Poecile palustris

Poecile palustris

La cincia bigia (Poecile palustris (Linnaeus, 1758)) è un uccello passeriforme di piccole dimensioni appartenente alla famiglia dei Paridae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Phylum Chordata, Classe Aves, Sottoclasse Neornithes, Superordine Neognathae, Ordine Passeriformes, Sottordine Oscines, Infraordine Passerida, Superfamiglia Paroidea, Famiglia Paridae e quindi al Genere Poecile ed alla Specie P. palustris.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La cincia bigia è presente in quasi tutta l’Europa tranne che nelle regioni all’estremo nord.
In Italia è presente in tutto il centro-nord anche se in maniera disomogenea e risulta meno frequente al sud ed assente in Sardegna.
Il suo habitat è quello dei querceti e dei boschi di caducifoglie in generale, anche se la si può trovare nei parchi e giardini, soprattutto durante la stagione invernale.
Questo uccello nidifica su Alpi, Appennini e sui Monti Nebrodi in Sicilia.

Descrizione –
Poecile palustris è un piccolo volatile che si distingue per il piumaggio di colore castano sul dorso, sulle ali e la coda, mentre è più chiaro sull’addome con un caratteristico cappuccio nero e guance bianche.
Il capo, nella parte superiore, è di colore nero fino all’occhio, mentre guance orecchie e fin quasi sulla nuca sono di colore bianco. Sulla gola è presente un bavaglino nero. Il petto, l’addome e il ventre sono di colore bianco sporco – fulvo chiaro. Il becco e le zampe sono grigie. I giovani sono del tutto simili agli adulti.
Non presenta dimorfismo sessuale ed ha una lunghezza di 12 cm per un’apertura alare di 19-21 cm.
Il canto della cincia bigia è un “ptciu” nasale ben squillante, ripetuto più volte.

Biologia –
La cincia bigia in primavera costruisce un nido soprattutto nelle cavità preesistenti di tronchi, ceppi e radici, occasionalmente in cunicoli e fenditure di muri, utilizzando muschio, peli di lepri e di conigli selvatici.
Nel periodo che va da aprile a giungo depone 7-10 uova, che sono di colore bianco macchiate di bruno, e che vengono incubate in prevalenza dalla femmina. L’incubazione dura dai 13 ai 17 giorni ed entrambi i genitori provvedono al reperimento del cibo fino all’autosufficienza dei piccoli.
La maturità di questi per il primo involo avviene dopo 2-3 settimane.

Ruolo Ecologico –
La cincia bigia, così come le altre specie consimili, è un uccello insettivoro che integra la sua dieta con piccoli frutti, semi e miele.
L’areale della popolazione italiana risulta essere vasto (maggiore di 20000 km², Boitani et al. 2002), il numero di individui maturi è stimato in 60000-200000 (BirdLife International 2004, Brichetti & Fracasso 2011) ed è risultato stabile nel periodo 2000-2010. La specie in Italia è ancora abbondante e non soggetta a minacce specifiche. Essa non sembra dunque raggiungere le condizioni per essere classificata entro una delle categorie di minaccia (declino della popolazione del 30% in tre generazioni, ridotto numero di individui maturi, areale ristretto) e viene pertanto classificata a Minore Preoccupazione (LC).
La popolazione italiana è stimata in 30.000-100.000 coppie ma il trend è sconosciuto (BirdLife International 2004).

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– C.Battisti, D. Taffon, F. Giucca, 2008. Atlante degli uccelli nidificanti, Gangemi Editore, Roma.
– L. Svensson, K.Mullarney, D. Zetterstrom, 1999. Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente, Harper Collins Editore, Regno Unito.

Link per acquistare su Amazon



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *