarata, ruvidezza.
L’epiteto specifico aristata significa dotato di reste, da arista resta della spiga.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Crespino indiano è una specie che vive nelle regioni temperate e subtropicali dell’Asia, dell’Europa e dell’America ed è originario di un’areale compreso tra Himalaya e Nepal. [1] Si trova allo stato naturale nella zona umida dello Sri Lanka.
Il suo habitat è quello delle foreste tropicali anche parzialmente ombreggiate e dei bordi di queste aree.

Descrizione –
Berberis aristata è un arbusto spinoso eretto, la cui altezza oscilla tra 2 e 3 m di altezza. Ha consistenza legnosa con corteccia di colore da giallo a marrone dall’esterno e giallo intenso dall’interno. La corteccia è coperta di spine a tre, che sono foglie modificate e possono essere rimosse a mano in strisce longitudinali.
Le foglie sono disposte in ciuffi da cinque a otto e sono lunghe circa 4,9 cm e larghe 1,8 cm e sono di colore verde intenso sulla superficie dorsale e verde chiaro sulla superficie ventrale. Le foglie sono semplici con venature pennate ed hanno consistenza coriacea e sono dentate, con numerose dentellature lungo il margine della foglia.
La specie è ermafrodita (ha organi sia maschili che femminili), con fiori di colore giallo ed è impollinata dagli insetti e la pianta è autofertile.
Il diametro medio di un fiore completamente aperto è di 12,5 mm. I fiori formano un’infiorescenza racemosa , con 11-16 fiori per racemo, disposti lungo uno stelo centrale. Il fiore ha tre sepali grandi e tre piccoli e sei petali in totale. La struttura riproduttiva maschile, androecio , è poliandrea e contiene sei stami, lunghi 5–6 mm. La struttura riproduttiva femminile, il gineceo , è lunga 4-5 mm ed è composta da uno stile corto e da un ampio stigma.
L’antesi è nel periodo di maggio.
La pianta produce grappoli di bacche succulente, acide e commestibili, di colore rosso vivo e con proprietà medicinali.
I frutti iniziano a maturare dalla seconda settimana di maggio e continuano a farlo per tutto il mese di giugno.
Le bacche sono lunghe circa 7 mm per 4 mm e pesano circa 227 mg.

Coltivazione –
Berberis aristata è una pianta alquanto resistente al gelo, sempreverde, adatta a terreni argillosi, caldo umidi e leggermente ombreggiati anche se può crescere in terreni più sciolti e poco profondi.
Si tratta di una pianta che può essere potata abbastanza severamente anche dalla base. I frutti sono talvolta venduti nei mercati locali in India. È una specie che si ibrida facilmente con altri membri dello stesso genere.
Le piante selvatiche producono circa 650 g di frutta in 4 raccolti.

Usi e Tradizioni –
Il Crespino indiano, noto anche come “chutro” o albero della curcuma produce dei frutti molto aromatizzati, che hanno un sapore dolce ed acido e con una leggera amarezza causata dai semi.
I frutti sono molto apprezzati dai bambini. In India vengono essiccati e usati come l’uvetta.
In generale i frutti vengono mangiati dalle persone che vivono nelle aree in cui si trova la pianta, spesso come dessert. Sono succosi e contengono molti zuccheri e altri nutrienti utili che completano la loro dieta. Le radici possono anche essere usate per fare una bevanda alcolica.
Questo frutto contiene circa 2,3% di proteine, 12% di zuccheri, 2% di ceneri, 0,6% di tannino, 0,4% di pectina. Inoltre sono presenti 4,6 mg di vitamina C per 100 ml di succo.
Tra i componenti importanti di questa pianta ricordiamo poi un alcaloide che è la berberina.
Di questa pianta poi il gambo secco, la corteccia della radice e il legno sono alterativi, antiperiodici, diaforetici, lassativi, oftalmici e tonici (amari).
Un’infusione viene utilizzata nel trattamento della malaria, per disturbi agli occhi, malattie della pelle, menorragia, diarrea e ittero.
La berberina, universalmente presente nei rizomi delle specie Berberis, ha marcati effetti antibatterici. Dal momento che non viene assorbita in modo apprezzabile dall’organismo, viene utilizzata per via orale nel trattamento di varie infezioni enteriche, in particolare la dissenteria batterica. Non dovrebbe essere usato con le specie Glycyrrhiza (liquirizia) perché questo annulla gli effetti della berberina. Inoltre la berberina ha anche mostrato attività antitumorale.
Da questa pianta si ottiene, inoltre, un colorante giallo, ricavato dalla radice e dallo stelo. Importante fonte di coloranti e tannini, è forse una delle piante con migliori coloranti a base di tannini disponibili in India e viene utilizzata per tingere i vestiti e per abbronzare la pelle.
Il legno è usato come combustibile. I rami spinosi sono usati per realizzare schermature impenetrabili attorno ai campi.
In India la Berberis aristata è usata nella fitoterapia tradizionale. Il suo gambo, le radici e frutti sono usati nella medicina Ayurveda.

Modalità di Preparazione –
Le parti edibili di questa pianta sono i fiori e i frutti.
Oltre all’uso dei frutti, per i vari usi alimentari, i boccioli dei fiori vengono aggiunti alle salse.
Una preparazione chiamata rasaunt viene preparata facendo bollire la corteccia delle radici e delle parti inferiori dei gambi in acqua. La soluzione viene quindi filtrata ed evaporata fino ad ottenere una massa semisolida, che è il rasaunt. Questo viene mescolato con burro e allume o con oppio e succo di lime.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *