Mimetismo mertensiano

Mimetismo mertensiano

Col termine mimetismo mertensiano si intende una forma di mimetismo che nella sua interpretazione risulta piuttosto complicato e che non viene accettato universalmente da tutti i biologi.
Il mimetismo mertensiano fu scoperto per la prima volta da W. Wickler che suggerì questo appellativo in onore del naturalista R. Mertens, naturalísta che studiò a fondo i serpenti corallo dell’America centro meridionale, animali nei quali questo fenomeno mimetico è stato frequentemente riscontrato.
Il nome “serpenti corallo” dato a questi rettili, è dovuto alla loro vistosa livrea formata da bande alternate di colore rosso, nero e giallo.
Questi ofidi appartengono a due diverse famiglie, gli Elapidi, velenosi e spesso letali, ed i Colubridi, innocui.
Nello specifico un anello mimetico mertensiano consiste di tre o più componenti.
Nella situazione più semplice si hanno due mimi ed un solo modello e precisamente:

– a) un colubride appetibile (mimo);
– b) un elapide mortale (mimo);
– c) un elapide moderatamente velenoso (modello).
La specie ‘b” pur essendo protetta non può rappresentare il modello, in quanto il suo predatore non può essere in grado di fare esperienza su di essa poiché in genere muore dopo aver attaccato la preda. Allo stesso modo, anche la specie “a”, in quanto innocua, non avrebbe nulla da “insegnare” al predatore affinché la eviti.
Quindi è la specie “c”, moderatamente velenosa, ad avere i migliori requisiti per rappresentare il modello per entrambi i mimi.
È interessante osservare come tra le specie “a” e “c” si stabilisca un mimetismo di tipo batesiano, mentre tra le varie specie di tipo “c” si abbia un mimetismo di tipo mülleriano e tra le specie “b” e “c” un mimetismo di tipo mertensiano.
È evidente che come nel mimetismo batesiano, anche in questo caso, sia importante che il modello sia numericamente predominante sui due mimi.

Un acquisto che vi consigliamo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *